Skip to content

Progetto di recupero e riuso dell'archeologia industriale: una ''posada'' nella laveria di antracite di Seui

Le Pousadas del Portogall

Le Pousadas del Portogallo costituiscono un interessante ed efficiente modello di turismo integrato capace di offrire un servizio ricettivo di alto livello e tutelare il patrimonio culturale (architettonico, paesaggistico) portoghese. Il concetto attuale di Pousadas è l’esito di un’evoluzione teorica che dura da circa 80 anni, sviluppatasi parallelamente al dibattito culturale e architettonico del paese.

Diversi elementi concomitanti contribuirono alla definizione dello “statuto” della prima serie di Pousadas realizzate nel 1942.

Innanzitutto nel 1933 venne instaurata la dittatura dell’Estado Novo che impose un clima culturale fortemente nazionalista e conservatore alla società portoghese.

Svolse un ruolo importante nella nascita delle prime Pousadas la “volgarizzazione” delle vacanze, fino a pochi decenni prima appannaggio esclusivo di nobili e ricchi borghesi i quali le trascorrevano nei lussuosi alberghi detti “Palace”, diventate ora appannaggio di una sempre più ampia porzione di popolazione. Infine la diffusione dell’automobile e lo sviluppo delle vie di comunicazione consentirono di raggiungere facilmente luoghi di forte attrattiva, prima difficilmente accessibili.

Nel 1936, durante il Primo Consiglio Nazionale del Portogallo, Francisco de Lima propose un nuovo tipo di installazioni turistiche che chiamò Pouzadas. Dovevano essere in grado, almeno negli intenti, di contribuire allo sviluppo di questa nascente industria del turismo.

Il termine Pousadas deriva dal verbo pousar che significa fermarsi, quindi la proposta di Francisco da Lima consisteva nell’offrire la possibilità di fare una pausa dalla caotica routine quotidiana per trascorrere un periodo di tranquillità in luoghi particolarmente affascinanti e riposanti, un’offerta turistica adeguata alla realtà delle umili terre di provincia portoghesi di cui si sarebbero sfruttate le peculiarità culturali e paesaggistiche.

La prima serie di cinque Pousadas era costituita dunque da piccole costruzioni immerse nel paesaggio, lontane dalle città, a conduzione familiare, fortemente legate alle tradizioni locali. Volendo trovare una esemplificazione moderna si possono citare gli attuali “agriturismi”.

Non è un caso che il riferimento architettonico per queste Pousadas furono le “Casas Portoguesas” ovvero il modello teorico di casa tradizionale portoghese come era stato definito pochi anni prima dall’architetto Raul Lino.

Seguendo lo spirito nazionalista che impregnava la cultura portoghese dell’epoca, Raul Lino criticava aspramente la crescente “de -caratterizzazione” dell’architettura derivante dall’internazionalismo del Movimento Moderno e promuoveva, per contro, il rispetto per le condizioni sociali del paese nel quale si progetta e sopratutto per la sua tradizione che risolveva con la semplice elencazione posticcia di alcuni elementi vernacolari all’interno delle sue progettazioni.

Un elemento caratterizzante degno di nota di questa prima serie di Pousadas è la “camera da pranzo panoramica”,cioè si poneva l’accento sull’importanza di unire sempre il piacere enogastronomico al piacere della vista sul paesaggio portoghese. All’inizio del secondo dopoguerra la società portoghese viveva un periodo di crisi che avrebbe avuto ripercussioni anche sulla concezione delle Pousadas.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Progetto di recupero e riuso dell'archeologia industriale: una ''posada'' nella laveria di antracite di Seui

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Medda
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria edile - Percorso restauro
  Relatore: Antonello Sanna
Coautore: Leonardo G.F. Cannas
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi