Skip to content

Lo sguardo antropologico di Pier Paolo Pasolini

Comizi d’amore (1964)

Comizi d'amore è il primo documentario girato da Pier Paolo Pasolini.
Le riprese sono state realizzate nel 1963, durante i vari viaggi in Italia che il regista compie assieme al produttore Alfredo Bini per trovare ambientazioni e volti da utilizzare ne Il Vangelo secondo Matteo.
Da Venezia fino a Cefalù, Pasolini vuole, oltre trovare “corpi e luoghi” per Il Vangelo, conoscere le opinioni degli italiani sulla sessualità, l'amore e il buon costume.
Comizi d’amore dunque si presenta come un film-saggio antropologico percorso dalla volontà di confrontarsi direttamente con il corpo sociale del paese riguardo temi scottanti come "invertiti", "prima volta", prostitute e divorzio, nel pieno della trasformazioni che lo stesso sta subendo.
Il film offre un’ampia panoramica sulla società italiana degli anni Sessanta, una società variegata sia dal punto di vista sociale che culturale. Queste differenze si potevano immediatamente notare nei volti, negli abiti, nel parlare e nel pensare dei cittadini – e Pasolini le immortala tutte, appena prima che avvenga il cosiddetto “cataclisma antropologico”, appena prima che il genocidio culturale intervenga «fatalmente a modificare quel guazzabuglio di improbabili punti di vista, sostituendo le paure feroci ma vitali degli ignoranti con la disperazione mortuaria di consumatori di sesso complessati.»
Il documentario è suddiviso in varie parti a seconda degli argomenti trattati o delle varie zone d'Italia dove sono state girate le interviste. All'interno del film sono anche presenti le opinioni autorevoli di "amici" di Pasolini – come Alberto Moravia, Cesare Musatti, Adele Cambria, Camilla Cederna, Giuseppe Ungaretti e Oriana Fallaci – i cui interventi inizialmente avrebbero dovuto costituire la parte più importante del documentario, l’apparato logico-critico dei problemi posti in questione.
Infine, però, l’unico e solo protagonista di questo film si rivela il pubblico stesso:

Durante le riprese Pasolini venne catturato dalla fisicità delle persone e dalle loro strategie verbali, e questi elementi presero il sopravvento sulla concettualizzazione didascalica con cui il film era stato concepito. [Maraschin, Pasolini. Cinema e antropologia]

Eliminate dunque dal film le parti didattiche e i relativi materiali di repertorio, Pasolini si abbandonò all’osservazione dei volti come oggetto primario.
Egli trasforma l’intento iniziale del film nella volontà di registrare i sorrisi, i silenzi delle persone, convinto che «un’espressione degli occhi, un moto di scandalo o di rabbia, una risata» sarebbero stati più eloquenti di qualsiasi altra risposta.

Nel corso dell’inchiesta Pasolini avvicinò persone che egli incessantemente riprese anche quando non erano direttamente intervistate, fissando la macchina da presa sui loro volti, dimentico del sondaggio di opinione che stava eseguendo. [Maraschin, Pasolini. Cinema e antropologia]

In moltissime sequenze infatti Pasolini inizia a intervistare un singolo, inquadrandolo, per poi far muovere la cinepresa sulla folla intorno, circostante, rapito dalla sua espressività silenziosa.
E i volti nel film riportati, sono tra i più vari: ogni fascia d’età è tirata in causa nell’inchiesta – dai bambini agli adolescenti, dagli uomini alle donne, sia sposati che non – insieme ad ogni classe sociale: contadini, operai, studenti e intellettuali...ogni sorta di volto trova qui spazio e un primo piano dedicato.
Per ottenere delle reazioni sincere, Pasolini opta per fare le sue domande in maniera bruciante, cattiva, sgraziata (addomesticandola poi nel doppiaggio). In questo modo, egli riesce a strappare agli interpellati se non la verità in senso logico, almeno la loro verità psicologica. Il momento in cui questo modus operandi è visibile più chiaramente è quando Pasolini inizia a domandare alle persone che cosa pensino dell’omosessualità o più in generale delle “anormalità” sessuali.
Come ho già sottolineato prima, oltre i pareri contrastanti che emergono da queste intervista, ciò che è memorabile di Comizi d’amore è l’immagine della variatissima società italiana, i corpi differentemente presenti, abbigliati o esposti dei cittadini. Essi si distaccano dalla pura inchiesta corrente, per vivere come cosa altra, indipendente, colpendoci con le loro caratteristiche uniche e irripetibili.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo sguardo antropologico di Pier Paolo Pasolini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Letizia Stradi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Roberto Della Torre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi