Skip to content

Gender Equality in Italia e in Francia: un'analisi comparativa

Il fenomeno del glass ceiling

Il termine "glass ceiling" (traducibile letteralmente con l'espressione "soffitto di cristallo") è stato coniato negli anni '80, precisamente nel 1986, dal Wall Street Journal per indicare le situazioni in cui l'avanzamento di una persona all'interno di un'organizzazione viene ostacolata a causa di discriminazioni razziali e/o sessuali. 
Già dalla metà degli anni '80 numerosi studiosi e ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione sull'effetto di tale fenomeno all'interno degli ambienti lavorativi (Hymnowitz e Schellhard, 1986). 

Nel caso specifico analizzando la presenza femminile in ambito organizzativo, l'effetto del "soffitto di cristallo" si manifesta in caso di assenza di pari opportunità fra donne e uomini (Joy, 2008). Studi recenti hanno dimostrato, infatti, la mancanza di un'adeguata rappresentanza femminile all'interno dei livelli decisionali (o anche detti livelli di decision making) (Catalyst, 2006). Inoltre, come già detto in precedenza, si rileva un profondo scostamento relativamente al salario percepito dalle donne rispetto a quello degli uomini, che risulta essere significativamente più alto (Blau e Kahn, 2007; Kochan, 2007). 

Le donne, per conseguire la parità dei diritti e la concreta possibilità di fare carriera sono costrette a dover affrontare un insieme di barriere sociali, culturali e psicologiche, che sono all'apparenza invisibili ma, in realtà, insormontabili (Blau e Kahn, 2007). Tali barriere si riferiscono agli stereotipi descrittivi e prescrittivi, di cui trattato in precedenza nel primo capitolo di questo elaborato. Entrambi questi stereotipi, infatti, hanno contribuito alla formazione del fenomeno del glass ceiling (Hymnowitz e Schellardt, 1986).

Infatti, se la donna mostra comportamenti femminili coerenti con quanto è previsto dagli stereotipi sessuali, essa viene valutata come non idonea per ricoprire posizioni professionali nelle quali sono necessarie caratteristiche tipicamente maschili quali fermezza, decisione e orientamento al successo (stereotipo descrittivo). 

In modo differente, se la donna non mostra comportamenti coerenti con quanto è previsto dagli stereotipi sessuali, essa viene valutata come non idonea a ricoprire un ruolo dirigenziale a causa della sua eccessiva ostilità e aggressività (stereotipo prescrittivo). 

Dunque, nonostante la rappresentanza femminile all'interno della forza lavoro sia cresciuta in modo considerevole rispetto al passato, per le donne sono presenti ancora oggi numerose difficoltà cui far fronte per essere riconosciute dalle organizzazioni nelle loro competenze, conoscenze e abilità al pari degli uomini. Anche un recente studio effettuato dalla rivista The Economist (2010) ha rivelato come ormai le donne abbiano superato il 50% dell'intera forza lavoro statunitense. Tuttavia, tale cambiamento non sembra aver interessato le posizioni lavorative di comando che si collocano ai vertici aziendali (Ryan e Haslam, 2005). 

Per sostenere questo dato basta segnalare come i direttori esecutivi delle organizzazioni siano soprattutto uomini: in particolare, il rapporto sarebbe di un manager donna ogni due manager uomini (Hefalt et al., 2007). 
Ancora, negli Stati Uniti le donne costituiscono solo il 4% delle cinque posizioni dirigenziali a più alto guadagno nelle aziende e l'1% degli amministratori delegati (Catalyst, 2000, 2004a,2004b). 

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gender Equality in Italia e in Francia: un'analisi comparativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Martello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Isabella Mingo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sesso
genere
gender equality
glass ceiling
disparità di genere
glass cliff
global gender gap report
world economic forum (wef)
stereotipi sessuali descrittivi
stereotipi sessuali prescrittivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi