Skip to content

Il sistema scolastico ed educativo nel periodo fascista: dalla riforma Gentile alla Carta della scuola

La riforma dell’insegnamento medio

Gentile considerava il Regio Decreto del 6 maggio 1923 n. 1054, che riorganizzava l’insegnamento medio, il punto fondamentale della sua riforma. Nel 1905, in un discorso letto alla sezione di Napoli della FNISM (Federazione Nazionale
Insegnanti Scuole Medie), Gentile osservò: “(…) La riforma della scuola media è concepibile a condizione che si possegga un concetto di questa scuola e una nozione esatta dei difetti della nostra scuola media presente.

L’insegnamento secondario non può essere insegnamento scientifico. (…) All’uomo è essenziale la coscienza dell’esser suo, quale la cultura umanistica può darla. La cultura umanistica della scuola media è fine a se stessa in quanto essa compie l’uomo”. Gentile aveva promesso di lasciare poche scuole, ma buone: “(…) La scuola media è diventata ormai una vera baraonda, dove alla pletora degli alunni corrisponde uno stuolo sterminato e inorganico d’insegnanti, assoggettati ad un complicatissimo giuoco di combinazioni meccaniche, pur di raggiungere quel limite massimo di orario, che permetteva loro un compenso non troppo insufficiente ai più stretti bisogni delle loro famiglie; e quindi obbligati a un lavoro faticoso, che svoglia e disabitua dagli studi, smorza ogni entusiasmo e ogni amore per la scuola. (…) Quindi, o la scuola media ( e penso principalmente alla scuola classica) riacquista la sua antica fisionomia e ritorna ad essere un istituto organico, dove il maestro possa insegnare conservando e rinnovando di continuo la sua alacrità e freschezza spirituale; o la scuola decaderà a precipizio”. Affermò con convinzione che ogni insegnante doveva avere la sua scuola e i suoi scolari ed ogni istituto i suoi insegnanti; ogni capo d’istituto doveva riacquistare la possibilità di conoscere, seguire ed assistere scolari e maestri ad uno ad uno e nella loro vita comune, avvicinando tutti ad un’idea educativa che fosse l’anima della scuola. Ogni istituto non doveva più operare nel caos ma doveva invece intraprendere un lavoro di semplificazione. “(…) Le classi aggiunte sono oggi il gran peso morto delle nostre scuole. (…) L’idea mia, dunque, è che le scuole tenute dallo Stato devono essere poche, ma buone; e potrei dire: poche, ma scuole! Quindi pochi i maestri, e assai meglio rimunerati in proporzione dei bisogni enormemente cresciuti della vita, e in modo tuttavia che, per il ridotto numero, la spesa non ecceda le forze del bilancio”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il sistema scolastico ed educativo nel periodo fascista: dalla riforma Gentile alla Carta della scuola

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Casti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Marco Salis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dittatura
educazione
educazione fascista
fascismo
formazione
regime fascista
riforma scolastica
scuola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi