Skip to content

La scommessa delle monete complementari in un'ottica di decrescita

Esiste la moneta complementare per la decrescita?

Se analizziamo il carnet di monete complementari esistenti probabilmente non troveremo mai la moneta perfetta. Allo stesso tempo però, trovare una moneta perfetta per la decrescita che possa essere riprodotta in tutte le comunità del mondo, non ha senso. Si finirebbe per dimenticare le peculiarità delle singole comunità, che ne rappresentano anche i punti di forza.
Possiamo invece delineare gli aspetti fondamentali che questa moneta dovrebbe avere.

Le monete complementari ad uso sociale esistenti contengono un grande messaggio, e in un paese riescono a far riscoprire la forza e le fondamenta su cui dovrebbe costruirsi una comunità.

Tuttavia, non rappresentano un sistema che possa essere complementare sul piano commerciale al sistema della moneta unica. Pertanto dobbiamo volgere lo sguardo alle monete complementari locali ad uso commerciale.
La moneta del tipo C2B sembra essere la più adatta poiché coinvolge attivamente cittadini e imprenditori. I creatori devono incentivare entrambi ad entrare nel circuito grazie ad un premio del 10% per ogni cambio dalla moneta in corso legale alla moneta locale.

Inizialmente, bisogna definire cosa si intende per “locale”. La circoscrizione di una moneta complementare dipende dal territorio su cui deve essere sviluppata. “Locale” è quindi un concetto relativo; il quartiere di Londra, Brixton, ha un grande potenziale, dal punto di vista numerico, di partecipanti al sistema. Mentre in Sardegna lo stesso numero è possibile ottenerlo considerando “locale” tutta la regione. Un numero importante di partecipanti rende la moneta complementare sufficientemente forte.

La moneta complementare locale ad uso commerciale deve necessariamente seguire una grande linea guida: l'ecologia. Nel circuito bisognerà accettare piccole e medie imprese solo se queste si impegnino a sottoscrivere un patto ecologico che preveda una riduzione della loro impronta ecologica.
Non è sufficiente promuovere le imprese locali se queste hanno un impatto ecologico sconsiderato. Anche le imprese locali dovranno quindi cambiare direzione per promuovere un'economia ecologica, rendendo in primo luogo sostenibile la loro produzione.

Dev'esserci quindi un ecolocalization (Dittmer, 2013): la produzione deve essere locale. Come abbiamo visto per Brixton, o in generale per le città globali (Sassen, 1991), questo risulta problematico, poiché non dispongono dello spazio atto a produrre beni primari come quelli derivanti dall'agricoltura. Ecco allora che potrebbe delinearsi una nuova sfida: riorganizzare le città in modo che i quartieri possono anch'essi mirare all'auto-produzione per lo meno di alcuni beni primari e quindi al rendersi sempre meno dipendenti dall'esterno.

Se una moneta complementare locale ad uso commerciale venisse progettata seguendo queste linee guida la sua forza sociale sarebbe già inscritta. Si creerebbe, e continuerebbe a crescere, un forte network comunitario, necessario per il successo della moneta complementare.
Il cambio deve essere supportato anche dalla politica locale: è auspicabile che parte degli stipendi dei cittadini di quella regione, città o quartiere siano pagati nella moneta locale. In modo da poter coinvolgere nella rete tutti i cittadini, che presto si renderanno conto di quanto sia importante far parte di una comunità resiliente. Senza però togliere a questi la libertà di un eventuale cambio con la moneta unica. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La scommessa delle monete complementari in un'ottica di decrescita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Grisoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Roberto Pedersini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

denaro
comunità
latouche
resilienza
decrescita
monete complementari
criptovalute
monete locali
brixton pound
sardex

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi