Skip to content

I modelli di business nell'economia circolare

Modello “access and performance”

Questo modello si concentra sul soddisfacimento degli utenti senza che questi possiedano fisicamente il prodotto (fornire capacità piuttosto che proprietà). Consiste quindi in una combinazione di beni e servizi in grado di soddisfare i bisogni dei consumatori senza che questi debbano possedere il prodotto, il tutto mentre si riduce notevolmente l’impatto ambientale, in quanto così facendo non è necessario fornire un bene ad ogni singolo consumatore.

In questo modello quindi la proposta di valore si concentra sulla distribuzione del servizio piuttosto che sul possesso di un determinato prodotto. Tutti i problemi legati alla manutenzione sono a carico dell’impresa, in modo che il consumatore possa beneficiare unicamente degli aspetti positivi del modello. Il consumatore ovviamente dovrà corrispondere all’impresa fornitrice del bene/servizio un pagamento che può dipendere dal tempo di utilizzo, dal numero degli utilizzi effettuati o dalla performance stessa.

Questo modello permette inoltre all’impresa di beneficiare di numerosi vantaggi derivanti da un’economia di tipo circolare, vantaggi che in un’economia lineare non esistono. Ad esempio, i maggiori costi dovuti alla più lunga vita del prodotto sono coperti dai ricavi addizionali che l’impresa riesce ad ottenere grazie al continuo utilizzo che viene fatto del bene/servizio fornito.

Sono un esempio di questo modello di business circolare le piattaforme di car sharing, oggi sempre più diffuse ed utilizzate, e le lavanderie. Questi servizi permettono di poter svolgere, a prezzi molto bassi, attività che altrimenti richiederebbero un sostanzioso investimento iniziale, ed in più eliminano tutte le scomodità ad esse connesse.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I modelli di business nell'economia circolare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Cervo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Riccardo Giannetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi