Skip to content

Legal issues of Artificial Intelligence. The Chess Game as a metaphor of the controversial relationship between the Human and the Machine

AI and Politics

Nowadays, politicians are increasingly using social media and new communication techniques to attract the attention of millions of voters, preferring very direct forms of expression, such as tweets, keywords and hashtags. Clearly, the most relevant national issues are not explored because what interest the most is the largest number of likes, which, in the polls, will be translated into votes. In this context, Machine Learning algorithms are fundamental in terms of both analysing the large amount of data on the network and doing a political screening of the users.

Therefore, this makes possible to understand and predict the intentions of voters and, as a consequence, to plan election campaigns. Politicians are supported by specific companies that, by using data mining techniques, are able to identify segments of the electorate by profiling them on the net, as if they were doing market analysis. According to a study of the Department of Psychology of the Cambridge University, with hundred and fifty likes on Facebook, a Machine Learning algorithm is able to know more things about us than our family knows and with just seventy likes is able to know our personality better than our friends and roommates; just our partner seems to know more about us than the computer.

Moreover thanks to chatbots, politicians are able to customise their communicative approach in order to influence decisions of individual users. For example, in the United Kingdom, a form of computational propaganda has already taken place during the Brexit referendum. These are fake profiles, mainly created on Twitter, managed by software, which simulate to be a real person with the aim of increasing the visibility of a product and a political campaign, or to counter an opponent. As we have seen, the search algorithms, the dominance of single search engines and social media platforms clearly influence citizens’ political choices. This manipulation, in order to be difficult to be discovered, takes the form of the so-called “Filter Bubble”, that is the effect of the system of personalisation of the results of searches on websites that record the history of the user’s behaviour as for example are doing Google and Facebook. The latter are in fact able to use information such as position, previous clicks and past searches to selectively select, among all the answers, those that the users will want to see. The effect is to exclude the user from information that is at odds with his point of view, isolating him in his cultural or ideological bubble. On a large scale and at political level, thanks to the filter bubble, there is a serious possibility of conditioning slowly and gradually the public opinion for example by feeding the hostilities towards ethnic minorities and migrants and address the vote of the electors in a certain way. This issue, despite being a current theme, is starting to be anachronistic.

As citizens become increasingly frustrated with human politicians it may not be far away a scenario in which intelligent machines will run for an office. In this respect we should be aware that an AI-robot -named Alice- created by the Russian web giant “Yandex”, was initially nominated for the presidential elections in Russia, until the moment was silenced by President Putin. Moreover, in 2018, a machine named “Michihito Matsuda” placed third with a four thousand votes in a mayoral’s race in Tama City in Japan with the slogan: “Artificial intelligence will change Tama City”. Alongside Alice and “Michihito Matsuda”, we can talk about “Sam”, considered to be the world’s first virtual politician, who according to its creator Nick Gerritsen, will may be able to run in New Zealand’s 2020 general election.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Legal issues of Artificial Intelligence. The Chess Game as a metaphor of the controversial relationship between the Human and the Machine

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Lalli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Contissa
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi