Skip to content

Il bando scuola 2006 della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena: un esercizio di valutazione

Un grant-making strategico: l’approccio dimostrativo

Tra le tendenze comuni alle maggiori fondazioni operanti in Europa, del quale si scorgono solo flebili tracce in alcune fondazioni italiane di origine bancaria, le uniche a rappresentare le fondazioni grant-making, c’è sicuramente uno spostamento del proprio raggio d’azione da una prospettiva gift giver ad una change maker, mettendo in risalto un approccio metodologico e operativo sicuramente innovativo: il grantmaking strategico. Si tratta di un approccio attivo, che si distacca dal tradizionale atteggiamento meramente reattivo nell’aggredire un problema con rilevanza collettiva: si fa un uso dei grants con l’intento esplicito di testare la fattibilità e valutare l’efficacia di nuovi approcci, diffondendo poi i risultati delle esperienze che hanno avuto successo, per stimolarne l’adozione su una scala più ampia da parte delle rilevanti istituzioni pubbliche o private, siano essi i governi locali, gli enti pubblici o le altre istituzioni del terzo settore.
Questo approccio si collega chiaramente alle terza funzione dell’attività valutativa, non trattata in precedenza.


Esso si inserisce perfettamente all’interno di un quadro generalizzato di crisi dello stato sociale, che ha spinto le fondazioni, in primis quelle americane, a ripensare il proprio ruolo, assumendone uno intermedio tra quello classico di supplenza ad una mancanza di intervento pubblico/privato e quello che comporta un certo grado di attivismo sociale, volto alla affermazione della fondazione in qualità di protagonista di un processo di radicale cambiamento sociale: con l’approccio dimostrativo la fondazione si propone come un finanziatore di forme di sperimentazione di nuove soluzioni ai problemi della società. Di sicuro, è una filosofia simile a quella dell’attivismo sociale che ha ispirato le fondazioni, a partire dagli anni ’60, in quanto si cerca di influenzare la direzione di intervento delle politiche pubbliche, non attraverso un’attività diretta di lobbying o un attivismo militante, ma con il finanziamento di esperienze significative, con la successiva opera di disseminazione dei risultati e con la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dei policy-makers.
La grande sfida di una fondazione che intende operare in modo innovativo è quella di individuare le nicchie all’interno delle quali l’azione di grant-making ha la possibilità di “fare la differenza”, cioè avere un impatto sul problema. Con questo approccio la fondazione si propone come creatore attivo di capitale sociale, con una disponibilità diffusa alla cooperazione e alla costruzione di uno spazio di incontro tra una molteplicità di attori sociali e policymakers, dimostrando come il proprio ruolo non si esaurisca soltanto nella bilateralità del rapporto tra il soggetto erogatore e soggetto finanziato. E' un approccio che consente alle fondazioni di occuparsi di public policy, rimanendo, nello stesso tempo, lontano dalla politics: gli interventi della fondazione si inseriscono, infatti, nel quadro dei programmi e dei contenuti delle politiche pubbliche, sulle quali si cerca di avere un impatto visibile, permettendo la replicabilità su larga scala dell’esperienza di successo; ma in quanto attività di sperimentazione, spesso di natura circoscritta, la fondazione non viene coinvolta nel gioco politico di rappresentanza di grandi interessi e di equilibri di potere. In questo modo viene aperto un sentiero di innovazione e la fondazione cerca di diffonderne la conoscenza, lasciando poi ai policy-makers le decisioni in merito al proseguimento su quel determinato percorso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il bando scuola 2006 della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena: un esercizio di valutazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Manganiello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Paolo Silvestri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 268

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi