Skip to content

Elettra nell'Idomeneo Re di Creta di Mozart: riprese classiche dal teatro sofocleo

Idomeneo: l’ultima delle opere giovanili, la prima di quelle mature

Idomeneo è l’opera che segna nell’attività creativa mozartiana un passaggio decisivo in vista della piena maturità drammaturgica. Come ha scritto Paumgartner, la si ritiene “un capolavoro di Mozart musicista, non ancora di Mozart operista.” Fino al 1780, al momento in cui ricevette la commissione per l’opera lirica in questione, Mozart considerava l’opera seria una vera preda per la sua creatività esplosiva e rivoluzionaria, un genere da sovvertire.



Possiamo dire subito con chiarezza che Idomeneo non è un’opera seria metastasiana, né mai accade che Mozart la denoti in tal modo nelle sue lettere. Il termine che egli usa è Grosse Oper, che trova un corrispettivo soddisfacente nella definizione di Dramma eroico, ancorché resti generico. Nasce perciò come genere ibrido, frutto della commistione di matrici francesi, italiane e tedesche. Il dotto principe Karl Theodor, il cui Antiquensaal era stato assai ammirato dal giovane Goethe perché contenente riproduzioni degli esempi più alti della statuaria greca, doveva avere apprezzato il fatto che il soggetto, legato anche ai cicli omerici, intersecasse altresì il mito principe del teatro settecentesco, quello di Agamennone e di Ifigenia, e accogliesse inoltre, grazie proprio alla presenza di Elettra, una serie di plateali motivi che portavano al cuore del teatro antico, delle sue convenzioni e delle sue radici.

E alle radici del mito, Mozart questo lo sa, poggia il ben noto, controverso rapporto tra uomo e dio, nonché il malanno che ancora affligge calando dall’alto si rovescia anche sui personaggi dell’opera lirica: in particolare, è sempre l’antica maledizione della razza a far sentire il suo eco gutturale, quella dei Pelopidi. Nella spaziosa pièce varesco – mozartiana, che ha il pregio di non appesantirsi di lungaggini epiche e antefatti, né di complicazioni mitologiche, ci si limita a trascegliere dal patrimonio di ἦθοι venerandi e immortali gli episodi più musicali e teatrali insieme, per non intaccare di incomprensibilità e complessità il nitore delle immagini musicali. “Nella mia opera c’è musica per ogni tipo di persone”, scriveva Wolfgang al padre che gli raccomandava di essere accessibile.
Quando Mozart si apprestò a comporre Idomeneo (K 366), l’opera seria quindi si muoveva ormai impacciata nei panni troppo inamidati e impettiti in un classicismo ormai spoglio, privo di credibile abilità a raffigurare l’allegorico che aveva caratterizzato il melodramma nel Seicento e nel primo Settecento. Era già avvenuto il processo completo di smaterializzazione e svuotamento dei personaggi: l’autonomia e il pathos di essi erano già stati subordinati, relegati a un piano di minor importanza rispetto alla globale resa dell’intreccio; insomma, i personaggi bastava che ricoprissero un ruolo che si risolveva in uno stereotipo ornamentale, una specie di involucro senza altre qualità da portare in scena.

La scelta di soggetti antichi favorì inoltre un atteggiamento statuario e fisso, molto lontano da quello che originariamente era stato concepito sulla scena tragica; attingere al teatro classico rischiava di dar vita a macchiette caricaturali dotate di una immeritata gestualità sottratta alla dimensione quotidiana, ordinaria o spontanea. Ciò non rendeva affatto giustizia all’universo antico cui anche Elettra apparteneva, sarebbe significato trasformarla e alterarla solo per il gusto dell’epoca, asservendola a vacuo accessorio ornamentale, a raffigurazione simbolica di ideali da emulare o da evitare, orpello estraneo alla realtà. Fu un leitmotiv proprio settecentesco e attinente all’opera seria quello di considerare come simbolo valido ad æternuum l’immagine dell’antichità, come se si potessero estrarre dalle sue cavità torme di exempla umani atti all’occorrenza. Ecco dove svaniva e crollava la magia dell’opera seria, prima che la avvicinasse Mozart: la musica celebrava asetticamente l’aspetto istituzionale e morale, adottando stereotipi ritmici ed espressivi, fallendo nel creare e ispirare spontaneità nell’azione da essa accompagnata.

Ma la musica di Mozart applicava un atteggiamento diverso: si contrapponeva alla simbologia precostituita, poiché si impegnava a conferire peso e voce all’elemento umano partendo da se stessa, con disinvoltura e immediatezza. Il messaggio sonoro coadiuvava la resa verosimile e tridimensionale del personaggio – e non del ruolo ritualizzato che doveva ricoprire nell’intreccio – che la cantava e che la viveva dall’interno; e affinché il messaggio sonoro fosse comprensibile anche sul palcoscenico, servivano situazioni e figure permeabili all’estro, alla cangiante fluidità della musica, e occorrevano personaggi che assumessero comportamenti e intrecciassero rapporti reciproci non predeterminati.

In Idomeneo si trovano senza complicazione differenziazione, ricchezza di espressione, multiformità dei caratteri e del decorso musicale, che superano abbondantemente il “chiaroscuro” richiesto dagli operisti dell’epoca.
Le convenzioni che venivano di regola richieste restano completamente assorbite dall’originalità dell’impronta creativa. Il quadro psicologico sconvolto dalla passione delineato dalla natura indiavolata di Elettra si dispiega nelle Arie grazie alla capacità della musica di ghermire e impreziosire i sentimenti, e di foggiare, non più semplicemente illustrare, gli stati d’animo attraverso le sue forme autonome.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Elettra nell'Idomeneo Re di Creta di Mozart: riprese classiche dal teatro sofocleo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Generali
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Filologia Classica e Italianistica
  Corso: Filologia Letteratura e Tradizione Classica
  Relatore: Renzo Tosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mozart
elettra
sofocle
idomeneo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi