Skip to content

Quanto lontana è l'UEM dall'essere un'area valutaria ottimale?

Conseguenze di un’area monetaria incompleta

Dopo aver discusso approfonditamente su quali siano i requisiti fondamentali per un’AVO, diventa importante analizzare quali possano essere le conseguenze di una mancanza di tali elementi. Si può allora introdurre, a questo punto, il concetto di unione monetaria incompleta. L’esistenza di essa potrebbe essere dovuta, in particolare, all’adozione di un regime di cambi fissi invece di una moneta unica o alla mancata unione di bilancio. Visto che il presente lavoro si focalizzerà maggiormente sulla situazione dell’UEM, il primo dei due problemi appare di seconda importanza.

Assume invece un ruolo rilevante quella che è la mancata integrazione fiscale dell’Eurozona. Per effettuare un’analisi delle conseguenze di tale mancanza torna estremamente utile un modello, sviluppato da De Grauwe (2013), che si basa sull’idea che un’inadempienza del governo abbia costi e benefici che vengono comparati dallo stesso per decidere il proprio comportamento, e che tale circostanza sia a conoscenza degli investitori, i quali ne tengono conto per prevedere le mosse. Nel caso in cui un Paese membro dell’unione fosse investito da uno shock (S) che portasse a un calo delle entrate pubbliche, vi sarebbe una conseguente perdita di solvibilità del governo. A questo punto il governo stesso potrebbe avere un certo beneficio dall’inadempienza dato dalla possibilità di ridurre il carico complessivo degli interessi da pagare e, come conseguenza, dalla facoltà di ridurre le misure di austerità. Tale beneficio può essere rappresentato sotto forma di una curva (BU), la cui inclinazione è maggiore a seconda del livello del debito iniziale, dell’efficienza del sistema tributario e dell’entità del debito estero (maggiore è la quota di questo, minore è la resistenza politica interna all’inadempienza). Tale curva viene rappresentata così (fig. 5):

In questa rappresentazione grafica, BE rappresenta invece il beneficio che si ottiene dall’inadempienza quando gli investitori se l’aspettano; il motivo per cui essa giace al di sopra di BU è che quando gli investitori si aspettano un’insolvenza, essi vendono titoli di Stato e il tasso di interesse di conseguenza sale, cosa che porta poi a un aumento del disavanzo con conseguente maggior beneficio in caso di inadempienza. C rappresenta invece il costo dell’inadempienza, dato dalla perdita di reputazione e dalla futura difficoltà di contrarre prestiti. L’inadempienza sarebbe dunque inevitabile se S>S2, ma potrebbe esserlo anche se S1
Nel secondo caso vi sarebbero infatti due possibili equilibri e la convenienza o meno ad essere inadempiente dipenderebbe solamente dalle aspettative degli investitori. Se questi si l’aspettassero, ciò accadrebbe. Quest’aspettativa viene orientata prevalentemente dalle previsioni dei mercati, in quanto gli investitori non hanno altri strumenti su cui basare le proprie aspettative. Tale situazione comporterebbe delle conseguenze anche a livello bancario, in quanto quando gli investitori uscirebbero dal mercato dei titoli di Stato, il tasso di interesse aumenterebbe e, poiché in genere le banche sono il principale investitore nel mercato di questi titoli, tale aumento si manifesterebbe sotto forma di perdite per gli istituti di credito. Inoltre, il prosciugamento della liquidità interna renderebbe più difficile per le banche ottenere rinnovi di depositi. Si finirebbe allora in una vera e propria crisi bancaria.

I possibili provvedimenti per ridurre tale fragilità sarebbero allora i seguenti:
1. Accrescere il costo dell’inadempienza (e.g. espellendo dall’unione i Paesi inadempienti);
2. Affidare alla Banca Centrale il ruolo di prestatore di ultima istanza, cosi che essa potrebbe fornire liquidità ai mercati dei titoli in caso di necessità, seppur tenendo conto del rischio azzardo morale;
3. Unione di bilancio, così che BE si sovrapporrebbe a BU visto che la Banca Centrale fornirebbe certamente ai governi la liquidità necessaria a far fronte ai debiti.

Per finire, a quanto visto finora in termini di conseguenze di un’area monetaria incompleta si possono aggiungere le esternalità negative che si potrebbero propagare nel caso in cui un Paese membro avesse contratto consistenti deficit di bilancio. Queste esternalità sono infatti legate al fatto che lo Stato in dissesto finanziario sarebbe probabilmente spinto a ricorrere maggiormente ai mercati dei capitali, facendo tuttavia alzare i tassi di interesse e creando in tal modo tensioni con gli altri Paesi membri relativamente alle politiche da adottare. Tale punto verrà comunque approfondito in seguito quando verranno analizzati i provvedimenti dell’UE a seguito della crisi del 2007.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Quanto lontana è l'UEM dall'essere un'area valutaria ottimale?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Zanella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Lorenzo Forni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

uem
risk sharing
emu
area valutaria ottimale
optimum currency
area valutaria
5 presidenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi