Skip to content

Le operazioni di concentrazioni societarie come strumento di crescita dimensionale nel settore delle telecomunicazioni. Il caso Wind e H3G

Caso di fusione orizzontale: WIND H3G

Il 6 agosto 2015, CK Hutchison e VimpelCom (oggi VEON) annunciano di aver raggiunto un accordo per una joint venture per la gestione delle loro attività di telecomunicazioni in Italia.
Attraverso questa integrazione le rispettive controllate 3 ITALIA e WIND, il quarto e il terzo operatore sul mercato italiano per quota di mercato, si uniranno e acquisiranno la dimensione e l‘efficienza necessarie per continuare ad offrire servizi innovativi a prezzi competitivi, oltre che per competere in modo ancora più efficace sul mercato italiano. I motivi che possono apparentemente spingere due società nel settore delle telecomunicazioni possono essere diversi: dall’acquisizione di brevetti, il conseguimento di economie di scala, la riduzione della concorrenza, l’ampliamento della gamma dei prodotti, la riduzione dei costi amministrativi ecc.


In un'analisi di mercato condotta sempre nel 2015 nel settore delle telecomunicazioni, possiamo vedere come nelle vendite sulle sim ricaricabili, Tim e Vodafone siano le compagnie ad avere la fetta più sostanziosa di mercato con il 31,5%, seguite da Wind (al 28,3%) e 3 (appena all'8,7%).
Per quanto riguarda le sim in abbonamento le cose cambiano leggermente; Tim risulta solida al comando con il 44,9% di postpaid (sim in abbonamento) più vendute, seguita da Vodafone al 27,3% e 3 (al 19,1%), chiude Wind (con appena l’8,7%).
Con questi presupposti, i vertici di Wind e di 3 hanno deciso di aiutarsi a vicenda, e l'operazione che stanno portando a termine permetterebbe loro di assicurarsi entrambe le fette di mercato, sia sul venduto delle prepaid che su quello delle postpaid.
L’anno successivo, il primo settembre 2016, la Commissione Europea approva la joint venture.
L’approvazione però, risulta subordinata alla cessione di attività in misura tale da consentire l’ingresso sul mercato di un nuovo operatore (Iliad).
Attraverso degli accordi temporanei con quest’ultimo, Wind Tre ha aperto alla cessione delle frequenze e dei siti per il biennio 2017/2019, permettendo a Iliad di operare sul mercato italiano fino a che non avesse costruito una propria rete. Tra le principali preoccupazioni della Commissione Ue in seguito a questa operazione troviamo innanzitutto la riduzione della concorrenza e della qualità dei servizi, con susseguenti e aumento dei prezzi e riduzione degli investimenti.
In secondo luogo, la joint venture, riducendo il numero di concorrenti e creando tre operatori di simili dimensioni, avrebbe potuto ridurre la pressione concorrenziale ed aumentare la probabilità  di un coordinamento del comportamento degli operatori stessi.
Per finire, la transazione avrebbe ridotto il numero di operatori MNO su cui gli operatori virtuali potevano appoggiarsi, provocando un aumento della forza contrattuale dei primi.
La ragione originaria che spinse le aziende a fondersi, fu quella di unirsi per smettere di farsi concorrenza e alzare sia pur di poco i prezzi minimi offerti ai clienti.
Le notizie sulle loro trattative infatti, furono molto seguite da Tim e Vodafone, poiché l’idea che i due concorrenti con tariffe più economiche, che costringevano a loro volta con la loro aggressività commerciale anche i due big a tenere bassi i prezzi, alzassero i loro, faceva sperare a di poter guadagnare di più a scapito dell’utente finale.
La Commissione Europea alla Concorrenza tuttavia, intercettò subito il piano, imponendo come condizione per l’autorizzazione della fusione che sul mercato entrasse un quarto gestore col diritto di utilizzare la rete dei due promessi sposi, spuntò cosi Iliad.
Il 25 ottobre 2016 il Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) approva definitivamente la joint venture paritetica. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le operazioni di concentrazioni societarie come strumento di crescita dimensionale nel settore delle telecomunicazioni. Il caso Wind e H3G

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Chiodi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management
  Relatore: Luca Ianni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi