Skip to content

La difficoltà della comunicazione e dello sviluppo del linguaggio in bambini affetti da autismo

L'insegnamento attraverso gli Operanti verbali

Le teorie tradizionali che si sono occupate dello sviluppo del linguaggio (Chomsky, Piaget, Pinker, Brown, Brunner) hanno diviso il linguaggio in due categorie: “linguaggio espressivo” e “linguaggio ricettivo” e hanno dominato per lungo tempo il settore della valutazione e del trattamento per bambini con disturbi e/o ritardo del linguaggio.

Considerato in quanto comportamento, anche il linguaggio sottostà alla contingenza di tre termini: antecedente-comportamento-conseguenza. L’antecedente descrive la situazione prima del comportamento e comprende il controllo dello stimolo e la motivazione (MO), il comportamento rappresenta la forma della risposta che la persona attua rispetto all’antecedente e infine la conseguenza sono le azioni che seguono quel determinato comportamento.

Date queste premesse anche il comportamento verbale può essere studiato sulla base degli stimoli ambientali che lo precedono e che lo seguono: la parola non viene più definita sulla base della sua forma, ma per la sua funzione, ossia sulla base delle variabili che ne controllano l’emissione.

Nel Verbal Behavior, Skinner sottolinea che l’unità di analisi di un comportamentale del linguaggio comprende sia le proprietà formali che quelle funzionali di un enunciato in riferimento alla teoria della contingenza a tre termini. Skinner chiama questa unità “operante verbale” e “repertorio verbale” il gruppo di operanti di uno specifico individuo.

Molti bambini autistici non possiedono un repertorio verbale che comprende le risposte per ciascuna delle categorie relative alla stessa parola, ovvero la topografia. Questo accade perché le categorie sono funzionalmente indipendenti, e le risposte possono non trasferirsi a tutte le categorie senza un insegnamento specifico.

Il linguaggio viene così analizzato in una serie di unità funzionali, con ciascun tipo di operante che svolge una funzione differente. Skinner ipotizza che il repertorio completo del linguaggio è composto da molti e differenti tipi di comportamento del parlante e dell’ascoltatore. Al centro dell’analisi funzionale di Skinner relativamente al comportamento del parlante vi è la distinzione tra Mand, Tact e Intraverbale classificati come “linguaggio espressivo”. Skinner aggiunge anche ecoico, testuale, dettato e copiato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La difficoltà della comunicazione e dello sviluppo del linguaggio in bambini affetti da autismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Cavaliere
  Tipo: Tesi di Master
Master in Analisi applicata del comportamento (ABA)
Anno: 2016
Docente/Relatore: Giulia Savarese
Istituito da: Università degli Studi di Salerno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione aumentativa alternativa
spettro autistico
pecs
aba
verbal behavior
linguaggio dei segni
analisi comportamentale
operanti verbali
training mand manding
comportamento verbale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi