Skip to content

Francesca da Rimini

Classicismo e Romanticismo nella ''Francesca'' di Pellico

Il dibattito primo ottocentesco sul genere tragico si inscrive nella più ampia polemica classico-romantica.

I classicisti, in conformità con la tradizione, proponevano un tipo di tragedia che obbedisse alle cosiddette regole aristoteliche osservate nella drammaturgia italiana ed europea: rispetto delle unità di tempo, luogo e azione, argomenti desunti dalla tradizione classica greca e latina, presenza di un numero limitato di personaggi. Era, questo, il modello formale dominante a partire dal teatro cinquecentesco.



Dall'altra parte i romantici, richiamandosi alle opere del teatro inglese (e, in parte, di quello spagnolo), promuovevano una tragedia libera da regole, che traesse i propri argomenti dalla storia nazionale.

Pertanto il teatro dell'Ottocento, «che nel primo ventennio del secolo guarda in gran parte il passato, si volge quindi verso nuove forme. Passato e presente si intrecciano nella tragedia, talora in maniera inestricabile [...]»

È ciò che accade nell'opera di Silvio Pellico, capace di dare alla luce un testo che rispetta le strutture del teatro classico (pochi personaggi, atti brevi, rispetto delle unità) e al contempo si adatta perfettamente alla nuova sensibilità del pubblico. A tal proposito, uno dei giudizi più lucidi sulla produzione teatrale di Silvio Pellico è quello espresso da Achille Corbelli, che nel 1927 scrisse:

[...] noi troviamo nelle sue tragedie la doppia impronta del classicismo e del romanticismo amalgamate insieme; né la loro compostezza e classica gravità disdice punto col tenero sentimentalismo romantico.

Questo giudizio del Corbelli sembra quello più calzante per descrivere in poche parole il teatro pellichiano: questa «doppia impronta» di cui parla lo studioso è ravvisabile non solo nella Francesca, ma in tutte le opere drammatiche dell'autore saluzzese che si professava, sì, seguace dell'Alfieri, ma era altresì intriso dello spirito romantico.

Classicismo e romanticismo convivono nella produzione drammaturgica dell'autore saluzzese: l'episodio di Paolo e Francesca si diluisce in toni patetici e languidi; venuto meno il senso del peccato che rendeva veramente tragiche le figure del poema dantesco, rimane la storia di un amore mai realizzato, di un adulterio non consumato, in cui i protagonisti stemperano la loro passione in flebile elegia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Francesca da Rimini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Giansiracusa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Sandro Gentili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rimini
malatesta
dante
d'annunzio
paolo
francesca
pellico
polenta
zandonai
gianciotto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi