Skip to content

Campus per studenti delle scuole superiori

Considerazioni generali sul territorio del Comune di Avezzano

[...]
Viene così individuato nella zona del Comune di Avezzano un Comprensorio di “sviluppo integrato intensivo”, con componenti motrici “primarie e secondarie”, il ché significa considerarlo una delle aree capaci di promuovere lo sviluppo integrato dell’intera Regione.
In sintesi lo sviluppo ipotizzabile del territorio del Comune di Avezzano è tale da far assumere alla città due caratteristiche fondamentali:
- polo di attrazione e centro principale di servizio al livello territoriale sub-regionale;
- nodo di raccordo dei traffici interregionali e nazionali provenienti o diretti verso le 4 direzioni prima citate.



Il riconoscimento delle direttrici più importanti per i rapporti mediati della città con le altre zone a sviluppo integrato intensivo, e la necessità di agganciare, attraverso tali direttrici, la struttura della città al territorio (inteso come insieme di rapporti che legano Avezzano non solo al suo hinterland più immediato, ma anche ad una struttura economico-sociale più ampia al livello interregionale e nazionale), comportano la necessità di spostare le principali attività direzionali e molti servizi generali fruibili da un vasto territorio circostante, dall’attuale centro in altro luogo più idoneo e adeguato alle moderne esigenze, e più a diretto contatto con il territorio da servire.
L’evoluzione economica e sociale che interessa il territorio in esame richiede un adeguamento del capitale intellettivo e dell’energia lavorativa della popolazione in esso residente, per far fronte alle nuove dimensioni quantitative e qualitative dei ruoli individuali e sociali.
Queste nuove caratteristiche dinamiche del mondo del lavoro a cui va incontro la società locale, esigono una diversa preparazione della popolazione studentesca, sia sul piano informativo che sul piano formativo.
In questo quadro, per giungere a delle proposte progettuali operative nel campo della scuola, è necessario individuare la struttura per l’insegnamento nelle scuole locali che riguardino più da vicino il problema dell’adeguamento alle nuove esigenze.
Il campo dell’istruzione secondaria sembra essere il più idoneo, sia perchè è il grado più alto d’istruzione presente nel territorio, sia perché nelle scuole medie superiori del Comune di Avezzano confluiscono tutti gli studenti della zona che richiedono questo tipo di istruzione.
Inoltre essa rappresenta il momento educativo in cui l’alunno richiede un’informazione sinteticamente completa sulla realtà sociale e civile in cui opererà nel futuro, e una formazione adeguata per poter entrare liberamente (nelle scelte) in questa realtà e per far fronte alle nuove esigenze del mondo del lavoro; a questo grado d’istruzione, per giunta, è possibile istituire un aggancio integrativo col problema dell’istruzione permanente, molto sentito nella zona per le esigenze di continuo aggiornamento, riqualificazione, recupero di capitali intellettivi e lavorativi.

Si profila così la necessità di creare un centro educativo a livello territoriale in cui trovino uno spazio funzionale tutte le attività informative e formative ad un livello tale da permettere sia l’inserimento diretto nelle attività lavorative locali, sia il proseguimento degli studi a livelli superiori.

Le caratteristiche di questo centro scolastico devono essere pertanto le seguenti:
- coordinamento dei vari istituti superiori esistenti nel Comune (Ginnasio-Liceo Classico/Scientifico, Istituto Magistrale, Istituto Tecnico Commerciale, Istituto Tecnico per Geometri, Istituto Professionale Agrari) ed eventuali altri istituti (Liceo Artistico, Istituto Tecnico Industriale, Istituto d’Arte) in un unico complesso, con le attrezzature di carattere generale in comune
- creazione di un centro di recupero per analfabeti, di riqualificazione professionale, di formazione permanente, con una biblioteca attrezzata di corsi programmati di aggiornamento;
- distribuzione degli ambienti secondo i nuovi principi pedagogici e le nuove tecniche didattiche (flessibilità, componibilità, locali attrezzati per gruppi di studenti di diversa composizione numerica);
- attrezzature didattiche individuali e per gruppi (carrels individuali e er gruppi, circuiti televisivi interni ed esterni), per la distribuzione del materiale didattico (films, diapositive, programmi televisivi);
- attrezzature sportive coperte e all’aperto in grado di funzionare sia per i singoli istituti sia per attività sportive collegiali;
- massimo grado di accessibilità sia dalla città che dal territorio circostante, con collegamenti rapidi ed efficienti (treni, autobus);
- auditorium con capacità notevole, tale da consentirne l’uso anche per manifestazioni collettive interscolastiche o a livello comunale;
- casa dello studente con un numero di posti adeguato alla percentuale di studenti provenienti da sedi lontane e con mezzi di comunicazione poco efficienti o inesistenti;
- ambienti per lo studio e la ricerca individuale e di gruppo; rifacendosi al concetto di “scuola a tempo pieno”, si devono creare gli ambienti in cui gli studenti si incontrano, fuori orario di lezione, discutono liberamente dei loro problemi e studiano insieme abituandosi a trattare le nuove attrezzature e materiali scolastici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Campus per studenti delle scuole superiori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Bonanni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1969-70
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Pasquale Carbonara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
informatica
urbanistica
architettura moderna
progetti avveniristici
campus pre-universitario
centro territoriale
grandi complessi
istruzione continua

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi