Skip to content

Il ruolo dell'Italia nel commercio internazionale di armi

Breve storia dell’industria militare italiana

A partire dall’unificazione nel 1861 l’Italia ha dovuto affrontare il passaggio da una società strettamente rurale a una industriale. In questo periodo di moderata crescita industriale l’Italia tenta di entrare a far parte a pieno titolo del Sistema Internazionale conducendo guerre coloniali in Africa. Queste guerre minori iniziano a fare innalzare le Spese per la Difesa che continueranno a crescere fino al picco del 1912, anno in cui le forze armate italiane sono nel pieno della guerra in Libia. Nonostante questa crescita le spese per la difesa arrivarono ad assorbire il 20-25% delle spese dello Stato e solo il 3% del PIL, sottolineando come nonostante le ambizioni, il Bel Paese non abbia mai avuto i mezzi per costruire un apparato militare adeguato ai propri obiettivi. Sull’onda delle guerre di inizio XX secolo inizia a prendere corpo l’industria navale e quella della lavorazione dell’acciaio: questo permise alla Marina Italiana di aumentare il numero e la tecnologia a bordo delle proprie navi. Ma è con lo scoppio della I Guerra Mondiale, e in seguito col periodo Fascista, che le spese per la difesa e l’industria militare raggiungono alti livelli. Nel 1918 le spese della difesa arrivarono a toccare il 30% del PIL e il 70% delle spese dello Stato. Nacque dal nulla l’industria aereonautica segnando un’espansione industriale mai rilevata in precedenza; ma il tutto avveniva in un contesto di forte protezionismo che aveva come conseguenza prezzi molto alti e un sistema monopolistico alla ricerca di facile profitto. Partendo da questi deboli presupposti l’industria italiana soffre in modo impressionante la Grande Depressione del 1929 e solo nel 1935 la Spesa per la Difesa torna a crescere. Il livello però è molto al di sotto delle ambizioni che l’Italia si vantava di avere in quel periodo, pubblicizzata da un Regime Fascista molto più attento alla fase di propaganda che non a quella di attuazione.
Un’altra caratteristica della SPD italiana di quel periodo è che non aveva l’obiettivo di costruire nuove e solide fondamenta per la costituzione di uno strumento militare all’avanguardia, ma si limitava a coprire le spese che mano a mano venivano richieste dall’esercito. È anche per questo che l’Italia esce estremamente indebolita prima dalla guerra in Abissinia e poi da quella civile in Spagna. Quando ormai i sentori di una nuova Guerra Mondiale furono chiari, l’industria italiana fu stimolata e la politica del Governo Fascista fu quella di promuovere la esportazioni di ogni tipo e ovunque possibile. Tutto questo a discapito sia dell’efficienza degli armamenti, sia di una ragionevole dislocazione dei sistemi d’arma. È così spiegato il motivo per cui nonostante la grande crescita registrata dall’industria militare italiana nel 1939, questa risultasse una perdente per grado di tecnologia rispetto agli altri competitors europei e d’oltreoceano. Con la fine della Seconda Guerra Mondiale e la relativa crisi postbellica, l’economia italiana venne ridimensionata. La produzione militare si riprese solo dopo l’adesione alla NATO (1949) e l’abolizione delle misure restrittive del trattato di pace (1951). È proprio grazie alla NATO che l’Italia ricomincia a esportare componenti militari, per lo più prodotti su licenze concesse da altre aziende dei Paesi alleati. Nella metà degli anni ’50 cominciano anche ad apparire produzioni nazionali come obici e aerei, ma è grazie ai finanziamenti degli Stati Uniti attraverso il MAP (Military Aid Program) che si rafforzano le esportazioni verso i paesi dell’Alleanza.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'Italia nel commercio internazionale di armi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo La Frazia
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze linguistiche e letterature straniere
  Corso: Esperto linguistico per le Relazioni Internazionali
  Relatore: Raul Caruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agusta
ansaldo
armi
codice condotta europeo
commercio
commercio armi
commercio armi italia
commercio internazionale
esportatori
fiat
fincantieri
finmeccanica
importatori
italia
iveco
legge 185/90
mine
oto melara
ruolo italia commercio armi
salw
sipri
stati uniti
urss
westland

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi