Skip to content

Il ruolo dell'attività fisica nel miglioramento delle abilità sociali nei soggetti autistici

Attività fisica e autismo

La promozione dell’attività sportiva per persone con disabilità ebbe inizio verso la metà del ventesimo secolo, quando il neurochirurgo Ludwig Guttmann introdusse le discipline sportive all’interno del processo di riabilitazione per persone con disabilità fisiche nell’ospedale di Stoke Mendeville, uno dei più importanti centri di riabilitazione motoria in Inghilterra. In questo centro Gutmann proponeva la cosiddetta “sport-terapia” ai membri delle forze armate che avevano subito una lesione midollare. Nel 1948, in concomitanza delle Olimpiadi di Londra, vennero inaugurati i primi giochi di Stoke Mendeville per persone mielolese ed in carrozzina.



In Italia questi giochi arrivarono qualche anno più tardi, precisamente nel 1958, quando Antonio Maglio convinse Guttmann a portare le competizioni di Stoke Mandeville a Roma. Qualche anno dopo, nel 1970, ci fu la nascita delle Paralimpiadi, alle quali presero parte 400 atleti para e tetraplegici provenienti da 23 Paesi. Il termine “para” inizialmente si riferiva a “paraplegico”, invece ora allude al fatto che tali olimpiadi vengono disputate in “parallelo” con i Giochi Olimpici per normodotati, ogni quattro anni. Nel corso degli anni le competizioni paraolimpiche hanno raggiunto una sempre maggiore attenzione da parte delle istituzioni e hanno attirato un numero sempre maggiore di atleti. Per quanto riguarda il contesto italiano, un grande contributo alla nascita dello sport per i disabili è stato reso, come accennato in precedenza, da Antonio Maglio, pioniere delle terapie di riabilitazione per i disabili. Oltre ad aver portato i giochi paralimpici a Roma, ha avuto un ruolo decisivo nella nascita della “Federazione Internazionale degli sport per disabili”, che oggi è conosciuta con il nome di “Comitato Paralimpico Internazionale” (IPC).

Inoltre, Maglio creò nel 1957 il Centro Paraplegici di Ostia “Villa Marina”, primo centro di riferimento in Italia per la sport-terapia. Grazie al suo contributo l’Italia è oggi uno dei paesi più importanti nella storia dello sport paralimpico. In Italia l’ente principale per lo sport paralimpico è il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), che promuove l’attività paralimpica e l’avviamento sportivo delle persone con disabilità, disciplina, regola e gestisce le attività sportive sul territorio nazionale e coordina la preparazione atletica delle rappresentative paralimpiche delle diverse discipline in vista dei Giochi Paralimpici. Il suo obiettivo è quello di garantire a tutti i soggetti disabili, in ogni fascia di età, a qualunque livello e per qualsiasi tipologia di disabilità, il diritto allo sport, quale formidabile mezzo di crescita personale. Altro grande contributo per la diffusione dello sport per persone con diverse abilità è dato dall’organizzazione internazionale “Special Olimpics”. Si tratta di una delle più grandi associazioni al mondo per persone con disabilità intellettuale che conta più di 4.9 milioni di atleti. Questo nuovo approccio alla disabilità sottolinea l'importanza di valutare le capacità residue piuttosto che i limiti delle persone.

Come sottolinea il professor Lucio Cottini: "Attualmente si sta assistendo a una sorta di ridefinizione del concetto di integrazione in quello più articolato di inclusione […]. Se il processo di integrazione si indirizza ai bisogni delle persone con disabilità o a quelle con bisogni speciali, l’inclusione rivolge la sua attenzione a tutti quelli che partecipano alla vita sociale" (Cottini et al., 2008). Ormai tutti sanno che l’attività fisica gioca un ruolo fondamentale per il mantenimento della salute ed il benessere personale. Negli ultimi decenni l’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) ha sempre più riconosciuto il ruolo dell’esercizio fisico ed il suo impatto sulla salute e sul benessere. L’esercizio fisico è particolarmente importante soprattutto per i bambini perché può aiutarli a migliorare non solo la loro condizione fisica, ma anche la loro autostima, le abilità sociali e il comportamento (Strauss et al, 2001).

Molti studi hanno sottolineato l'importanza e i benefici dell'esercizio fisico e contemporaneamente hanno evidenziato il forte rischio che possiede l’inattività fisica per i bambini, in particolare per quelli con disabilità (Bloomfield A., 2005). Lo sport per le persone con ASD è uno dei metodi di trattamento che ha iniziato a essere introdotto a partire dai primi anni 70’ dei Novecento. Oltre ad essere un'attività che può essere svolta quotidianamente, comporta diversi vantaggi rispetto alle altre tecniche terapeutiche attualmente utilizzate: favorisce l’inclusione sociale, aumenta la qualità della vita, contribuisce allo sviluppo delle abilità sia fisiche che cognitive, crea abitudini salutari. I bambini con ASD si trovano in una situazione più rischiosa a causa delle loro limitate opportunità di partecipare ad attività fisiche e giocare con i loro coetanei, a causa delle loro difficoltà nelle interazioni sociali e nelle capacità comunicative, che fungono da barriera (Pan & Frey, 2006). I bambini con ASD tendono anche a prediligere le attività individuali, a stare isolati rispetto al gruppo e sono tipicamente meno attivi rispetto ai loro coetanei durante il tempo libero.

Questo li predispone maggiormente al rischio di sovrappeso e obesità. A causa di questi deficit sociali e comportamentali, i bambini con ASD presentano tipicamente livelli di attività fisica ridotti, stile di vita sedentario e minore tolleranza all'esercizio rispetto alle controparti tipicamente in via di sviluppo (Must et al., 2014). Inoltre, le abilità motorie nei bambini con ASD sono in genere scarsamente sviluppate o in ritardo rispetto al normale, e spesso presentano comorbilità con il disturbo di coordinazione dello sviluppo. Queste carenze nel controllo motorio rendono gli individui con ASD inclini a malattie croniche. Inoltre, si è visto che i bambini con ASD presentano deficit più marcati nelle capacità motorie rispetto ai bambini senza ASD. Questi deficit riguardano l’equilibrio, la stabilità posturale, la coordinazione e inoltre è presente disprassia motoria (Downey & Rapport, 2012).

Negli ultimi anni sono stati condotti molti studi che hanno indagato il ruolo dell’attività fisica nel miglioramento della salute di questi soggetti. In particolare si è visto che l’attività fisica, condotta in un ambiente strutturato, può influenzare positivamente l’interazione sociale, le capacità comunicative, la capacità di autocontrollarsi e la cooperazione dei bambini con ASD (Zhao & Chen, 2018). L'esercizio fisico ha mostrato di possedere effetti positivi sulla sintomatologia e sulla riduzione delle comorbidità, oltre che nel miglioramento della salute generale dell’individuo. Tra gli effetti positivi si annovera anche una riduzione del comportamento stereotipato e aggressivo (Oriel et al., 2011) e una diminuzione dell'indice di massa corporea, o BMI (Neely et al., 2015). Inoltre, sono stati riscontrati miglioramenti nella coordinazione motoria, nell'equilibrio dinamico, nella forza muscolare, nella prestazione scolastica e in diversi domini psicosociali (Downey & Rapport, 2012). Uno studio recente ha dimostrato la correlazione esistente tra abilità motorie e capacità comunicative. I ricercatori hanno scoperto che i bambini che possiedono alti livelli di capacità motorie mostrano anche buone capacità sociali e comunicative. Al contrario, quei bambini che hanno maggiori difficoltà nell'esecuzione di attività motorie, presentano anche deficit maggiori nell'interazione sociale e nella partecipazione (Lloyd, MacDonald & Lord, 2013).

Come afferma Maria Montessori: "Uno dei più grandi errori dei nostri giorni consiste nel pensare al movimento di per sé, come qualcosa di separato dalle funzioni superiori. Mente e movimento sono parti della stessa entità" (Montessori, 1952). Sappiamo che c’è un'alta percentuale di bambini con autismo che presenta deficit motori, che influiscono negativamente sulla loro vita quotidiana. Questi bambini esibiscono abilità motorie ritardate o atipiche, rispetto ai bambini neurotipici (Gernsbacher et al., 2008). Per incoraggiare questi bambini ad intraprendere attività fisica, è necessario un maggiore sostegno, che sia rivolto sia a loro che ai loro genitori. La scelta delle attività avviene sulla base della valutazione delle aree funzionali residue e compromesse e dell’età del bambino, in accordo con le figure di riferimento. Genitori, educatori e insegnanti sono risorse eccellenti per facilitare la conoscenza del soggetto. Sarà poi compito dell’allenatore quello di creare le condizioni ottimali per fare in modo che il bambino o ragazzo possa prendere parte all’attività e acquisire nuove capacità, fino a raggiungere il massimo grado possibile di autonomia nello svolgimento di una determinata attività.

Blauwet afferma che: "gli atleti possono acquisire fiducia, autostima e un senso di identità attraverso la partecipazione allo sport. Tutto si tradurrà in una immagine di sé più positiva e porterà a un decremento del rischio di depressione e di altri disturbi relativi alla salute mentale" (ICSSPE, 2007). Nell’impostazione dell’attività è fondamentale che l’allenatore adatti il proprio lavoro basandosi sulle capacità di ciascun atleta, per poi raggiungere livelli di performance individuali e di squadra ottimali. Lo sport ha un altro grande ruolo, ovvero quello di mettere in relazione vari soggetti tra di loro e di creare nuovi legami ed amicizie. Le ricerche dicono che circa il 50% dei ragazzi autistici non ha relazioni tra pari al di fuori delle impostazioni predefinite (ad esempio la scuola) e che il livello di amicizie è basso (Orsmond et al., 2004). É importante che il luogo dove viene svolta l’attività sia di supporto alla partecipazione del soggetto con ASD. Gli ambienti di supporto sono quelli che stimolano i desideri umani di esplorare, comprendere, migliorare la competenza, partecipare con gli altri. Gli ambienti ostili invece impediscono alle persone, in questo caso i soggetti con ASD, di partecipare (Krieger et al, 2018).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'attività fisica nel miglioramento delle abilità sociali nei soggetti autistici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jenny Tellan
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative
  Relatore: Ivana Matteucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
sport
tennis
autismo
esercizio fisico
abilità sociali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi