Skip to content

Le donne nell'Esercito Italiano

Alcune Donne ''Valorose''

Nel corso della storia sono state molteplici le donne "valorose" che hanno scelto volontariamente di dedicare la loro vita ad ideali come l'onore e la difesa della Patria.

Katharina Lanz, nata a San Vigilio di Marebbe nel 1771 e morta a Andraz, Buchenstein nel 1854, «che lavora come serva a Spinga, partecipa agli scontri scoppiati in paese il 2 aprile 1809 fra i ribelli tirolesi e i francesi intenti ad avanzare dalla val Pusteria. I tirolesi riescono a respingere i francesi verso i campi circostanti. Katharina Lanz si distingue per il suo coraggio. Stando alla tradizione, la giovane, armata di solo forcone, caccia i soldati francesi dal muro di cinta del cimitero. La sua audacia cade ben presto nel dimenticatoio. È solo intorno al 1870 che, grazie alla ricostruzione dei fatti di Karl Maneschg, la sua figura diventa famosa presso il grande pubblico come la "ragazza di Spinga", la quale lavorava come governante presso il fratello di Maneschg. Nel 1912 Livinallongo le ha dedicato una statua di bronzo».

Nella Prima Guerra Mondiale ricordiamo Maria Boni in Brighenti, la quale "Nacque a Roma il 3 settembre 1868 e morì in combattimento a Tarhuna, in Libia il 18 giugno 1915".
"Pur conoscendo le difficoltà e i rischi cui sarebbe andata sicuramente incontro, decise di inoltrare la pratica di avvicinamento al consorte" Costantino Brighenti, ufficiale coloniale, in Libia. Fu decorata di Medaglia d'Oro al Valor Militare con la seguente motivazione:
«Durante il lungo blocco di Tarhuna, fu incitatrice ed esempio di virtù militari; con animo elevatissimo e forte, prodigò sue cure a feriti e morenti, confortandoli colle infinite risorse della sua dolce femminilità. Il 18 giugno 1915, seguendo il presidio che ripiegava su Tripoli, rifiutò risolutamente di porsi in salvo, volendo seguire le sorti delle truppe; più volte colpita da proiettili nemici, mentre soccorreva feriti e incuorava alla lotta, moriva eroicamente, in mezzo ai combattenti. Fu di fulgidissimo esempio. Tarhuna (Tripolitania), maggiogiugno 1915».

Maria Predari, nata il 6 luglio 1884 a Fiesse Bresciano (BS), laureata in medicina e chirurgia il 14/12/1912 a Pavia, fu il primo Sottotenente Medico Alpino donna, prestò servizio durante la Grande Guerra a Ruolo presso il V Centro di Reclutamento di Mobilitazione della CRI di Verona. "Un articolo pubblicato sulla Riforma Medica del 1916 ci informa: «Mantova ha dato una dottoressa all'armata, la signorina Maria Predari. Ella con slancio ed entusiasmo appena dichiarata la guerra nel maggio 1915 si offerse gratuitamente, venne assunta presso questo Ospedale militare Umberto I, ove poi, col 1 gennaio di quest'anno passò assimilato; mentre nel luglio u.s. col grado di sottotenente in divisa venne chiamata a dare la propria opera in Carnia ove rimase parecchi mesi, distinguendosi e segnalandosi all'amministrazione dei superiori che la tennero in grande pregio".

Maria Plozner, nata in borgo Ponars di Timau il 17 novembre 1884, "portatrice carnica" durante la I Guerra Mondiale. "Il mattino del 15 febbraio 1916, Maria Plozner Mentil giunse alle 11 insieme a Rosalia Primus Bellina a circa 300 metri dalle Rocce Malpasso, là le due donne avevano vuotato la gerla, colma di viveri e si erano soffermate per mangiare un boccone e riposarsi un poco. A quel punto, Maria fu colpita da un cecchino appostato sul Koeder Alm che la ferì al fianco destro […] portata a spalle da quattro alpini a Paluzza, nell'ospedale da campo alloggiato nelle scuole elementari. Nonostante le cure, morì quella notte stessa". A lei è intitolata l'unica caserma italiana che porta il nome di una donna e si trova a sinistra sulla strada che salendo da Tolmezzo porta verso il Monte Croce Carnico, prima di entrare a Paluzza. [...]»

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le donne nell'Esercito Italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Monica Mastroianni
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giovanni D'Alessandro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
esercito italiano
forze armate
personale femminile

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi