Skip to content

Il ruolo del sindacato a 20 anni dalla riforma della Polizia di Stato

Bisogno di riforma

Il primo uomo politico italiano a denunciare le reali cause delle croniche disfunzioni del sistema della sicurezza, nel nostro Paese, è stato Francesco Cossiga. Dalla sua azione quale Ministro dell'Interno, prima, e Presidente del Consiglio, poi, dal concorso del PCI, delle organizzazioni sindacali confederali, dei movimenti di base interni al Corpo delle Guardie di PS, nasce il grande progetto di riforma che si conclude con la L 121/8112.

La legge di riforma della Polizia rappresenta il punto di arrivo di un processo le cui origini risalgono agli anni 1968/69, anni questi in cui si affermava una impressionante crescita della criminalità nelle sue forme più pericolose, gli anni di gravissime tensioni sociali, della contestazione studentesca.

Gli avvenimenti di allora posero in luce due problemi: il primo riguardante l'impreparazione delle Forze di Polizia a reggere il confronto con la nuova criminalità organizzata e il secondo riguardante la scarsa affidabilità di alcuni settori degli stessi servizi di Polizia nella difesa delle istituzioni.

Tuttavia in quegli anni, ed in quelli successivi, nasceva anche un'altra volontà: quella di trovare la soluzione dei problemi che affliggevano la Polizia, e quindi la stessa collettività, in un'iniziativa politica tendente a realizzare un'organica riforma delle stesse strutture della Pubblica Sicurezza. Da questa volontà nasceva così il Movimento per la riforma della Polizia, si stabilivano i primi collegamenti con le forze sindacali che a loro volta offrivano il loro pieno appoggio. I collegamenti che così si creavano tra gli appartenenti alle Forze di Polizia e le forze politiche, sindacali e sociali, permettevano alla fine di superare la tradizionale separatezza tra questo apparato dello Stato e la società, di trasformare i poliziotti da “sbirri” in lavoratori al servizio della società.

A seguito di un lungo e movimentato iter legislativo, durato più di dieci anni fu finalmente varata la legge 1 Aprile 1981, n°121 che ha per oggetto il nuovo ordinamento dell'Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Essa rappresenta uno dei fatti politici di maggiore rilievo della vita italiana di questi ultimi anni. Certamente l'approvazione delle legge di riforma non può essere giudicata come un punto di arrivo, semmai come una intermedia tappa di un lungo cammino tendente a sfociare in un assetto organizzativo della Polizia di Stato che risponda a criteri di razionalità, di efficienza e di professionalità, che colleghi più strettamente la Polizia di stato alla vita sociale e civile del Paese, inserendola contestualmente in un quadro istituzionale in grado di dare ad operatori di pubblica tutela, dignità, sicurezza, certezza dei propri compiti e dei propri diritti.

La polizia che risulta oggi dal nuovo ordinamento dell'Amministrazione della P.S. è la conferma, legislativamente sancita, di un'istituzione maggiormente inserita nel nostro tessuto sociale, posta a difesa dei diritti e delle libertà dei cittadini, ma al tempo stesso dotata di una maggiore professionalità il che non solo garantisce migliori condizioni di sicurezza agli operatori di Polizia, ma anche una maggiore efficacia operativa dal momento che la professionalità del poliziotto è considerata come elemento indispensabile per il buon funzionamento dell'intera struttura. 

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo del sindacato a 20 anni dalla riforma della Polizia di Stato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Bianco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Greco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il sindacao di polizia di stato
evoluzione del sindacato nella polizia di stato
sentenza corte costituzionale 449/99
organismi di rappresentanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi