Skip to content

Il Pubblico Ministero nel Processo Civile

Escludere il PM dal processo civile, è possibile?

Il percorso fin qui svolto ha evidenziato come inizialmente il Pubblico ministero fosse nato per vigilare sull’amministrazione della giustizia e soprattutto per “controllare” l’operato dei giudici, in qualità di rappresentante del potere esecutivo presso l’autorità giudiziaria (vedi supra cap. 1 § 1.1.).

Le leggi del Regno d’Italia fecero propri questi principi provenienti dalla tradizione francese, così anche nel nostro ordinamento, al pubblico ministero fu attribuita la funzione di promuovere la repressione dei reati, e di partecipare, mediante azione o intervento ai procedimenti civili che avessero avuto una forte rilevanza pubblica.

Solo con l’entrata in vigore della Costituzione si attuarono, per il Pubblico ministero, quelle garanzie e quella indipendenza, proprie della magistratura, da tempo auspicate. Così, nella normativa attuale il pubblico ministero è titolare dell’azione penale, che deve esercitare doverosamente, e in materia civile conserva i suoi poteri che esercita mediante l’ azione o l’ intervento nei procedimenti che necessitino di una tutela maggiore in ragione della loro rilevanza pubblica, nonostante sia venuta meno l’esigenza del controllo sui giudici. Questa apparente contraddizione non è sfuggita alle discussioni di parte autorevole della dottrina.

Al riguardo è doveroso riflettere sulla posizione assunta da Cipriani, il quale osservò che, in virtù della conquistata indipendenza del P.M. dall’esecutivo, le norme che prevedono il suo operato nel processo civile, non trovano più giustificazione, ed auspicò una inversione di tendenza, escludendo il pubblico ministero dai giudizi civili.

Si parla di inversione di tendenza, poiché sin dalla conquistata indipendenza dal governo, il P.M., ha visto aumentare, più che diminuire, i suoi poteri e le sue attribuzioni civili. Infatti l’attuale codice di procedura civile, rispetto alle leggi precedenti, ne ha esteso le ipotesi di intervento, consentendo al pubblico ministero di intervenire in tutte le cause nelle quali avesse ravvisato un pubblico interesse, di parlare per ultimo anche nei giudizi di merito (art. 117 disp. att. c.p.c.)(v. supra cap. 1 § 1.4.1., e cap. 2, § 2.3.) e di assistere alle deliberazioni della Cassazione all’articolo 380 c.p.c., poi abrogato nel ’7760.

Anche dopo l’entrata in vigore del c.p.c., il legislatore ha continuato ad estendere l’intervento obbligatorio del P.M., in casi ove prima non era previsto. Si fa riferimento all’art. 13 della l. 74/87 che ha riformato l’art.9 della legge sul divorzio (l. 898/70), prevedendo l’intervento obbligatorio del pubblico ministero per i giudizi riguardanti la revisione delle disposizioni dei figli, contenute nella sentenza di divorzio, ossia l’affidamento e i contributi da corrispondere. Ulteriori ampliamenti sono stati apportati dalla Corte costituzionale che ha dichiarato incostituzionale l’articolo 710 c.p.c., riguardante la modificabilità dei provvedimenti relativi alla separazione dei coniugi, «nella parte in cui non prevedeva la partecipazione del pubblico ministero per la modifica dei provvedimenti riguardanti la prole»61, ovvero, oggi, è richiesta la presenza del P.M. quando siano richiesti provvedimenti per la modifica delle disposizioni sulla prole, anche in sede di separazione, ai sensi dell’art. 710 c.p.c.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Pubblico Ministero nel Processo Civile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Immacolata Mecca
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Mario Fuiano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codice civile
pubblico ministero
processo civile
procuratore
ordinamento giudiziario
separazione carriere
codice procedura civile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi