Skip to content

Progetto per i costumi de Il Dottor Faust di Christopher Marlowe

Vestirsi nel XVI secolo

Nel XVI secolo l’Europa conosce una fase espansionistica che incrementa il commercio, portando Spagna e Portogallo a emergere come porti di scambio per i mercanti. Mentre il Nuovo Mondo veniva depredato delle sue ricchezze, le casse degli stati europei andavano gonfiandosi: le nazioni si avviavano verso un periodo di splendore che portò anche l’artigianato tessile a incrementare e modificare la produzione.

Si diffusero nuovi tipi di pigmenti, le tecniche della tessiture migliorarono, l’abbigliamento ebbe un evoluzione verso il lusso. Gli aristocratici spendevano cifre esorbitanti per far confezionare abiti che potevano essere indossati solamente una volta; le feste di palazzo, le mascherate e il teatro incrementavano lo sviluppo di un gusto neoclassico ispirato alla mitologia. Gli artisti e gli artigiani italiani esportarono nelle corti europee mode e gusti in voga nella penisola, che si diffusero piuttosto in fretta. Fu nella seconda metà del secolo che la crisi finanziaria e la Riforma portarono a un nuovo mutamento nel vestire, che colpì prevalentemente gli stati interessati, tra i quali, naturalmente, si trovava l’Inghilterra.

Con Henry VIII l’abbigliamento maschile si lasciò influenzare dalla moda tedesca: la linea maschile si sviluppò in larghezza, per cui si indossavano vesti ampie, spalle imbottite, maniche abbondanti e vistosi gioielli. Le casacche impellicciate, dette saione, vennero adottate in tutta Europa: venivano indossate sopra a un completo costituito da farsetto e bragha. L’abito veniva completato con un grande e voluminoso robone.

Il mantello si accorciò rispetto a quello a cappa del secolo precedente, assunse una forma a ruota e una funzione prevalentemente decorativa. Venivano sfoggiati colori vivaci, stoffe lussuose e riccamente decorate con galloni e passamanerie dorate.
Anche la moda femminile subì una “dilatazione”: le maniche strette ai polsi andavano rigonfiandosi nella parte superiore del braccio mediante dei baragoni, che potevano arrivare sino al gomito. Le sottomaniche erano in tessuto prezioso, spesso dotate di piccoli tagli decorativi da cui sbucava a sbuffi la camicia bianca sottostante. I capelli venivano raccolti e coperti dall’ English hoods, introdotto in Inghilterra da Anna Bolena. Su ispirazione spagnola venne importato il gusto per le geometrie a coni sovrapposti: il corsetto rigido si contrapponeva al guardinfante, che sollevava e allargava le gonne delle dame a dismisura. Queen Mary non riuscì a influenzare significativamente la moda a causa della sua poca popolarità, ma Elizabeth I nella seconda metà del secolo rivoluzionò l’abbigliamento.

A differenza del fratello Edoardo VI non nascose le forme minute, ma le sottolineò accentuando il busto sottile e lungo con corsetti dalla vita sempre più stretta e bassa. Sua Maestà aveva una carnagione molto pallida e una fronte ampia considerata al tempo sinonimo di brillante intelligenza, cosa che indusse le aristocratiche a fare largo uso di cipria bianca e depilare la fronte eliminando sia le sopracciglia che la naturale attaccatura dei capelli. Alla corte della Virgin Queen si faceva anche largo uso di perle, simbolo di purezza e candore. Le scollature originariamente ampie e squadrate si sollevarono fino a chiudersi attorno al collo, da cui partiva la gorgiera, le maniche assunsero la forma detta “a prosciutto” e vennero sovrapposte ad altre maniche aperte e ampie.

La silohuette femminile era arrivata ad avere spalle ampie e voluminose, vita strettissima e fianchi rigonfi, cancellando totalmente le naturali forme del corpo. I capelli degli uomini erano tagliati corti, mentre si poteva dare sfoggio a barbe curate. Le gentildonne li increspavano artificialmente, li intrecciavano, usavano la scriminatura e non mancavano di usare tinte e parrucche. Di seguito vedremo alcuni esempi di ritratti di in cui sarà possibile riconoscere i vari elementi delle vesti durante il XVI secolo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Progetto per i costumi de Il Dottor Faust di Christopher Marlowe

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Letizia Parlanti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Progettazione e Arti Applicate
  Relatore: Zaira De Vincentiis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
shakespeare
costume
elisabettiano
marlowe
christopher
zaira de vincentiis
fiamminghi
ritratti
mefistofele

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi