Skip to content

Gli Accordi di Libero Scambio: uno sguardo d’insieme e focus sul NAFTA

A Man Without a Plan: il Futuro del NAFTA secondo Trump

Sin dall'inizio della sua campagna elettorale, Donald Trump, nel suo “Contratto con l'elettore americano”, ha definito il percorso da intraprendere nei primi cento giorni della sua Presidenza “to make America great again”. Tra i vari punti inclusi, ve ne sono alcuni che delineano il programma in materia di politica commerciale con l'estero: uno di questi, che ci interessa in modo particolare, sottolinea l'intenzione di adottare una politica basata su una retorica nazionalista e “antiglobalista” e su contenuti protezionistici, il tutto costruito sulla convinzione che gli Stati Uniti subiscano da decenni una guerra commerciale, e che questa sia la causa principale dell'enorme deficit del paese.

Quello che ci interessa, ai fini della trattazione, sono la rinegoziazione del NAFTA e l'eventuale recesso dallo stesso nel caso in cui le negoziazioni non dovessero andare nella direzione voluta dal Presidente. Questo programma politico, riconfermato dopo la campagna elettorale e supportato da provvedimenti concreti, preoccupa i numerosi partner commerciali degli Stati Uniti, che temono sia per i propri interessi economici che per la stabilità e la sopravvivenza dell'intero sistema degli scambi internazionali [Ligustro, 2017].

Ad oggi si sono conclusi quattro dei sette round di negoziazione con i rappresentanti dei tre Stati, nel tentativo di raggiungere un punto d'incontro sui temi più salienti di questa rinegoziazione; tuttavia sembra che, per ora, non sia stato raggiunto nessun risultato concreto per dissuadere gli Stati Uniti dal tirarsi fuori dall'Accordo.

Se i rappresentanti di Messico e Canada, insieme agli addetti ai lavori in campo economico, insistono sui potenziali benefici per tutte le parti coinvolte derivanti da un ammodernamento del NAFTA per regolamentare elementi come l'e-commerce, Trump sembra meno interessato ad un risultato che possa soddisfare tutti, e mira piuttosto ad ottenere il massimo possibile per il suo Paese – con la minaccia di ritirarlo dall'Accordo se ciò non dovesse accadere.

Tutto ciò viene perseguito senza considerare che Canada e Messico sono il primo e il terzo mercato per le esportazioni americane di prodotti agricoli, tra cui carne e latticini, cereali, frutta, vegetali e dolcificanti, e che molti stati americani destinano buona parte della loro produzione ai mercati messicani e canadesi (nel 2016 Canada e Messico hanno importato beni e servizi dagli Stati Uniti per un valore di 583 miliardi di dollari); inoltre società come Ford e Boeing, che hanno messo in atto operazioni di produzione transfrontaliera, affronterebbero notevoli disagi nel caso in cui il Trattato dovesse sfaldarsi. Infine, compagnie come Amazon, FedEx ed eBay beneficierebbero molto da un'espansione delle proprie piattaforme a tutti i paesi membri [Forbes, 2017].

Un tratto evidente della politica commerciale di Trump è costituito dall'insofferenza per ogni forma di cooperazione multilaterale, con la preferenza per i rapporti bilaterali – ritenuti più funzionali alla tutela degli interessi nazionali. Di questo orientamento è destinato a farne le spese anche il NAFTA. Anche se finora non è stato intrapreso alcun passo concreto contro tale accordo, è altrettanto vero che alcune misure annunciate o già adottate dagli Stati Uniti li espongono ad una potenziale reazione degli altri sottoscrittori, poiché tali misure sono palesemente incompatibili con determinate regole del NAFTA. A titolo di esempio, per citare uno dei casi più eclatanti, l'ordine esecutivo presidenziale dal titolo “Buy American, Hire American” (compra americano, assumi americano), volto a favorire l'uso di materiale e manodopera statunitensi nella realizzazione di opere pubbliche sul territorio nazionale, va contro il fondamentale principio di non discriminazione nel trattamento di merci e imprese in base alla loro nazionalità.

È facile dunque che, in caso di ricorsi del Canada e del Messico o delle loro imprese, o ancor più in caso di eventuali condanne degli Stati Uniti, Trump possa voler rendere effettivo il suo proposito di cambiare profondamente, oppure denunciare, lo stesso NAFTA.

Se da una parte gli Stati Uniti nutrono seri dubbi sulla capacità del NAFTA di tutelare i propri interessi e ne valutano l'uscita senza mezzi termini, il Canada 'risponde' stringendo un accordo nel 2016 con l'Unione Europea: il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) prevede l'abolizione di una buona parte dei dazi doganali tra le due parti. Anche se molti sono scettici riguardo tale accordo, questo ben rappresenta l'incrinatura nei rapporti tra i due paesi, e la volontà del Canada di rinsaldare i rapporti con l'Occidente anche in funzione di interessi strategici.

Il Messico, al contrario, è rimasto fortemente destabilizzato dall'attacco al NAFTA e all'integrazione del Nord America operato dal nuovo Presidente, poiché non dispone dei mezzi per diversificare le proprie strategie economico-commerciali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli Accordi di Libero Scambio: uno sguardo d’insieme e focus sul NAFTA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Battini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Roberto Ricciuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stati uniti
canada
messico
nafta
fta
donald trump
accordi di libero scambio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi