Skip to content

Diventare padri oggi: Un percorso relazionale verso l'evento parto

La sindrome della Couvade

I riti a cui si accennava nei precedenti paragrafi fanno parte delle tradizioni e dei costumi di popoli lontani dalla nostra cultura, ma anche nella nostra moderna e tecnologica realtà, la couvade si esprime e ha la sua importanza.
Nella società odierna infatti, con l’espressione couvade, non ci si riferisce agli atti rituali o alle pratiche di paternità sopra descritte, attualmente invece, con l’espressione Sindrome della couvade o couvade Psicosomatica, si fa riferimento ad un quadro patologico costituito da una complessa varietà di sintomi fisici e psichici, e condotte comportamentali (Benvenuti, Pazzagli, Rogari, Rossi Monti, 1982). Tale sindrome, descritta per la prima volta da Trethowan e Conlon (1965), interesserebbe una percentuale di padri in attesa altamente variabile fra il 10% e il 65%. Nello specifico la ricerca realizzata su un campione di 327 mariti, dimostrava come un futuro padre su 9, circa l´11% del campione, manifestasse sintomi particolari quali perdita di appetito, mal di denti e nausea, proprio i più classici disturbi che sopravvengono nella donna durante la gravidanza.
La Sindrome della couvade si definisce in base alla comparsa di sintomi sia fisici che psichici che spesso i padri non collegano alla gravidanza, mentre le donne sembrerebbero accorgersi di questo complesso sintomatologico nei propri mariti. Le lamentele più frequenti riguardano cefalea, nervosismo, ansietà, mal di schiena, mal di denti, disturbi gastrointestinali (nausea, vomito, ecc.), insonnia, stitichezza, perdita o aumento dell’appetito, calo o aumento ponderale, come si vede i sintomi sono diversi, pertanto diventa anche difficile inquadrarla e valutarla in quanto couvade.
La frequenza e l’intensità dei sintomi della pseudogravidanza sono massime nel primo trimestre della gravidanza, acutizzandosi in particolar modo nel terzo mese, e tendono a diminuire sensibilmente verso il settimo, ottavo mese, per poi riacutizzarsi, con varia intensità e modalità, nel corso del nono mese e scomparire dopo la nascita del bambino. È una manifestazione che si riscontra più frequentemente negli uomini che diventano padri per la prima volta e i sintomi osservati sono l’espressione corporea di uno stress emotivo (da qui l’altra denominazione di couvade psicosomatica), riguardante il nuovo status di padre o espressione di conflitti irrisolti con le proprie figure genitoriali e/o con la partner. Altro elemento alla base di questa sindrome, potrebbe essere la gelosia nei confronti del nascituro, potenziale elemento destabilizzante per la coppia, in quanto provoca un calo di attenzione e interesse della donna nei confronti del marito. Ancora, il frequente aumento ponderale dei padri interessati, sostanziato dalle ricerche di Trethowan e Conlon (1965), potrebbe tradursi come un buon metodo per rivaleggiare inconsapevolemente con la pancia della propria compagna in attesa.
I sintomi di questa sindrome possono altrettanto essere dovuti ad uno stato di ansia dovuto alle eccessive preoccupazioni per la salute della madre e del bambino. Le persone coinvolte molto probabilmente sono interessate da un sentimento di rivalità e al contempo di paura di perdere parte delle loro vite precedenti e quindi cercano una valvola di sfogo per questi stati d'animo. Anche un'inconsapevole e forte identificazione con la partner, come già visto, può contribuire in tal senso.
Secondo un’accezione non prettamente psicopatologica della couvade, si può affermare che i futuri padri esprimono lo stress emotivo attraverso il canale corporeo anche in assenza di particolari turbe o manifestazioni di rilevanza psichiatrica (Badolato, 1993).
Osofsky (1982) e Pazzagli (2002), infine, rilevano che le ambivalenze attivate nell'uomo nel momento nel quale sta per diventare padre, sono universali e quindi, eventuali tensioni o disagi possono presentarsi in tutti gli uomini che si apprestano a diventare padri. Tali ambivalenze e le manifestazioni ad esse connesse, sono certamente degne di essere studiate in modo più approfondito, così com’è stata studiata la crisi connessa alla maternità per la donna o il post part blues.
Forse i disagi potrebbero essere interpretati come dimostrazione di "compassione", secondo una lettura "positiva" della sindrome, tutti i sintomi manifestati potrebbero infatti presumibilmente essere espressioni fisiche del bisogno emotivo di sentirsi vicini alla gravidanza, per poterne fare parte, anche se in modo indiretto, un esempio del desiderio materno da punto di vista del padre, dell'identificazione nella donna e l'empatia che unisce profondamente una donna con un uomo nelle funzioni creative (Clinton, 1986). Tuttavia anche l'invidia potrebbe giocare un ruolo determinante, come ad esempio l'invidia per la maternità e questi sentimenti potrebbero avere tratti meno "amichevoli".
Come si è visto, in molti padri di oggi vi sono delle reazioni, dei comportamenti e dei modi di porsi in relazione alla gravidanza che sono riconducibili ad un altro significato profondo della couvade: ovvero una ricerca inconscia di nuove sicurezze, ricerca dovuta ai grandi sconvolgimenti che si verificano all'interno della coppia con l'arrivo di un bambino e il sentimento di destituzione dal suo ruolo che l'uomo percepisce per l'arrivo del bambino stesso. Infatti i limiti della mancanza del legame fisico tra il padre e il bambino e quelli di distacco affettivo impliciti nel ruolo sociale di padre, come retaggio culturale, impediscono la piena espressione delle paure e delle angosce per l´imminente paternità.
In conclusione si può riflettere sul fatto che oggi invece i riti della couvade possano scomparire con l'affermarsi dell'ostetricia moderna, viene tolta così alla famiglia la possibilità di esprimere le emozioni che precedentemente trovavano posto nella couvade e che rappresentavano lo psicodramma della maternità e della paternità.
Al tempo del rituale il padre riceveva il bambini in braccio mentre oggi nei reparti di maternità il bambino viene separato dal padre e il parto è spesso gestito chirurgicamente e medicalizzato (This, 1984).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Diventare padri oggi: Un percorso relazionale verso l'evento parto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emilio Castaldi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Clinico-Dinamica
  Relatore: Pier Luigi Righetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

papa
padre
paternità
genitorialità
affido
gestalt
parto
co-genitorialità
congedo
couvade
corso pre-parto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi