Skip to content

L'Alto Veliero oltre lo Stretto: la letteratura della Sicilia oltre le strettoie dell'esistente.

Il viaggio sentimentale oltre lo Stretto: la poesia di Quasimodo oltre le strettoie dell'esistenza

Quale poeta non ha posto la sua siepe come confine del mondo, come limite dove il suo sguardo arriva più distintamente? La mia siepe è la Sicilia: una siepe che chiude antichissime civiltà e necropoli e latomie e telamoni spezzati sull'erba e cave di salgemma e zolfare e donne in pianto da secoli per i figli uccisi, e furori contenuti o scatenati, banditi per amore o per giustizia.
Anch'io non ho cercato lontano il mio canto, e il mio paesaggio non è mitologico o parnassiano: là c'è l'Anapo e l'Imera e il Platani e il Ciane con i papiri e gli eucalyptus, là Pantalica con le sue tane tombali scavate quarantacinque secoli prima di Cristo «fitte come celle d'alveare», là Gela e Megara Iblea e Lentini: un amore, come dicevo, non può dire alla memoria di fuggire per sempre da quei luoghi.


In questi termini si esprimeva Quasimodo in Una poetica, scritto nel quale vengono elencati le località e i siti paesaggistici isolani che più di frequente compaiono nei suoi versi: la Gela dorica, la Lentini di Gorgia, i telamoni del tempio di Giove ad Agrigento, la necropoli di Pantalica e la polis di Megara Iblea. Si tratta di un'affollata galleria di immagini, di paesaggi concreti e mentali che finiscono per costituire, insieme, per squarci isolati e come pezzi di un puzzle da comporre, la topografia di un inedito paesaggio en plein air.

Luoghi reali, conosciuti dal lettore, ma che acquisiscono nuovo significato nella 'dimensione' del ricordo, dell'elaborazione memoriale. La poesia di Quasimodo in tal modo, partendo da dati reali, concreti, ne ridefinisce assetti e significati, e, contribuendo a ridisegnare il complessivo volto dell'Isola, ne ridefinisce nel contempo le più significative tappe storiche; e ricerca nell'intreccio di natura e cultura motivazioni e cause, individuali e sociali, di quel senso di solitudine, di stanchezza, aspetto ineliminabile tanto dell'animo del poeta quanto in quello degli isolani in generale.

Eppure è attraverso uno struggimento dell'animo, lacerato dalla dialettica tra restare e partire, tra il passato e il presente, che il poeta, consapevole della sua posizione liminare, si riappropria della sua terra di origine, ma lo fa proprio nel momento in cui fisicamente ne è lontano. La riappropriazione dei luoghi avviene così nello spazio del ricordo, e la scrittura, lungi dal restare semplice trasposizione di un'esperienza, sublima l'assenza e l'esilio, mentre gli episodi salienti della vita del poeta assurgono ad esperienza aspaziale e atemporale:

Tu hai ascoltato dalla sua voce la mia anima, l'anima della mia gente?
Potessi anch'io scendere nel cuore, nel sangue vivo di quel popolo. Per me l'isola è ora nella mitologia, va alla deriva in cerca del suo spazio preciso sulle acque. […] Io sono qui prigioniero.


Dei molteplici aspetti e delle diverse tipologie di descrizione che contrassegnano 'l'Isola plurale' di bufaliana memoria, Quasimodo preferisce rappresentare un aspetto caratteristico della Sicilia, descrivendone la siepe o la cave di zolfare, o tratteggiandone una simbologia mitica, millenaria, ancestrale.

Si delinea così, pagina dopo pagina, un percorso di lettura e significazione delle realtà isolane, in cui la fisicità dei luoghi concreti si stempera in particolari significazioni, sotto la spinta demiurgica di una memoria che è, insieme, biografica e storica, individuale e antropologica.
Sicché non si può non consentire con Natale Tedesco quando questi afferma che una siffatta Sicilia del mito costituisce il nodo iconografico intorno al quale si addensa, con coerenza stupefacente e con costanza, tutto il primo tempo della produzione di Quasimodo.

Tanto più che i singoli componimenti rivelano una perfetta coincidenza con altrettanti momenti meditativi, e segnalano il procedere graduale e attento dell'autore, che, dall'alto della sua condizione di errante, si volge con atteggiamento dantesco a rimirare tempi e situazione perdute dell'infanzia.
Seguendo il poeta nel suo 'andare peregrino', il lettore-viaggiatore diventa co-interprete di quella realtà multiforme, varia e proteiforme che ha concorso a determinare nel corso dei secoli la peculiare identità
siciliana.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Alto Veliero oltre lo Stretto: la letteratura della Sicilia oltre le strettoie dell'esistente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonina D'Alcamo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Laura Restuccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

identità siciliana
sicilia metafora
la sicilia e il mondo
sicilia isola plurale
abbandono nichilistico
letteratura della sicilia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi