Skip to content

Patrimonio culturale e sviluppo turistico sostenibile: il caso dell'isola di Taquile e la resilienza delle comunità locali

Da turismo a turismo di massa: innovazioni e dati statistici

La linea che divide quel che chiamiamo “turismo” da ciò che invece definiamo con un’espressione più precisa, ossia “turismo di massa”, si costituisce negli anni sotto due aspetti principali: le innovazioni che la meta turistica apporta per soddisfare la nuova, ingente, clientela; e i dati statistici che ci aiutano, come sempre, a delineare un quadro ancora più chiaro e preciso. Una definizione largamente accettata di turismo di massa è quella che alcuni accademici della Anadolu University, in Turchia, definiscono come: «the term mass tourism is briefly used for pre-scheduled tours for groups of people who travel together with similar purposes (recreation, sightseeing etc.) usually under the organization of tourism professionals.» Il turismo di massa quindi, si contraddistingue perché ha a che fare con persone e gruppi che viaggiano insieme con pacchetti turistici già confezionati e pronti all’uso; si oppone al turismo di nicchia, il quale invece concerne quell’attività turistica distinta, innovativa e originale che si sviluppa presso una determinata meta. Per la mia personale esperienza, difficilmente nel mondo ho incontrato una meta così rispecchiabile in entrambe le tipologie di turismo: se da una parte infatti, Taquile può essere una destinazione di massa confezionata dalle agenzie private, dall’altra sopravvive ancora un turismo autentico, caratterizzato dalle persone che decidono di pernottare diverse notti alla scoperta di un’isola piena di curiosità, piuttosto che fermarsi alla piazza centrale – unica tappa delle agenzie – scattando migliaia di foto e arricchendo la galleria del cellulare piuttosto che la propria curiosità tramite domande e conversazioni con la popolazione locale.
Delineato un quadro generale sul turismo di massa, vediamo ora come esso si è sviluppato durante gli anni; sappiamo che solo dal 1976, successivamente alla pubblicazione dell’articolo su Taquile nella guida turistica “South America Handbook”, iniziarono ad arrivare turisti in quantità rilevanti, e che, negli stessi anni, i Taquileños furono in grado di rispondere a tali esigenze investendo i loro risparmi nella manutenzione e nella costruzione di nuove imbarcazioni. Le intuizioni degli isolani non furono poi così errate; pochi anni dopo, infatti, a partire dal 1981, ogni giorno decine di barche piene di turisti attraccavano al porto di Taquile, mettendo duramente alla prova le capacità organizzative dei Taquileños. Sono gli anni in cui viene costruita la cooperativa “Manco Capac”, della quale abbiamo già parlato in un paragrafo precedente; quando iniziarono i veri e propri guadagni, con picchi di 6,000 $ al mese, che, per una comunità dove lo stipendio medio era di circa 90 $ mensili, costituivano una fonte di reddito non indifferente. L’arrivo senza sosta dei turisti mise però i Taquileños in una condizione di precarietà; le tante barche che attraccavano al porto significavano tanti turisti pronti ad acquistare opere tessili uniche in quel di Taquile: nasceva quindi l’esigenza di velocizzare la tessitura, esigenza che purtroppo, a volte, veniva soddisfatta acquistando borse e abiti dalla vicina isola di Amantani.

Il decennio 1980-1990 ha costituito un boom economico per Taquile non indifferente; è in questi anni che si sviluppa il “turismo di massa”; molti stranieri iniziavano ad approdare sull’isola in cerca di un’esperienza autentica, dando il via a numeri impressionanti:

• turisti: il numero di arrivi sull’isola di Taquile è andato, nella sua storia recente, quasi sempre in crescendo. Nel 1983 i turisti sull’isola erano circa 30.000 all’anno, ma solamente il 10% di essi pernottava sull’isola; tale percentuale è rimasta costante ancora oggi; se infatti il numero di turisti, a seguito dell’ingresso delle agenzie private, avvenuto nel 1980, è aumentato esponenzialmente (30.000 turisti nel 1983 e 105.000 nel 2017), il numero ospiti che pernottano sull’isola è sempre pari al 10% degli arrivi totali. Questi numeri, oltre che ad esser confermati dalle fonti ufficiali del turismo peruviano, sono al contempo confermati da Cecilio Quispe Huatta, con il quale ho avuto occasione di parlare durante il mio soggiorno a Taquile; mi è stato riferito infatti che ad oggi sono circa 30 le host families sull’isola, e in media ospitano circa 30 turisti al mese, per un totale di 10,800 turisti che pernottano sull’isola, esattamente il 10% degli stranieri che approdano, ogni anno, a Taquile.

• pernottamento: nel 1983 costava 80 centesimi con il pasto incluso; alla ripresa del turismo nel 1995 arrivò a costare tra i 5 ed i 10 $; ad oggi costa tra i 35 ed i 50 $, mentre con le agenzie si può arrivare a pagare anche 90 $;

• host families: dal 1983, quando le famiglie ospitanti erano non più di una decina, ad oggi, secondo quanto mi ha riportato Cecilio Quispe Huatta durante il mio soggiorno sull’isola, sono circa trenta le famiglie che ospitano turisti per pernottare sull’isola di Taquile.

• Ristorazione: dai 2 ristoranti nel 1976, siamo passati a 7 nel 1981, a 12 nel 2002; ad oggi sull’isola vi sono 40 ristoranti.

Questi numeri rappresentano lo sviluppo di una comunità che in poco meno di cinque anni ha saputo mettere in discussione secoli di storia ed è stata in grado al contempo di adattarsi ad un’ondata di innovazione senza precedenti.
Concludiamo analizzando le innovazioni tecnologiche che sono giunte sull’isola a seguito del turismo di massa. Se, come vedremo nel successivo paragrafo, tale fenomeno ha portato non pochi problemi, diverse sono state però le innovazioni tecnologiche arrivate nel mezzo del lago Titicaca. Resisi conto di come Taquile potesse essere una fonte di reddito importante per l’industria turistica peruviana, il governo ha sin dall’inizio finanziato economicamente la popolazione; nel 1978, due anni dopo l’arrivo dei primi turisti, furono stanziati 16,000 $ per l’acquisto e la riparazione di imbarcazioni «[…] per rendere capace la comunità di esercitare il proprio controllo sul turismo.»

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Patrimonio culturale e sviluppo turistico sostenibile: il caso dell'isola di Taquile e la resilienza delle comunità locali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Almanza
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Turismo Culturale
  Relatore: Enrico Sarnelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi