Skip to content

Indagine sui fenomeni dissociativi in adolescenza

Dissociazione: l’evoluzione storica

Il concetto di dissociazione si colloca all’interno delle teorie psicopatologiche di un ambito ben preciso, quello della teoria psicopatologia francese del Secondo Ottocento, dove il riferimento per le teorie cliniche è la crisi del soggetto, inteso in senso cartesiano e cioè unitario nella continuità del suo cogito. In quest’ottica la psicopatologia formulò il concetto di psicosi come la perdita di tale continuità, la conseguente alterazione della logica, e la formazione di un’idea dominante cui tutto l’apparato psichico soggiace. L’esperienza fatta presso l’ospedale Salpetriere, portò Jean Martin Charcot, uno dei più famosi neuropsichiatri francesi, ad affrontare sintomi incomprensibili, consistenti in fenomeni convulsivi riproducibili, che egli denominò attacchi di isteria epilettica (1887), che non rientravano nei quadri clinici dell’epilessia, che presentavano un’inconfutabile base organica.



La sua grandissima intuizione, poi sviluppata dalla teoria psicoanalitica, fu quella di comprendere il peso e la valenza della sfera affettiva e l’esistenza e l’importanza di traumi precedenti, rimossi o meno.
Le cure proposte, infatti, si basavano su un tipo di trattamento basato sulla rimozione del paziente dall’ambiente psicopatologico, spesso coincidente con la separazione dei familiari, per consentire l’inizio di un nuovo stile di vita. L’opera di Charcot viene considerata un crocevia tra la psicopatologia fondata sulla nosologia del Secondo Ottocento e la nascente psicologia che si poneva l’ambizioso progetto di individuare i vari livelli della coscienza in cui l’ipotizzata unità dell’individuo si articolava.

La psicoanalisi parte proprio da questo punto, con il lavoro di Sigmund Freud, che di Charcot fu allievo e assistente. L’esperienza fatta gli consentì di avere la visione di come si sviluppava una scena isterica. Freud passò dalla terapia ipnotica utilizzata da Charcot all’analisi psichica, privilegiando la terapia e la catalogazione dei sintomi. La ricerca di un meccanismo eziopatogenico, lo portò a definire i concetti di resistenza e rimozione, il primo è l’opposizione subconscia che mette in atto il soggetto a chi tenta di accedere alle proprie dinamiche più profonde, la seconda è il meccanismo psichico con cui l’Io allontana pensieri o memorie intollerabili. In linea con il pensiero psicopatologico francese, Freud condivise l’idea di una dissociazione intesa come qualcosa che il soggetto pone in essere per tentare di ripristinare l’unità dell’Io cartesiano, di fronte a contenuti di cui esso non riesce a farsi carico.
Si contrappongono alla teoria di scuola francese gli esponenti del pensiero psicopatologico tedesco, che ha fornito numerosi contributi alla formulazione del concetto di psicosi.

Gli studiosi tedeschi della fine dell’Ottocento teorizzano un’idea dell’Io legata alla filosofia romantica e definiscono l’individuo come un’unità in cui è presente un qualcosa, l’altro che ne disturba l’esistenza. La psicopatologia tedesca ci parla di un soggetto e di un mondo legati in un rapporto fluido e dinamico, secondo i dettami di Friedrich Hegel (1830).
L’individuo è considerato come l’insieme di forze in equilibrio tra di loro e, quindi, sul piano clinico, è verosimile pensare che possano esistere delle incrinature di tale insieme. La debolezza dell’Io nella psicosi non è riferita ad una fragile costituzione del soggetto, ma ad una difficile aggregazione tra gli elementi costitutivi. Fanno parte di questa corrente di pensiero, Griesinger (1843) e Kraepelin (1904).

Tale idea si arricchisce anche dei contributi, allora nascenti, delle neuroscienze che confermano la complessità dell’individuo e della sua vita interiore, tramite la neuroanatomia e la neurofisiologia.
Eugen Bleuler (1911), cerca di diversificare gli elementi costitutivi di un’esperienza psicologica da quella psicotica e fa riferimento alla dissociazione. Bleuer, fu influenzato dall’atmosfera creatasi nell’ospedale di Burghölzi di Zurigo, che egli dirigeva e dove, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, collaborarono Carl Gustav Jung e Karl Abraham, esponenti della nascente psicoanalisi.

Egli, di fatto, integrò la psicopatologia francese e quella tedesca ed inquadrò tutte le forme di dissociazione nella nosografia psicopatologica del gruppo delle schizofrenie, relegando l’isteria nella fenomenologia somatica, dove la rimozione è il meccanismo principe. Bleuler utilizza l’idea di dissociazione per teorizzare l’esperienza psicotica della dementia praecox, che egli inquadra nel termine nosologico, da lui stesso coniato nel 1908, “schizofrenia”3, le cui sindromi sono caratterizzate dalla dissociazione, dal delirio paranoide e dall’ ”autismo“, termine che si deve allo stesso Bleuler (F. Tonioni, 2013).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Indagine sui fenomeni dissociativi in adolescenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Scalamandre
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giulia Ballarotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
dissociazione
internet addiction disorder
internet addiction test
adolescence dissociative scale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi