Skip to content

L'Economia Circolare nel settore dell'abbigliamento second-hand e il caso aziendale Humana People to People Italia

Abbigliamento usato

Il settore dell’abbigliamento in sé per sé è da sempre soggetto fortemente alle mode ed ai trend veicolati dal sistema sociale ed economico che, di volta in volta, stabiliscono dei mantra sul fashion e dispensano consigli di stile su ciò che nella prossima stagione si indosserà oppure cosa sarà “out”.
Basti pensare al potere che hanno i social media nell’influenzare tutti gli utenti iscritti alle relative piattaforme, soprattutto i giovanissimi. Primo fra tutti al giorno d’oggi è Instagram, dove primeggiano gli influencer, con il compito di proporre ed imporre look sempre aggiornati e cool.


A rendere appetibile l’acquisto di vestiti usati, è anche l’iniziativa di alcuni brand che offrono buoni sconto od omaggi in cambio di acquisto o vendita di un capo usato.
La moda, senza riferirci prettamente all’abbigliamento, è un’acerrima nemica del riuso e del risparmio e rende vittime migliaia di giovani, e non solo, che ogni anno si apprestano ad acquistare l’ultimo modello di quel paio di scarpe tanto amate (all’improvviso), così come l’ultimo modello dell’I-phone arrivato in store.
L’usato sembra scontrarsi con tutto questo appena descritto, in quanto in questo caso ci si riferisce proprio a quel paio di scarpe ormai “fuori moda” usate dalla mamma anni fa, che non rispecchiano i canoni estetici di oggi. Così si favoriscono fenomeni sociali come l’anticonformismo, spesso soggetto ad irrisione, emarginazione ed esclusione, anche quando l’oggetto in questione risulta poco utilizzato e magari perfettamente funzionante.
Aldilà delle mode e dei gusti legittimamente soggettivi, è importante sottolineare che la funzionalità rappresenta un elemento necessario per dare una seconda vita all’oggetto in questione, tanto che in un punto vendita dell’usato il bene deve superare delle valutazioni sulla qualità per avere delle possibilità di acquisto da parte di un cliente e quindi meritarsi un posto in uno scaffale di esposizione del negozio.

Il settore del tessile ha un ruolo chiave in Italia in quanto sono di antichissima origine le tradizioni e le competenze in campo tessile. La struttura attuale del sistema industriale italiano, composto al 99% dalle piccole e medie imprese, si riflette anche nel settore dell’abbigliamento occupando però, a differenza di altri settori meno significativi, un ruolo chiave nell’export mondiale. Infatti, ben il 7% giunge dall’economia tessile italiana, soprattutto quella proveniente dal Nord Italia e dal distretto pratese, nel quale sono numerose le aziende e le associazioni attive nel campo tessile e attente nei confronti dell’ambiente e del riciclo.

L’abbigliamento usato al giorno d’oggi non conquista più nicchie di mercato o fette specifiche della popolazione, ma coinvolge ormai un ampio range di età ed interessa ambo i sessi per delle ragioni che sono sia di tipo etico-sostenibile, sia a causa di mode e tendenze nell’abbigliamento che ciclicamente impongono ritorni di qualche capo o accessorio nel vestiario appartenenti ad epoche lontane e passate (i cosiddetti “revival”).
Un panorama quantitativo sui numeri ci svela che il settore dell’usato fattura circa 3 miliardi di euro ogni anno ed impegna circa 80 mila persone. Il flusso di abiti usati esportato dall’Italia ha oscillato negli ultimi anni tra 100.000 e 150000 tonnellate, indumenti importati principalmente dal Nord Africa e dell’Africa Subsahariana.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Economia Circolare nel settore dell'abbigliamento second-hand e il caso aziendale Humana People to People Italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marta Panunzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia dell'ambiente e dello sviluppo
  Relatore: Riccardo Giovannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi