Skip to content

La Promozione d’Immagine delle Citycar – Il Caso Smart

Dal petrolio alla mobilità ecosostenibile, il futuro è alle porte

Le attuali “Smart” e “iQ” commercializzate rappresentano la punta di un iceberg che, negli ultimi anni, si sta freneticamente sviluppando in profondità, lontano da occhi indiscreti, e che solo in questi mesi sta iniziando la procedura di risalita in superficie. Il riferimento è ai progetti di mobilità eco-sostenibile e all’affiancamento, accanto ai motori endotermici, di propulsori elettrici. Sono davvero tante le proposte di citycar elettriche che i Costruttori stanno presentando al pubblico nei vari saloni mondiali dell’automobile, oppure tramite la pubblicazione su internet di render, teaser, fotografie digitali o ricostruzioni grafiche. Viene fatta menzione delle principali creazioni, tenendo però conto che nuove idee e nuovi modelli stanno nascendo dalla fantasia dei progettisti. L’elenco è in ordine alfabetico poiché, in questa sede, non si vuole privilegiare un Costruttore piuttosto che un altro.

- Bmw: potrebbe aver scelto “i-Setta” come nome per il quarto Brand del gruppo, dedicato al progetto dell’auto elettrica “Megacity”, nell’ambito del “Project i”. La scelta della “Isetta”, anche se con una piccola modifica alla dizione, è un omaggio alle origini del marchio tedesco e viene dato ormai per certo, soprattutto alla luce del nuovo spot ideato per il museo Bmw, dove le riproduzioni della storica utilitaria sono diventate protagoniste. Dopo l’annuncio della collaborazione con Bosch e Samsung per le batterie al litio, Bmw è quindi lanciata verso questa nuova sfida, in una fascia di mercato inedita e con una data di lancio, il 2015, più lontana rispetto alla concorrenza.
La “i-Setta” del terzo millennio potrebbe avere le forme della Peugeot “BB1”, interessante concept car presentata dalla “Casa del Leone”. Questa operazione rientrerebbe nell’ambito dell’accordo stipulato tra la Casa bavarese e Psa. Il gruppo d’oltralpe e Bmw già collaborano per i propulsori di piccola cilindrata ed in futuro concentreranno le proprie attività al fine di contenere i costi di progettazione e produzione. Se la citycar di Monaco dovesse derivare dalla “BB1”, avrebbe uno stile molto simile al render realizzato sulla base delle indiscrezioni circolate a riguardo. Restano da chiarire, però, molti lati oscuri di questa poco probabile joint-venture. Infatti, la Peugeot “BB1” è una vettura a trazione anteriore e, quindi, sarebbe in contrasto con la filosofia progettuale di Bmw. Inoltre, se la concept francese dovesse essere prodotta, non è noto se manterrà una delle sue particolarità tecniche, vale a dire la presenza del manubrio al posto del volante di guida.

- Honda: propone la concept car “EV-N”, simpatica utilitaria lunga tre metri, forse meno, e spinta da un propulsore elettrico alimentato da batterie agli ioni di litio. La “EV-N” ha un pannello solare sul tetto, sedili sfoderabili e dall’imbottitura pressoché assente per ottimizzare lo spazio interno.

- Lotus: al progetto della citycar elettrica si sta interessando “Lotus Engineering”, il reparto ingegneristico della Casa sportiva inglese. Le ricostruzioni diffuse da Lotus lasciano intendere che si tratti di una concept car delle dimensioni di una “Smart ForTwo” e dotata di un motore elettrico da 50 cv, alimentato da una batteria agli ioni di litio posizionata sotto il pavimento e ricaricabile in circa tre ore e mezzo. La citycar elettrica di Lotus avrà un’autonomia di 50 chilometri e una velocità di punta di 105 km/h. I designer di Hethel hanno studiato un abitacolo per poter accogliere quattro persone e la struttura della vettura sarà composta da alluminio pressato e vari materiali compositi. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Promozione d’Immagine delle Citycar – Il Caso Smart

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Palma
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Scienze Della Comunicazione, Informazione, Marketing
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Mauro Covino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi