Skip to content

Divario digitale e nuovi media: barriere d'accesso all'informazione in Italia

Blog

Possiamo definire il blog come un insieme di pagine Web in cui si pubblica contenuto multimediale: dal testo, alle immagini, ai video disposti in ordine cronologico inverso. Il nome deriva dai termini Web e log ed è traducibile nella parola “diario”; possiamo collocarne le origini attorno al 1997, data di nascita del giornale personale di Jorn Barger che conia anche il termine “post” intesa come singola pubblicazione. Tra il 1996 ed il 1997 i blog vedono una notevole diffusione che è tuttora in crescita: attualmente si tratta di un fenomeno pervasivo e di enorme estensione. Proviamo a darne una dimensione con qualche cifra: Technorati, il principale motore di ricerca di blog, rileva, nel 2008, 133 milioni di pagine personali registrate al mondo, dislocate in 66 paesi e in 81 lingue diverse; a metà 2009 si stima l'esistenza di 200 milioni di blog dei quali la maggior parte a contenuto personale (79%), tecnologico o di cronaca. Guardiamo anche alla diffusione italiana che si affida a Liquida per le rilevazioni in questo ambito: l'indagine riscontra l'esistenza di 16.000 blog per un totale di 2,3 milioni di post. Le stime, che includono anche le pagine non registrate, arrivano oggi a parlare di 400.000 blog italiani. Il vero boom di diffusione avviene nel 2001 quando vengono messe a disposizione piattaforme gratuite che generano automaticamente le pagine; da quel momento i blog divengono fondamentali, forniscono informazioni più o meno dettagliate addirittura prima della loro diffusione sui mezzi classici che richiedono una maggior elaborazione delle notizie ed un lavoro più complesso. Il rischio è chiaramente quello dell'attendibilità delle fonti. Ma chi è il “blogger”? solitamente si tratta di giovani, per lo più studenti, ma anche giornalisti, personalità pubbliche, politici, ma chi si guadagna da vivere con tale attività costituisce solo il 2% della popolazione in USA, il dato italiano come possiamo immaginare è infinitamente più basso. Come rintracciamo contenuti all'interno dei blog? Tramite le “Tag”: gli autori associano i loro post a parole-chiave che li identificano per argomento e contenuto. Dunque anche i motori di ricerca convenzionali sono potenziali portali d'accesso ai blog grazie alla creazione delle key-word. È però sicuramente più corretto parlare di Blogosfera inteso come universo virtuale dei blog di Internet tra loro interconnessi: il lavoro del blogger è infatti prevalentemente collettivo. Il post non coincide con la notizia, questa è delineata in una serie di pubblicazioni rilevabili all'interno di più pagine e più contenuti collegati da link; ad esempio io posso introdurre un argomento nella mia pagina ed inserire link di approfondimento a contenuti audiovisivi, ad esempio indirizzare ad un sito come YouTube o a blog di personaggi autorevoli in materia; questi a loro volta indirizzeranno ad altri contenuti e così si genera la concatenazione delle notizie.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Divario digitale e nuovi media: barriere d'accesso all'informazione in Italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Gregorio
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Interfacoltà - Comunicazione Interculturale e Multimediale
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Muzzio Fabio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
e-commerce
informazione
barriere
digital divide
banda larga
divario digitale
web 2.0
aggregatori
web collaborativo
portali informazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi