Skip to content

IL BURNOUT - Stress emotivo nelle professioni d'aiuto

l ‘job burnout’ oltre i contesti socio-sanitari

Il fenomeno del burnout è sempre stato un serio problema che ha interessato le attività dei servizi sociali e sanitari ma, nel contesto della realtà dei nostri tempi, ha subito una rapida diffusione. Come risultato dei cambiamenti societari ed economici, sono aumentati i fattori che possono causarne l’insorgenza, anche in ambito di molte altre professioni. Con l’espressione work-related stress si vuol fare intendere che, praticamente, ogni mansione lavorativa risente di un carico di stress associato e, evitando di scadere in generalizzazioni, risulta palese che i margini entro cui si possa sviluppare la sindrome sono di tipo contesto-specifici.

La Maslach, in collaborazione con altri autori, è riuscita ad estendere la pertinenza e l’applicabilità della patologia del burnout a quasi tutti i contesti organizzativi, apportando delle relative modifiche al preesistente strumento di misura del Maslach Burnout Inventory (l’MBI) che, come già detto, era stato studiato e progettato esclusivamente per le professioni d’aiuto. Nel corso dei dibattiti congressuali è emersa l’idea, supportata da più parti, che lo studio del burnout fosse stato limitato a questa categoria di lavoratori anche perché si disponeva di uno strumento di ricerca specifico per essere somministrato solo nelle helping professions. Con la messa a punto del nuovo strumento denominato Maslach Burnout Inventory-General Survey e, attraverso la sua applicazione, la nuova corrente di ricerche ha potuto dimostrare l’estendibilità del costrutto anche alle organizzazioni produttive (Shaufeli, Maslach, Jackson et al., 1996 in Magnani, Majer, 2011).

A tal proposito, un’altra serie di studi sono stati condotti per verificare se l’insorgenza del burnout fosse connessa prevalentemente al peso specifico dei client-related-stressors, ovvero la condizione di stress derivante dall’interazione conflittuale e il contatto con pazienti difficili, cronici, in stato terminale tipiche delle professioni sociosanitarie; piuttosto che ai job-related-stressors, attraverso cui si è soliti indicare lo stato di stress derivante dal carico di lavoro, dall’assenza di equità, dai conflitti di ruolo, dal clima organizzativo tipico di diversi contesti lavorativi. Ebbene, dall’analisi dei risultati delle ricerche, sembrerebbe che risulti restrittivo parlare di job burnout come unicamente influenzato dalla presenza di utenti e pazienti difficili (ivi). Inoltre, la proposta di includere nella categoria degli stressors interpersonali e relazionali, oltre a quelli tipici del rapporto con l’utente, anche quelli che interessano qualsiasi tipo di contatto emotivamente significativo che avviene in ambito lavorativo, come la relazione con il capo, i colleghi, i collaboratori, potrebbe consentire di comprendere il fenomeno del burnout in chiave più attuale.

Nonostante questi nuovi sviluppi, rimangono ancora oggi molti dubbi sulla possibilità di trasferire l’oggetto di studi sul job burnout al di fuori dei contesti socio-sanitari ed educativi. In Italia il discorso è aperto e la ricerca è ancora in via di sviluppo. Tuttavia, poter applicare il costrutto in altri ambiti organizzativi, se si tiene in giusto conto il contesto e la cultura proprie di quella realtà, potrebbe fornire un valido aiuto alle organizzazioni che intendono capire come un certo tipo di problematiche nascano al loro interno e supportare le stesse in un percorso di prevenzione ed intervento efficace.

Come ha origine il burnout? Quali sono le aree della vita organizzativa che più risentono di questo disagio? L’analisi seguente valuta sei tipi di discrepanza tra persona e lavoro, senza soffermarsi esplicitamente sulla relazione d’aiuto tipica dei servizi socio-sanitari, ma ciò non vuol dire che essa non sia estendibile anche in queste specifiche organizzazioni.

Questo brano è tratto dalla tesi:

IL BURNOUT - Stress emotivo nelle professioni d'aiuto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ignazio Chiodo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gioacchino  Lavanco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
insegnanti
stress
organizzazioni
burnout
infermieri
operatori sociali
job burnout
professioni d'aiuto
lavoro correlato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi