Skip to content

Il rito immediato alla luce della riforma del 2008. La poliedricità di un istituto

Lo stato di cattività

Come già si è avuto modo di vedere, la nuova fattispecie attribuisce rilievo allo status della persona sottoposta alle indagini, la quale, nel momento in cui la richiesta viene sottoposta al giudice, deve trovarsi in stato di custodia.
La previsione contenuta nell’art. 453, comma 1 bis, c.

p.p., è infatti esplicita in tal senso, poiché dispone che il pubblico ministero richieda il giudizio immediato << per il reato in relazione al quale la persona sottoposta alle indagini si ritrova in stato di custodia cautelare […] >>. Se l’indiziato, già sottoposto a custodia cautelare, non è più soggetto a tale misura (il che può dipendere dalla sopravvenuta insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza come pure dal sopravvenuto venir meno delle esigenze cautelari), manca una delle condizioni perché il titolare dell’accusa possa formulare la richiesta di giudizio immediato custodiale.
Diversamente, l’art. 455, comma 1 bis, c.p.p., contempla il caso in cui la custodia non sia più in corso di esecuzione nel momento in cui il giudice decide sulla richiesta. Questa discrepanza tra le due disposizioni pare dipendere da ragioni di economia processuale giustificabile nella ratio di voler impedire una restituzione degli atti al pubblico ministero (quindi evitare una regressione procedimentale) quando, pur non essendo più effettiva la restrizione in vinculis non sia comunque stata smentita la consistenza della gravità indiziaria.
Riteniamo che la discrasia tra le due condizioni soggettive dell’indiziato ammesse dagli artt. 453, comma 1 bis, e 455, comma 1 bis, c.p.p., dovrebbe riscontrarsi in pochi casi, considerato che tra la richiesta di giudizio immediato e il relativo provvedimento non dovrebbero trascorrere più di cinque giorni. Nella prassi, però, questo termine ordinatorio raramente viene rispettato, ragion per cui potrà accadere che il giudice disponga il giudizio immediato custodiale pur essendo venuto meno (per sopravvenuta insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza) il regime cautelare che aveva legittimato la richiesta del pubblico ministero.
Il necessario stato di cattività nel momento in cui il pubblico ministero formula la richiesta di giudizio immediato costituisce un importante incentivo perché questi eserciti l’azione penale in tempi brevi, fino a che l’indiziato si trovi ancora in stato restrittivo.
Novità, questa, che sembra rispondere ad un’esigenza di perseguire una ragionevole durata del procedimento.
Inoltre, la circostanza che la persona sottoposta alle indagini debba trovarsi in vinculis nel momento in cui viene formulata la richiesta di giudizio immediato, evidenzia un risvolto critico della nuova disciplina che risulta inapplicabile al latitante. Infatti, paradossalmente, a quest’ultimo soggetto viene riservato un trattamento processuale più favorevole di quello assegnato alla persona sottoposta a regime cautelare. Realtà, dunque, che concretizzerebbe una violazione dell’art. 3 Cost. per irragionevole disparità di trattamento tra situazioni analoghe.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il rito immediato alla luce della riforma del 2008. La poliedricità di un istituto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Parrino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Benedetta Galgani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giudizio immediato
giudizio immediato custodiale
grave pregiudizio alle indagini
pacchetto sicurezza 2008
procedimenti speciali
riti alternativi
rito immediato
stato di cattività

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi