Skip to content

Il Presidente del Consiglio nell'evoluzione della forma di governo

Crisi di governo, rimpasto ed assunzione del dicastero ad interim

Alla luce delle previsioni costituzionali e regolamentari precedentemente richiamate, il Governo è tenuto a rassegnare le proprie dimissioni a seguito:
- della mancata concessione iniziale della fiducia, anche se da parte di una sola delle due Camere;
- della successiva interruzione del rapporto di fiducia, a seguito di un voto contrario delle Camere alla questione di fiducia posta dal Governo su una propria proposta;
- della successiva interruzione del rapporto di fiducia, a seguito dell’approvazione di una mozione di sfiducia nei confronti dell’intero Governo.

Com’è noto, tuttavia, dall’entrata in vigore della Costituzione sino ad oggi l’art. 94 è rimasto sostanzialmente in effettivo, dal momento che:
- nessuna crisi di governo si è mai verificata a seguito dell’approvazione di una mozione di sfiducia;
- soltanto in due occasioni il Governo si è dimesso a seguito di un voto contrario su una questione di fiducia;
- soltanto cinque governi si sono dimessi per non aver avuto la fiducia iniziale.



È invalsa, quindi, la prassi delle crisi di governo c.d. «extraparlamentari», determinate da dimissioni spontanee del Governo (ovvero da dimissioni del Presidente del Consiglio di carattere politico o personale che, comunque, involgono quelle dell’intera compagine governativa) da ricollegarsi in genere a difficoltà politiche interne alla coalizione, dinanzi alle quali il Governo prende atto di non godere più dell’appoggio di una maggioranza in Parlamento.
Nonostante la loro legittimità costituzionale sia stata, in passato, messa in discussione (sostenendosi che il Governo abbia il dovere di presentarsi dinanzi al Parlamento per verificare la sussistenza del rapporto di fiducia), è oggi opinione condivisa che Governo e Parlamento (in quanto organi paritari) abbiano entrambi la possibilità di interrompere autonomamente il rapporto fiduciario.
Ai sensi dell’art. 94 Cost., infatti, è del tutto lecito che il Governo valuti autonomamente la sussistenza della fiducia ed apra la crisi (rassegnando volontariamente le proprie dimissioni) qualora ritenga che il rapporto con le forze politiche della maggioranza sia tale da non consentire l’attuazione del proprio indirizzo politico-amministrativo

È fuori di dubbio, tuttavia, che la prassi delle crisi extraparlamentari, pur non contraria alla Costituzione, sia oggettivamente riduttiva del ruolo delle Camere nelle istituzioni, di fatto relegate in una posizione di spettatrici impotenti delle vicende politiche interne alla coalizione di maggioranza.
Esse si svolgono – per così dire – «al buio», sicché le loro vere cause non sempre sono portate a conoscenza dell’opinione pubblica e ciò, oltre a renderne difficile la soluzione, contrasta con quella esigenza di chiarezza e di pubblicità dell’attività dei governanti che dovrebbe essere una regola inderogabile dei regimi democratici.
Di qui la prassi, sviluppatasi a partire dalla presidenza Pertini (1978-1985), di «parlamentarizzare» le crisi di governo non ricollegabili ad una manifestazione di volontà del Parlamento, attraverso l’invito rivolto dal Capo dello Stato al Presidente del Consiglio dimissionario a presentarsi dinanzi alle Camere per esporre le ragioni della crisi e consentire l’eventuale apertura di un dibattito parlamentare chiarificatore: dibattito non tanto diretto a far rientrare la crisi (già irrimediabilmente aperta), quanto a far sì che in Parlamento i partiti chiariscano la loro posizione in merito, così da assumersi le proprie responsabilità anche di fronte all’opinione pubblica e fornire un quadro più completo della situazione politica in ordine alla formazione del nuovo ministero.
È opinione condivisa, tuttavia, che l’invito presidenziale non determini alcun obbligo giuridico a carico del Governo, trattandosi di una proposta meramente sollecitatoria e non vincolante (con effetti solamente sospensivi del procedimento formativo di un nuovo Governo), alla quale il Presidente del Consiglio (a parte un obbligo di correttezza attinente ai rapporti tra gli organi supremi dello Stato, che gli impone di esaminare la proposta e di dare una sollecita risposta al Presidente della Repubblica) è giuridicamente libero di accedere o meno.

Qualora il Presidente del Consiglio si rifiuti (con adeguate motivazioni) di presentarsi dinanzi alle Camere, il Capo dello Stato deve accettarne le dimissioni, salvo restando naturalmente l’obbligo del Governo dimissionario di rimanere al suo posto fino alla nomina del nuovo gabinetto.
Il Presidente della Repubblica verrebbe, altrimenti, meno al suo primario dovere (consistente nel formare un Governo dotato di piena funzionalità) qualora si ostinasse a voler piegare le resistenze di un Governo dimissionario, cercando di farne un «cabinet malgré lui»: in questo caso, infatti, sarebbe palese l’anomalia di una compagine ministeriale obbligata a rimanere in carica pur avendo raggiunto la convinzione che non sussistano più le condizioni a tal fine indispensabili; e sarebbe, altresì, evidente l’inammissibile ingerenza del Capo dello Stato nel rapporto fiduciario ed in scelte che attengono specificamente alla dialettica tra le forze politiche.
Inoltre, è da tener presente che – in determinate circostanze – un dibattito parlamentare potrebbe essere non solo inutile, ma anche controproducente rispetto alla formazione del nuovo Governo: svolgendosi in presenza di una crisi ormai sostanzialmente aperta ed irreversibile, infatti, potrebbe non solo acuire e pubblicizzare i contrasti tra le forze politiche più direttamente interessate, ma anche pregiudicare le future possibili intese, rendendo di fatto inevitabile lo scioglimento anticipato delle Camere.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Presidente del Consiglio nell'evoluzione della forma di governo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Gentile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Salvatore Bonfiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 410

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assemblea costituente
berlusconi
bipolarismo
capo del governo
cavour
commissione bicamerale
consiglio dei ministri
crisi di governo
de gasperi
fascismo
forma di governo
formazione del governo
governo
ministri
mussolini
premier
premierato
presidente del consiglio
presidenza del consiglio
primo ministro
riforma elettorale
riforme costituzionali
rimpasto
statuto albertino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi