Skip to content

Il finanziamento delle start-up innovative ​

Business Angels

I Business Angels sono imprenditori, ex titolari di impresa o ex manager che dispongono di mezzi finanziari (anche limitati), di una buona rete di conoscenze e di una solida capacità gestionale da impiegare in piccole e medie imprese.
Nonostante le definizioni accademiche descrivano i Business Angels come ex- lavoratori, oggi molti di questi sono invece manager ed imprenditori che si dedicano all'attività di Business Angeling.
Il termine Business Angels nasce a Brodway, all'inizio del XX secolo quando le compagnie teatrali in crisi economica cercavano finanziatori per i loro musical, intervennero quindi facoltosi investitori che salvarono gli spettacoli teatrali, riuscendo a conseguire un profitto; per gli attori, i produttori e gli sceneggiatori questi finanziatori vennero visti come angeli.
Ancor oggi gli spettacoli di Brodway usufruiscono di questa forma di finanziamento, che partendo dai palcoscenici americani, in seguito ha esteso l'ambito di intervento degli angeli finanziatori in altre tipologie di attività imprenditoriali.
Si tratta di una sorta di mecenati, a volte veri e propri filantropi che vogliono aiutare le giovani imprese in cui credono accompagnandole nei primi passi, mossi dal desiderio di fare profitto, ma anche da altre motivazioni, come la possibilità di ottenere soddisfazioni personali, investendo in progetti stimolanti, per soddisfare motivazioni di carattere psicologico e professionali, nonché attratti dalla possibilità di ricoprire un ruolo di mentore e consulente per lo startupper.
Le nuove attività intraprese hanno notevole difficoltà a crescere e a ottenere adeguati finanziamenti, in quanto spesso non sono in grado di offrire appropriate garanzie e perché chi possiede l’eventuale capitale di rischio ritiene che non sempre le idee imprenditoriali si traducono in progetti proficui; i Business Angels forniscono capitale e strumenti necessari all’ imprenditore per poter costruire e sviluppare imprese vincenti, l'intervento dei Business Angels viene visto dalle banche come un fattore di riduzione del rischio legato al credito.
I Business Angels investono in capitale di rischio acquisendo quote di piccole e medie imprese nella fase di start-up, non richiedono garanzie ma si allocano una parte del rischio d'impresa, risultando maggiormente elastici rispetto agli altri operatori nella fase iniziale di sviluppo sia in termini di timing che di tipologia di intervento, contribuendo inoltre alla fase di gestione delle stesse imprese.
I Business Angels sono investitori informali, in quanto non esiste alcuna normativa di riferimento e i loro investimenti non trovano collocazione nei mercati regolamentati, infatti impiegano capitali propri e non effettuano una raccolta di capitali presso terzi, a differenza degli operatori del private equity, intervengono quando nessun'altra fonte di finanziamento è disponibile, andando a colmare il gap esistente tra la creazione d'impresa e l'intervento dei finanziatori formali.
Il Business Angel riesce a superare le asimmetrie informative del progetto grazie alla sua esperienza manageriale ed alla conoscenza diretta del mercato dove decide di investire ed è in grado di valutare le potenzialità dell'imprenditore e dell'investimento; proprio per questo i Business Angels si inseriscono nel finanziamento di imprese in determinati settori dove possiedono maggiori conoscenze ed esperienze per supportare al meglio lo sviluppo.
La sua partecipazione diretta alla gestione aziendale permette di controllare direttamente l'imprenditore ed il proprio investimento evitando comportamenti opportunistici, inoltre l'investimento di capitale proprio non remunerato, permette al Business Angel di investire anche in progetti rischiosi consapevolmente, dovendo rispondere solo a sé stesso.
I Business Angels operano spesso in un raggio di 150-200 km dalla propria residenza, favorendo lo sviluppo economico locale, facendo leva sulle proprie conoscenze personali permettendo loro il monitoraggio dell'investimento e facilitando il supporto operativo all'imprenditore; anche se ultimamente si stanno ampliando i confini dell'intervento grazie alla crescente facilità dei trasporti e delle comunicazioni nonché alla nascita di network di Business Angels (BAN).
L’ammontare dell’investimento medio del Business Angel è generalmente compreso tra i 50.000 euro ed i 500.000 euro, mediamente però al di sotto dei 100.000 euro, e spesso lavorano sempre di più in sindacato fra più investitori, in quando questi network sono funzionali all'incontro tra domanda ed offerta di capitali e permetto di catalizzare e semplificare il processo, ciò permette anche all'investitore di diversificare le partecipazioni frazionando i rischi dell’investimento.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il finanziamento delle start-up innovative ​

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Samuele Quadrati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica Unitelma La Sapienza di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Roberto Pasca di Magliano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

equity
business angels
incubatori
venture capitalist
corporate venture capital
crowdfunding
startup
finanziare l’impresa
equity
business angels
incubatori
venture capitalist
corporate venture capital
crowdfunding
startup
finanziare l’impresa
startup
crowdfunding
startup
crowdfunding

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi