Skip to content

Ricerca di MAP nella fauna selvatica (Cervus elaphus). Isolamento e genotipizzazione da campioni di campo

Aspetti zoonosici

L'Ufficio internazionale delle epizoozie (OIE) considera la paratubercolosi una malattia di grande importanza a livello mondiale, facendola rientrare tra le malattie trasmissibili dell’elenco B. Da molto tempo, a livello scientifico, si discute su un possibile ruolo zoonosico di MAP nella Malattia di Crohn (CD).
Il morbo di Crohn è una malattia cronica intestinale la cui eziopatogenesi è ancora controversa, che colpisce prevalentemente soggetti giovani tra i 15 e 25 anni (Chiodini e Rossiter, 1996). MAP è stato isolato dal tessuto intestinale di pazienti affetti dal morbo di Crohn, in una percentuale compresa tra il 50 e il 75% (Mishina, 1996), dando cosi luogo ad una ipotesi di un possibile collegamento tra queste due malattie. La flora batterica intestinale sembrerebbe comunque svolgere un ruolo nella patogenesi di tale malattia, vista la presenza di lesioni anatomo-patologiche (colite ulcerativa) in tratti intestinali colonizzati da un’elevata concentrazione batterica.



Anche se allo stato attuale delle conoscenze non si può affermare che la paratubercolosi sia una zoonosi, le conoscenze a disposizione impongono ulteriori approfondimenti e studi in merito di questo argomento, come auspicato dal Report della Comunità Europea (2000), dal titolo “Possibile link between Crohn’s disease and paratuberculosis”, in cui si conclude che: “le evidenze finora disponibili non sono sufficienti né per confermare, né per escludere che MAP sia l’agente causale almeno di una parte dei casi di CD. Sono necessarie ulteriori ricerche per risolvere questo dubbio”. Ad ogni modo, lo sviluppo degli strumenti atti a eradicare la paratubercolosi negli animali deve costituire una priorità”.

Attualmente, esistono due scuole di pensiero: la prima sostiene che MAP sia uno dei possibili agenti eziologic coinvolti nello sviluppo del morbo di Crohn, la seconda invece considera la malattia come una condizione immuno-infiammatoria scatenata da fattori esterni (Singh e Krishnamoorthy, 2011). In uno studio condotto da John Hermon-Taylor presso la St. George’s Hospital Medical School di Londra, più de 90% dei malati di morbo di Crohn è stato trovato positivo a MAP; i risultati sono stati riportati sul Journal of Clinical Microbiology. In modo inaspettato, anche nei tessuti di pazienti affetti da IBS (Sindrome del colon irritabile) era possibile identificare da MAP. Con il finanziamento dell'Istituto inglese è attualmente in corso la messa a punto di un nuovo vaccino contro MAP per il trattamento dei malati di Crohn. Il vaccino dovrà stimolare il sistema immunitario in modo che l'organismo possa combattere da solo il micobatterio; il vaccino sarà utilizzabile anche negli animali.

Un gruppo di ricercatori della Università di Sassari, appartenenti al Dipartimento di Scienze Biomediche, e di Cagliari hanno identificato una proteina di MAP altamente omologa a una proteina umana che viene riconosciuta nei pazienti affetti da sclerosi multipla in Sardegna e potrebbe causare la malattia nell’uomo. A Sassari il gruppo è coordinato dal professor Leonardo Sechi che da diversi anni si occupa del ruolo di MAP in diverse malattie infiammatorie croniche e autoimmuni: morbo di Crohn e diabete mellito di tipo 1 (Paccagnini et al., 2009; Rosu et al., 2009; Dow, 2012). La sclerosi multipla è dovuta ad una reazione infiammatoria ed autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. È una malattia causata dalla presenza e dall’interazione di molteplici fattori sia genetici che ambientali. Questo studio si è interessato dell'aspetto ambientale ed in particolare degli antigeni di MAP che potrebbero innescare la malattia nei soggetti geneticamente predisposti. MAP è ritenuto un fattore di rischio anche per lo sviluppo del diabete di tipo 1 (Sechi et al., 2005). Si ritiene che lo sviluppo di queste malattie nell’uomo sia dovuto al fenomeno del mimetismo molecolare tra gli epitopi proteici di MAP e quelli delle proteine umane (Sechi e Dow, 2015).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ricerca di MAP nella fauna selvatica (Cervus elaphus). Isolamento e genotipizzazione da campioni di campo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gezim Daka
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Medicina Veterinaria
  Relatore: Filippo Fratini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

zoologia
geni
veterinaria
map
paratubercolosi
ruminanti
animali selvatici
stelvio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi