Skip to content

La simmetria nel cammino valutata con il segnale elettromiografico

Tibiale anteriore

Dal confronto della media dei RMS per entrambi i soggetti si può notare che il tibiale anteriore nella gamba non dominante abbia un maggiore reclutamento nella fase di stance (appoggio) più precisamente nella sottofase di preswing (preoscillazione), nell’intervallo tra il 50% e 60% del ciclo del passo; Questo risultato ci permette di affermare che la gamba non dominante decelera maggiormente la caduta del piede nel preparare la tibiotarsica all’oscillazione.

Nel soggetto 1 è anche presente una maggiore attività nel tibiale anteriore della gamba non dominante nelle fasi di risposta al carico e appoggio intermedio dove questo muscolo ha la funzione di decelerare la velocità di flessione plantare della tibiotarsica.

Nel soggetto 2 è presente una maggiore attività della gamba non dominante tra l’85 e 95 % del ciclo del passo appartenente all’oscillazione terminale, che spiega la maggiore inerzia del piede dell’arto non dominante nel permettere il sostegno della tibiotarsica in posizione neutra. Il test statistico riporta una significativa differenza tra il segnale della gamba dominante e non dominante (ρ<0.05) per entrambi i soggetti. L’analisi degli integrali e dei picchi conferma la sostanziale differenza tra le due coppie muscolari in entrambi i soggetti. Tuttavia non sono state trovate differenze nella posizione dei picchi massimi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La simmetria nel cammino valutata con il segnale elettromiografico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Di Pietro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria biomedica
  Relatore: Francesco Di Nardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi