Skip to content

Calibrazione e validazione del modello Cathy in un bacino idrologico dell'Italia meridionale

Accoppiamento modulo superficiale - modulo sotterraneo

I parametri qs e qss, evidenziati nelle equazioni cardine del modello, sono i due termini che mettono in correlazione il modulo sotterraneo ed il superficiale, andando a definire una interazione di tipo dinamico. Il contributo dalla superficie al sottosuolo, rappresentato dal termine qss, viene espresso in termini di altezza di acqua h, andando a risolvere l’equazione caratteristica del modulo superficiale di De Saint Venant, per ogni input determinato per la risoluzione dell’equazione modulo sotterraneo. Invece, il termine qs rappresenta il contributo dal sottosuolo verso la superficie, individuato per ogni input dato per la risoluzione del modulo superficiale. I contributi in esame, visti come condizioni al contorno per la risoluzione dinamica accoppiata dei due moduli (sotterraneo e superficiale), hanno interpretazioni diverse fisicamente:

• il termine qs viene espresso in termini di flusso volumetrico [ L³/T];
• il termine qss viene espresso in termini di flusso specifico [L/T];
• il termine di ponding (h) viene espresso in termini di altezza d’acqua [L].

Tale distinzione è dovuta alla natura della mesh di calcolo: come espresso nei paragrafi precedenti, il modulo superficiale viene discretizzato in celle, mentre il modulo sotterraneo viene discretizzato in elementi 3-d (tetraedri regolari). Per tale motivo il trasferimento tra i due moduli viene fatto in funzione di ogni time step di risoluzione e tenuto conto delle differenti discretizzazioni tra superficie e sottosuolo. L’iterazione tra i due moduli avviene nel seguente modo: dapprima viene risolta l’equazione del modulo superficiale e i termini di ponding, espressi come altezza d’acqua, sono ottenuti attraverso un semplice bilancio di massa. Per ogni time step e per ogni nodo dell’area superficiale, viene convertito questo contributo in flussi volumetrici. Tali flussi rappresentano dei valori di input per la risoluzione dell’equazione del modulo sotterraneo. Essa viene discretizzata e risolta attraverso il metodo agli elementi finiti, utilizzando il metodo di Galerkin. Alla fine dell’intervallo temporale necessario per la risoluzione del modulo sotterraneo, il flusso volumetrico che si ha da modulo sotterraneo a superficiale, rappresenta una condizione al contorno per la risoluzione finale dell’equazione del modulo superficiale. Infatti, questo flusso volumetrico viene diviso per l’area superficiale di ogni nodo e moltiplicato per l’area della cella e, tenuto conto della lunghezza di ogni elemento del canale principale, si determina il flusso in termini di qs.

Nonostante questa iterazione dinamica, il modulo sotterraneo ha maggiore influenza in questo accoppiamento dinamico: questo perché sia la forzante atmosferica sia i termini di ponding, nella parte superficiale, rappresentano delle condizioni al contorno per la risoluzione dell’equazione di Richards del flusso sotterraneo. (Figura 20), Tuttavia, questa trattazione relativa alla componente atmosferica rappresenta uno dei casi particolari dei diversi casi di condizione al contorno che si possono avere all’interno del modello Cathy: ogni nodo superficiale, infatti, può essere caratterizzato da una condizione di Dirichlet o di Neumann a seconda del livello di saturazione che ha. Per tale motivo, se si ha un evento di precipitazione duraturo, su ogni nodo superficiale si presenta una condizione di Neumann cioè di flusso assegnato: tale flusso è uguale all’input atmosferico assegnato ( precipitazione o evapotraspirazione potenziale). Se invece, si ha un periodo duraturo caratterizzato dall’assenza di precipitazione, con la diminuzione del grado di saturazione su ogni nodo superficiale, si passa da una condizione di Neumann a Dirichlet, cioè di carico assegnato. In questo caso, i processi di accoppiamento tra superficiale e sotterranei sono controllati direttamente dalle condizioni del sottosuolo. All’interno del modello vi sono altre due condizioni al contorno essenziali per un corretto accoppiamento: si ha la condizione di ponding per tenere conto delle microfratture dovute alle irregolarità topografiche e la condizione di potenziale capillare, espressa dal parametro pmin per un corretta stima dei flussi reali atmosferici. La prima, quindi, esprime la condizione per la quale ogni nodo, raggiunto tale livello soglia, ha una pressione tale per attivare il sistema superficiale e calcolare le altezze idrometriche e i deflussi. La seconda invece rappresenta un livello soglia che viene attribuito ad ogni nodo per un corretto calcolo dei flussi atmosferici reali. Esso, quindi, rappresenta il punto di switching tra un processo di evapotraspirazione controllato dall’atmosfera ed un processo di evapotraspirazione controllato dalla vegetazione e dal suolo. Perciò è un parametro di fondamentale importanza all’interno della simulazione dei vari apporti idrici a scala di bacino ma allo stesso tempo molto difficile da stimare.
Una volta conosciuti gli apporti idrici presenti tra flusso sotterraneo e flusso superficiale, si hanno tutti gli elementi per calcolare i deflussi superficiale del canale principale all’interno del bacino idrografico.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Calibrazione e validazione del modello Cathy in un bacino idrologico dell'Italia meridionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Taverna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Giuseppe Mendicino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

idrologia
modello
cambiamenti climatici
bacino idrologico
distribuito
cathy
richards
hydrologic model
river network

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi