Skip to content

Microtaglio di lamiere sottili con laser al femtosecondo

Vantaggi e svantaggi delle lavorazioni laser

Diversi sono i vantaggi che hanno spinto l’uomo a progettare un sistema efficace di lavorazione dei materiale, tramite l’utilizzo di radiazioni amplificate.
Tra i principali possiamo trovare:
lavorazioni a distanza: il taglio laser come sappiamo sfrutta la luce amplifica emessa da un mezzo attivo che, successivamente, tramite mezzi come specchi, lenti o fibre ottiche, trasporta il fascio fino alla lente di focalizzazione, che provvederà alla formazione di uno spot sul materiale da lavorare, in questo modo quindi si va a ridurre il rischio di contaminazione dovuto al contatto utensile-materiale;
processo rapido e facilmente automatizzabile: le velocità di taglio sono tra le più elevate nei processi tecnologici di lavorazione del materiale, soprattutto nel caso di spettri molto ridotti, grazie anche all’implementazione dei programmi di lavoro in software che rendono la macchina completamente autonoma;
utilizzo di elevate densità di potenza;
qualità di lavorazione complessivamente molto buona, soprattutto nelle macrolavorazioni;
tempi morti praticamente nulli data l’assenza di usura dell’utensile e quindi fermi macchina dovuti alla sostituzione di quest’ultimo assenti;
possibilità di effettuare saldature molto contenute su materiali delicati e impossibili da trattare attraverso altre tecniche di lavorazione;
processo pressoché silenzioso con un buon isolamento vibrazionale.

Tra gli svantaggi più rilevanti nei processi mediante laser troviamo:
costi elevati: sia l’equipaggiamento che il processo in sé presentano costi ben superiori a quelli di altri metodi di lavorazione; non solo, la manutenzione periodica, effettuata da tecnici specializzati, è una presenza considerevole nella voce costi. Per tale motivo, generalmente l’investimento nella tecnologia laser è giustificato dalla produzione di elevati volumi o per l’utilizzo in applicazioni che richiedono specifiche difficili da raggiungere con diversi tipi di tecnologie;
profondità di penetrazione limitata: gli spessori lavorabili dal laser sono molto contenuti (decine di millimetri) sebbene si possano raggiungere spessori relativamente notevoli ma con una qualità decisamente peggiore.
Un modo per sopperire a tale inconveniente è quello di applicare il fascio laser più volte lungo il perimetro di lavorazione, con un conseguente aumento dei costi di operazione;
processo termico: uno dei principali inconvenienti è il principio stesso di lavorazione, ovvero la trasmissione termica. Per potenze molto elevate, specialmente in CW, alcuni materiali possono subire un danneggiamento dovuto alle elevate temperature in gioco, in più ciò risulta in un’estensione maggiore della zona termicamente alterata con conseguente modifica della struttura cristallina del materiale. Come vedremo in seguito, quest’ultimo problema viene risolto, quasi del tutto, dal laser con pulsazioni ultra brevi;
affinché alcuni materiali possano essere trattati tramite sorgente laser, è necessario che vengano preventivamente rivestite, attraverso trattamenti chimici, le superfici da lavorare in modo da aumentare il coefficiente di assorbimento del pezzo in lavorazione;
conicità: effetto che si verifica soprattutto in fase di taglio di lamiere sottili, determina una diminuzione graduale con lo spessore, dal lato d’ingresso al alto d’uscita, della quantità di materiale asportato. Questo fenomeno è dovuto alla geometria del fascio laser che, che in base al punto di focalizzazione, presenta una sezione di taglio trapezoidale; pertanto si avranno diametri di taglio effettivi che oscilleranno con una certa tolleranza dal diametro dello spot.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Microtaglio di lamiere sottili con laser al femtosecondo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Rimedio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Sabina Luisa Campanelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

laser
manufacturing
steel
mechanical engineering
machining
mechanical technology
femtosecond laser

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi