Skip to content

Migrazioni femminili in Sicilia, l'importanza delle tradizioni nell'integrazione interculturale

Immigrazione e centri di accoglienza: il caso siciliano

Il fenomeno migratorio inizia ad avere una storia importante anche in Italia, se pur limitata quando la si confronta con quella secolare dei paesi che hanno una lunga tradizione immigratoria come Francia o Germania, e Stati Uniti. Tuttavia tale fenomeno nel nostro paese viene ancora inteso nella sua forma transitoria, limitata nel tempo e non connessa ad un possibile multiculturalismo mondiale che sta coinvolgendo anche l'Italia; in tal senso sono emblematiche le leggi italiane degli ultimi anni, in particolar modo la legge 189 Bossi/Fini del 30 luglio 2002, leggi che si limitano semplicemente a regolare l'ingresso dei migranti nel nostro paese, rimpatriare chi viene colto in flagranza di reato o non possiede i requisiti minimi per soggiornare in Italia, senza attuare un vero e proprio piano per favorire l'inserimento degli immigrati nel tessuto nazionale, provando così mediare tra la cultura autoctona e quelle “importante” dagli immigrati.

Il termine multiculturalismo, tuttavia viene troppo spesso usato come bandiera dietro cui nascondere un razzismo latente ormai radicato, diventando così quello che secondo Demorgon (1988) "rischia di essere un'etichetta che denota un indifferenza all'indifferenza, il riconoscimento di una diversità senza un interesse a conoscere il diverso, una tolleranza che accetta una diversità senza conoscerla, solo a patto che rispetti le regole e non crei scompiglio".

I cittadini quindi accettando di accogliere incondizionatamente gli stranieri a patto che essi sottostiano alle regole imposte dallo Stato in cui si trovano; una forma questa di pregiudizio celato, che a differenza di aperte manifestazioni razziste, si esprime in una maggiore difesa dei valori fondamentali dell'ingroup, la negazione di atteggiamenti ed emozioni positive nei membri dell'outgroup e l'enfatizzazione delle differenze culturali che diventano incolmabili. Per non rischiare di cadere in facili stereotipi o in finti moralismi, è necessario quindi interrogarsi attivamente sulla realtà dei fatti che ci circondano; quando si parla di immigrazione e stranieri una delle prime cose che appare chiara è senz'altro l'incomprensione di intenti tra chi richiede aiuto e chi lo eroga, che porta spesso ad una conversione errata dei fatti reali in notizie di cronaca. Una nigeriana costretta a prostituirsi per poter mantenere il proprio figlio, diventa subito un pericolo per le famiglie italiane, oltre che un pretesto per accusare le amministrazioni pubbliche del degrado in cui versano le città; o una rivolta di arabi in un paese in guerra (come gli episodi di razzismo occorsi in Egitto contro i cristiani copti) viene automaticamente connessa come reazione possibile anche da parte dei musulmani che vivono nel nostro paese. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Migrazioni femminili in Sicilia, l'importanza delle tradizioni nell'integrazione interculturale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariacristina Forte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Cristiano Inguglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi