Skip to content

Genealogia dello spazio globale. Ricami del mondo, richiami della terra.

Misurare la Terra

Perché Anassimandro fu accusato di empietà per aver riprodotto su tavola il disegno dell’Ecumene? Agli inizi la geografia era una narrazione che comprendeva la descrizione dei Paesi e dei loro abitanti, approfondendone la storia, la politica, gli usi e i costumi. La Terra è considerata il luogo dove si svolgono le vicende degli uomini e degli eroi, che vengono narrate in lunghi testi che lasceranno la loro traccia permanente nel mondo latino, come quelli di Strabone, di Erodoto, di Plinio il Vecchio. Storia e geografia sono dunque imparentate dalla stessa materia, sulla quale si scrivono ricche pagine intramontabili, come quelle di Solino, ignoto maestro del III secolo, che sintetizza il retaggio precedente in un manuale per l’insegnamento.

Egli diffonde, in modo sistematico, i celebri mirabilia all’interno della descrizione dell’uomo e dell’Ecumene: mostri, creature disumane fuori dal comune, collocati ovunque, che ricompaiono assiduamente nelle carte successive. Paolo Orosio (IV secolo) e successivamente Isidoro di Siviglia, non potranno far altro che ribadire i precetti geografici dei predecessori: l’Ecumene divisa in tre parti, è circondata dall’acqua come una grande isola, ed è costituita da diverse fasce climatiche. Per integrare le conoscenze romane con quelle degli antichi greci, si dovrà aspettare l’epoca delle grandi traduzione dei preziosi trattati, tra qui la Geographia di Tolomeo, ritrovati dagli arabi e ritrasmessi poi al mondo latino attraverso Bisanzio.
I geografi romani, come Pomponio Mela, erano impegnati soprattutto a descrivere l’Ecumene (che corrispondeva quasi completamente al loro impero) dal punto di vista amministrativo, ricercando le novità e le caratteristiche di ogni territorio; quelli cristiani invece hanno soprattutto re-inventariato il mondo, per cercare di far corrispondere i principi biblici con la realtà. Il loro problema era quello di ristabilire i nomi dei popoli, cercando la corrispondenza dei coevi con quelli citati nel libro sacro.
Ancora nell’Alto Medioevo la cultura geografica si trasmette attraverso testi scritti; dovremo aspettare il VIII secolo per notare una produzione di carte significativa, sempre più complessa e ricca di informazioni, ancora legata al retaggio greco-latino, che durerà fino al XII secolo.
In questi lunghi anni il passaggio dal testo scritto al disegno è definitivo, una lunga preparazione all’apertura verso gli spazi occidentali progettati in vista delle esplorazioni. Arrivare a disegnare la Terra come un globo sulla carta, significa assimilare gli insegnamenti di Tolomeo e svincolarsi dalle superstizioni legate al mondo medievale, affrontare i climi equatoriali e superare senza timore le Colonne d’Ercole. A partire dall’Ecumene romana le carte ci mostrano disegni sempre più ricchi e fantasiosi, per raggiungere con Tolomeo la quasi perfetta geometrizzazione, fino all’inclusione grafica delle nuove Terre, raggiunte grazie alle nuove credenze diffuse dalle mappe. Le fasi verso una maggiore aderenze della carta alla Terra scandiscono il farsi immagine del mondo, che assomiglia sempre di più al disegno che abbiamo fatto di esso.
Ogni carta geografica è un riflesso della civiltà e della cultura che l’anno prodotta, ne rispecchia i valori e ha una funzione di autorappresentazione, di autoritratto. Le mappe medievali ad esempio, così ricche e decorate, colme di note, storie e figure, non hanno nessun fine analitico nel disegno della Terra; ai geografi interessava semplicemente stabilire analogie tra il mondo naturale, gli umori e le parti del corpo, le stagioni dell’anno, i segni dello Zodiaco, gli elementi primi, la storia umana e quella divina, esprimendosi ancora molto grazie ai testi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Genealogia dello spazio globale. Ricami del mondo, richiami della terra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Narboni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Luisa Bonesio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america
cartografia
crystal palace
decrescita
ecovillaggio
farinelli
filosofia
geofilosofia
geografia
globalizzazione
heidegger
immagine
junger
luoghi
mobilitazione totale
modernità
mogliazze
oceano
ribelle
schmitt
sloterdijk
spazio
tecnica
terra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi