Skip to content

Una nuova prospettiva per la realtà virtuale

Ricerca e applicazioni della realtà virtuale in ambito criminologico e forense

Anche l’ambito criminologico e forense ha risentito dell’influenza delle nuove tecnologie. Negli ultimi anni sviluppi e avanzamenti nel campo tecnologico hanno trovato sempre maggior applicazione soprattutto in campo forense. La raccolta di prove scientifiche, l’analisi di una scena del crimine e lo svolgimento delle indagini sono diventate sempre più efficienti grazie all’apporto di nuovi strumenti avanzati.

Howard e colleghi (2000, pp. 46 -47) hanno evidenziato le possibili applicazioni degli ambienti virtuali a disposizione delle forze dell’ordine:

* analisi dei dati: permettono di sovrapporre le immagini ricostruite alla scena reale;
* valutazione della dichiarazione dei testimoni: è possibile ricostruire tramite VE le varie visuali dei testimoni e di conseguenza stabilire se le loro dichiarazioni corrispondono o no alla realtà;
* assistenza ai testimoni: riportare i testimoni sulla scena del crimine potrebbe aiutarli a ricordare nuovi dettagli;
* visualizzazione dei movimenti: si possono ricreare vie di fuga e di accesso in modo da stabilire i tempi di percorrenza e analizzare i movimenti dei soggetti interessati;
* briefing;
* valutazione delle ipotesi: la flessibilità dell’ambiente simulato permette di manipolarlo in modo da vagliare la plausibilità di ulteriori ipotesi alternative;
* formazione degli agenti;
* valutazione della luce: si possono adattare le luci in modo da ricreare la stessa scena in vari orari della giornata o in condizioni di luce diversa che le macchine fotografiche standard non possono ricreare, anzi attraverso il flash artificiale possono addirittura distorcerne l’illuminazione naturale;
* pianificazione della sicurezza: si possono pianificare interventi mirati di protezione delle persone;
* prevenzione del crimine: progettazione di edifici, abitazioni e ambienti a prova di crimine;
* uso in tribunale: la scena del crimine può essere riproposta in tribunale in forma virtuale per dar modo alla giuria di raggiungere un verdetto.

La realtà virtuale permette di esplorare i campi di studio criminologico da una nuova prospettiva: è possibile ricostruire una scena del crimine e poter interagire con essa; è possibile presentare elementi di prova in modo più fluido e dinamico; ricreare una versione “realistica” del fatto criminale da utilizzare in sede processuale davanti ad una giuria (Van Gelder J. L., e colleghi, 2014, p. 6).

La trattazione del capitolo seguirà l’ordine cronologico dello sviluppo di un crimine: commissione del reato, indagini, processo, carcere. Vedremo quindi quali applicazioni ha la realtà virtuale nel campo dello studio del reato e quali indicazioni può dare in ottica di prevenzione. Vedremo poi gli strumenti per studiare una scena del crimine e la sua riproposizione in un’aula di tribunale. Infine, come può essere utilizzata per migliorare il trattamento dei detenuti presso gli istituti penitenziari per favorire il reintegro lavorativo e sociale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Una nuova prospettiva per la realtà virtuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Christian Schievano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia criminologica e forense
  Relatore: Lorenzo Pia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi