Skip to content

Osservare per educare. Strumenti didattici per l'osservazione al nido

Strumenti didattici per l'osservazione

L'osservazione nel contesto del nido può avvalersi di un pluralismo di metodi e strumenti. Come descritto precedentemente, la prospettiva teorica di riferimento, deve basarsi sulla situazione, sul contesto, sull'obiettivo e sul soggetto che vorremmo conoscere e capire. Non sarà possibile definire un metodo o uno strumento in assoluto più idoneo e corretto per svolgere una buona osservazione, ogni strumento ha le sue potenzialità, i suoi punti di forza, ma anche i suoi limiti; un attento educatore dovrà conoscere i diversi aspetti tecnici di ogni strumento e valutare quale sia più adatto per il suo progetto,prendendo in esame i principi di specificità ed unicità, base fondamentale di ogni intervento educativo.

In questo secondo capitolo verranno analizzati gli strumenti didattici per l'osservazione, maggiormente usati nell'ambiente dell'asilo nido. È necessario ricordare, come per giungere ad una valutazione attenta e alla messa in opera degli interventi educativi adeguati, sia importante scrivere le informazioni, annotare con un linguaggio chiaro, semplice, gli atti, i comportamenti che osserviamo in una determinata situazione, questo è preferibile svolgerlo nell'immediato allo sviluppo dell'osservazione, affinché i dati raccolti non vengano modificati, o non rispettino completamente la realtà e la temporaneità dei fatti.

Non ci si può basare soltanto sulla nostra memoria, poiché con il tempo dimenticheremmo o ricorderemmo in maniera deformata dei particolari, dei dettagli della situazione osservata. Nel corso del tempo gli strumenti osservativi hanno subito delle variazioni, inizialmente negli studi svolti per osservare i comportamenti, gli strumenti erano caratterizzati solamente da "carta e matita", quindi manuali, negli ultimi anni, invece, possiamo notare l'introduzione di un nuovo strumento, quale l'osservazione videoregistrata, che permette una descrizione più completa e dettagliata , consente di rivedere e soffermarsi più volte sul materiale registrato, discuterne e confrontarsi con le altre educatrici, mostrando la realtà per come è, eliminando o riducendo i rischi di distorsione e alterità della situazione. Consente di osservare da una certa distanza, di "oggettivare" ciò che si osserva.

È uno strumento moderno ed efficace, si presta bene all'osservazione sia del singolo bambino, sia all'attività di gruppo (Mauri, 2015). Permette di cogliere anche i piccoli dettagli della mimica facciale, la postura, i movimenti del corpo, elementi importanti che tramite l'osservazione descrittiva non si riuscirebbero a cogliere. Permette, inoltre, alle educatrici di potersi rivedere, osservarsi dall'esterno, assumendo una posizione e una riflessione critica sul proprio lavoro e sul comportamento in determinate situazioni.

Ad oggi è ancora poco usato negli asili nido perché costoso, richiede conoscenze e abilità per maneggiare la telecamera, deve essere autorizzato dai genitori ed inoltre può esporre l'educatore ad un numero elevato di elementi che potrebbe non riuscire a gestire ed analizzare (Mauri, 2015). L'osservazione videoregistrata può essere uno strumento aggiuntivo all'osservazione descrittiva effettuata con carta e matita. Gli strumenti didattici possono essere divisi in qualitativi e quantitativi. I primi si possono ricondurre al modello dell'osservazione descrittiva, al diario, servono per descrivere i comportamenti oggetto dell'osservazione in modo chiaro e fedele alla realtà, rispettando l'ordine cronologico dello svolgersi degli eventi. I secondi invece, come le checklist e le scale di valutazione, servono per focalizzare l'attenzione su specifici comportamenti sociali, comunicativi, linguistici (Sansavini, 2017).

L'integrazione degli strumenti qualitativi e quantitativi è importante e necessaria, ad esempio l'osservazione descrittiva faciliterà la compilazione di uno strumento quantitativo (come le checklist), permettendone una più semplice comprensione (Sansavini, 2017).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Osservare per educare. Strumenti didattici per l'osservazione al nido

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Principi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Valentina Pennazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi