Skip to content

Lo sfacelo dell'istituzione familiare ne "Gli indifferenti" di Alberto Moravia

L’indifferenza tra le cause di sfacelo dell’istituzione familiare

La ricerca delle cause dello sfacelo dell’istituzione familiare all’interno de Gli indifferenti ruota ossessivamente attorno ad un particolare concetto, fino ad ora poco contemplato da sociologi e demografi, per l’appunto l’indifferenza. Ad esclusione di Lisa ogni personaggio è infatti logorato da questo terribile morbo, declinato in differenti versioni a seconda della psicologia individuale. Si è a lungo dibattuto riguardo il significato che tale indifferenza potesse assumere all’interno dell’opera: una delle più autorevoli voci, quella di Tibor Wlassics, riconduce il concetto moraviano a un filo conduttore presente in tutta la produzione letteraria dell’autore.

Qui l’indifferenza diventa la strada piena di imprevisti e bivi che i personaggi intraprendono per raggiungere una piena e compiuta educazione sentimentale. In quanto segno distintivo di una classe, l’indifferenza identificata da Wlassics simboleggia l’ aridità morale di una borghesia puritana e ipocrita, intrisa del più volgare senso comune e sempre pronta a rinnegare la propria individualità di fronte alle spinte banalizzanti del sistema. Questo continuo rigetto del proprio intimo volere, assoggettato alle logiche della massa, finisce per degenerare in una vera e propria «malattia della volontà», dove ogni istinto giace sonnolento dietro il disgusto per un costume corrotto. L’impossibilità di evadere da quest’ultimo impone all’individuo una via di fuga immaginaria, un salto nel vuoto mascherato da un’angosciante abulia decisionale, in un’eterna sospensione tra il mondo reale e un universo di fantasia.

La storia della famiglia Ardengo è in qualche modo anche la storia di Alberto Moravia: l’indifferenza di Mariagrazia, Carla e Michele riflette uno stato d’animo proprio del periodo giovanile dell’autore. Non è difficile intravedere nel morbo dei suoi protagonisti un senso di impotenza da lui condiviso, strettamente connesso alla patologia diagnosticatagli da giovane: «Era come se io capissi attraverso la mia malattia tutta l’impossibilità di fondo, l’impossibilità alla vita […]». Moravia vive in prima persona l’impotenza del divenire ed è grazie a questa esperienza che riesce a parlarne risultando credibile, come se quella di cui parla fosse una condizione imprescindibile, vissuta da tutti, un ostacolo comune alla crescita. Eppure non si può far altro che notare quanto questa specifica definizione caratterizzi sia i due ragazzi, Michele e Carla, sia Mariagrazia e Leo, sebbene secondo modi e significati diversi. Ed è proprio riconsiderando il concetto di “indifferenza” che lo si può aggiungere tra le cause di sfacelo dell’istituzione familiare.

I personaggi vengono presentati al lettore ormai inermi innanzi al loro destino, senza che venga fornito alcun dato per ripercorrere un cammino, forse inconsapevole, verso la perdita definitiva di senso in quella società borghese di per sé già priva di qualsiasi significato. Non vi è di conseguenza nessuno spazio per la loro redenzione, nemmeno nei loro sogni, come quando Michele fantastica un processo che avrebbe desiderato affrontare dopo aver ucciso Leo, per poi ritrovarsi ugualmente condannato da un paterno giudice immaginario al marchio dell’indifferenza. Vi è solo lo scontro presente dell’individuo con il mondo esterno, troppo angusto per la realizzazione concreta delle inconsistenti fantasie dei soggetti ma perfetto per la proliferazione del germe dell’inadeguatezza e dell’indifferenza esistenziale.
Moravia attraverso scelte linguistiche reiterate come quella della parola “quasi” prima di ogni affermazione sconvolgente di un atto in potenza, definisce l’impossibilità dei personaggi di vivere sinceramente persino la vita degradante che l’indifferenza gli ha trasmesso. Non vi è amore, neppure completamente degradato, non vi è violenza completamente perpetuata, non vi è erotismo vissuto fino in fondo, non vi è amore fraterno che possa riscontrarsi tra i dialoghi. Vi è solo la possibilità che questi momenti di forte emotività e sentimentalismo possano realizzarsi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo sfacelo dell'istituzione familiare ne "Gli indifferenti" di Alberto Moravia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Virginia Fattori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere Moderne
  Corso: Lettere
  Relatore: Marco Antonio Bazzocchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

famiglia
indifferenza
alberto moravia
gli indifferenti
sfacelo dell'istituzione familiare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi