Skip to content

Il fenomeno dell'immigrazione irregolare e la salvaguardia della vita umana a mare

La situazione attuale dell'immigrazione in Italia e in Europa

Il dato principale che si esamina per calcolare quanti sono gli immigrati in Italia e in Europa è quello della popolazione straniera residente, che include tutti quelli che risiedono in un Paese ma hanno cittadinanza di un altro.
Al 1°gennaio 2015 gli stranieri residenti in Italia sono 5.014.437, pari all’ 8,2 % della popolazione, dei quali 1.491.865 sono stranieri di altri paesi dell’Unione europea e i restanti 3.521.825 pari a 5.8% della popolazione54.

Le otto comunità straniere maggiormente presenti nel nostro paese sono:

Comunità immigrate in Italia

Romania -> 993.000
Marocco -> 525.000
Albania -> 503.000
Cina -> 321.000
Ucraina -> 234.000
Filippine -> 166.000
Polonia -> 89.000
Bulgaria -> 48.000

Come si nota dalla tabella sopra riportata che tra le prime otto collettività immigrate in Italia, la prima viene da un Paese Comunitario, La Romania, e solo tre appartengono a paesi extra-europei (Marocco, Cina e Filippine).
Contrariamente all’immagine maschilizzata che viene data dell’immigrato e dello straniero, le donne costituiscono il 52,7% degli stranieri residenti in Italia.

Il tasso di crescita tuttavia è rallentato negli ultimi anni, e tra il 1 gennaio 2014 e il 1 gennaio 2015 è aumentato di 0,1%.
L’incidenza della popolazione straniera sulla popolazione italiana totale è un dato in continua crescita: nel 1990 gli stranieri erano lo 0,8% della popolazione, nel 2000 il 2,5% e solo nel 2006 hanno superato il 5%.
L’aumento rispetto all’anno precedente è quindi di circa 40.000 unità, cioè un +0,8%.
Un incremento dovuto interamente alle nascite di bambini stranieri sul territorio italiano (circa 63.000 nel 2015), mentre i nuovi immigrati sono circa 200.000, cui vanno tolti circa 81.000 stranieri che hanno lasciato l’Italia, e 136.000 soggetti che hanno ottenuto la cittadinanza italiana, e che dunque non rientrano più nel conteggio degli stranieri in Italia.
La situazione della popolazione straniera residente nei principali paesi europei al 1° gennaio 2015 è la seguente:

Come per l’Italia, anche i dati includono tutti gli stranieri, comunitari e non.

Austria -> 1.131.164 -> 13,2%
Irlanda -> 550.555 -> 11,9%
Belgio -> 1.300.493 -> 11.6%
Spagna -> 4.454.354 -> 9.6%
Germania -> 7.539.774 -> 9.3%
Inghilterra -> 5.422.094 -> 8,4%
Italia -> 5.014.437 8-> 8.2%
Grecia -> 821.969 -> 7,6%
Svezia -> 731.215 -> 7,6%
Danimarca -> 422.492 -> 7,5%

Gli stati che prevedono il cosiddetto “ius soli” tendono ad avere numeri minori rispetto a chi ha leggi sulla cittadinanza più severe.
Per questo motivo, ad esempio che la Francia ha un’incidenza della popolazione straniera più bassa dell’Italia (6,6%), dato che molti figli di immigrati hanno la cittadinanza francese e dunque non finiscono nelle statistiche sopra riportate.
Oltre ai paesi presenti in tabella, ce ne sono altri che hanno percentuali altissime di stranieri residenti, Lussemburgo (45,9%) e Cipro (17,1%) e, fuori dall’unione Europea, la Svizzera (24,2%), dovute tuttavia anche alla presenza di residenze fittizie, dove è difficile scorporare gli immigrati realmente residenti.

Rispetto al 1° gennaio 2014 si registra un calo significativo di stranieri residenti in Spagna (-4,8%) e Grecia (-3,9%).
Il dato negativo della Grecia è dato dal fatto che i migranti che arrivano sono solo di transito.

L’aumento più significativo di stranieri residenti si registra in Romania (+20,9%), Bulgaria (+20,6%), Croazia (+15,7%), Malta (+10%), Germania (+7,5%), Regno Unito (+7,4%), Austria (+7%) e Italia (+1,9%).
In conclusione il principale risultato di questa ricerca è che la presenza straniera in Italia è superiore alla media europea, ma in linea, o inferiore, agli altri paesi con cui di solito ci si paragona.
L’Italia e l’Europa sono dunque lontane da uno scenario di invasione.

Certo i mutamenti nella composizione sociale ed etnica ci sono, e sono davvero veloci.
In vent’anni la presenza di persone straniere sul suolo europeo è aumentata di cinque o dieci volte.
Si tratta di un dato che inevitabilmente ha delle conseguenze, ma che sarà bene cominciare a valutare nella sua portata reale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il fenomeno dell'immigrazione irregolare e la salvaguardia della vita umana a mare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Quero
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Alfonso Giordano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
convenzione
vita
area
umana
stati
salvaguardia
soccorso
salvataggio
clandestina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi