Skip to content

"Madrid no ha muerto": La movida madrilena nel cinema di Pedro Almodovar

Ideologia ed estetica della movida


La movida, dal punto di vista estetico e contenutistico, non è altro che un’evoluzione del rollo. In essa confluiscono il desencanto, l’utopia rivoluzionaria, l’aggressività del punk, la libertà individuale, la pratica dell’edonismo e la filosofia del todo vale, che si adotta come attitudine di vita e pratica creativa. A differenza del rollo, col quale condivide i principi fondamentali insieme alla medesima attitudine dei giovani nei confronti della vita, della società e del sistema politico, la movida è anche una corrente artistica che si fonda su un’estetica postmoderna

Ma quando si può iniziare a parlare di movida? Stabilire con certezza il momento iniziale e quello finale di questo movimento è un’operazione ardua, se non impossibile, innanzitutto perché nasce spontaneamente e inconsapevolmente, senza la pretesa di diventare un corrente artistica o uno stile di vita.

Gli attori-autori che hanno “fatto” la movida sono infatti persone per lo più giovani che si ritrovano casualmente a condividere le stesse esperienze e che hanno in comune una gran sete di libertà e divertimento, un atteggiamento decisamente apolitico e pasota, la tendenza all’uso di droghe e alcohol, la passione per la musica moderna e soprattutto il rifiuto della morale convenzionale a favore dell’amore libero. La movida è quindi il frutto di incontri casuali, privi di qualsiasi fondamento ideologico, e proprio per questo è così complesso stabilirne la nascita. Non c’è un “manifesto” o un evento particolarmente significativo che possiamo considerare come punto di partenza di questo movimento, ma tutto inizia e sfuma in maniera spontanea, vertiginosa e incosciente, così incosciente che solo alla fine ci si rende conto della forza prorompente di questo fenomeno e si inizia a parlare di movida. Inoltre gli stessi protagonisti e studiosi hanno pareri discordanti quando si tratta di stabilire quale sia il fatto simbolico che sancisce la nascita della movida. C’è chi lo fa coincidere con l’uscita del primo lavoro discografico dei Kaka de Luxe, nel 1977, e chi col colpo di stato di Tejero del 23 febbraio 1981. La maggior parte dei critici che si sono dedicati allo studio di questo movimento segnala tuttavia il 1979, anno in cui Tierno Galván diventa sindaco di Madrid, come l’inizio di tutto.

In realtà però, come sostiene José Manuel Lechado, la movida non nasce all’improvviso dal nulla, ma ha i suoi precedenti in quei movimenti giovanili della lotta antifranchista che già avevano scelto la musica e il fumetto come mezzi d’espressione artistica. Questo fervore di energia, creatività, ribellione e libertà cresce progressivamente durante gli anni ’70, diventa una forza latente che inizia a sprigionarsi con la caduta ufficiale del regime fino ad esplodere completamente qualche anno più tardi. Tale esplosione coincide con l’entrata nel paese delle nuove tendenze straniere nel campo della moda, dell’arte e della musica. Nel 1977 lo sviluppo della classe media e l’aperturismo limitato degli ultimi anni del franchismo aveva permesso, soprattutto ai giovani, di viaggiare e conoscere gli altri paesi europei, iniziando così ad imitarne le tendenze e a farle proprie una volta rientrati in patria. In ambito artistico in Spagna dominava ancora il grigiore e l’immobilismo del regime, e le proposte musicali e culturali non erano di certo appropriate ai gusti dei giovani. In molti stati europei invece il ’68 era sfumato da un po’, ma aveva favorito la diffusione di avanguardie artistiche e nuove generazioni musicali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

"Madrid no ha muerto": La movida madrilena nel cinema di Pedro Almodovar

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Cardinali
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e letterature moderne euroamericane
  Relatore: Alessandro Falcinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

film
movimenti giovanili
madrid
spagna
anni '80
cinema spagnolo
cine
musica spagnola
pedro almodovar
movida madrilena
spagna socialista
spagna dopo franco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi