Skip to content

Le modificazioni del dolo nel tormentato percorso di tipizzazione del delitto di false comunicazioni sociali

False comunicazioni sociali e leggi ad personam

Su tutta la rassegna di innovazioni apportate dalla riforma di cui abbiamo ampiamente parlato si è concentrata una fittissima e autorevole critica sfociata, alla fine, nella globale contestazione della disciplina delle false comunicazioni sociali introdotta, tanto da ricondurla al novero delle leggi ad personam.

Dolcini ha fatto notare come tale riforma sia stata in effetti varata mentre era in corso più di un procedimento penale per falso in bilancio nei confronti dell'allora Presidente del Consiglio, di persone a lui vicine e di altri personaggi di prim'ordine nella vita economica e politica del Paese. Lo studioso ritiene che la riforma abbia tradotto in legge alcune strategie difensive che gli avvocati di quei personaggi, in veste di avvocati-parlamentari, avevano invano cercato di attribuire alla disciplina allora vigente.

Richiama inoltre la memoria di tutti rispetto alla denuncia della dottrina penalistica di quel tempo, che, quasi in maniera unanime concordava sulla “vocazione suicida” della disciplina ora in esame, che già a priori si votava alla totale ineffettività a causa della presenza di alcuni elementi della fattispecie che determinavano una riduzione a dismisura dell'ambito applicativo del reato e per gli irrisori livelli sanzionatori adottati. Infatti, continua osservando che le pene per le nuove false comunicazioni sociali sono state fissate in totale spregio dei canoni di ragionevolezza, sotto il profilo di un'equilibrata tutela dei beni giuridici; basta fare il confronto, per esempio, tra la cornice di pena nell'allora art. 2621 cod. civ. (arresto da un giorno a un anno e sei mesi) e quella prevista dall'art. 707 c.p. per il possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli (arresto da sei mesi a due anni). Se lo scarto di severità nel trattamento della criminalità economica e in quello della criminalità comune non è un problema nuovo, con la riforma del diritto penale societario del 2002 ha però raggiunto vette fino ad allora sconosciute alla legislazione italiana. Come se tutto ciò non bastasse, il legislatore di allora ha scelto di assoggettare tali pene a termini di prescrizione brevissimi: a fare da esempio era la contravvenzione dell'art. 2621 cod. civ. che si prescrive in quattro anni e mezzo.

Se volessimo utilizzare poche parole per riassumere quanto appena esposto, sono significative quelle di Pedrazzi che parla di «una controriforma che scalza quella che sul piano della teoria e della prassi era la pietra d'angolo del diritto penale societario, al punto di mettere in forse la stabilità e la legittimazione dell'intero edificio».

Circa gli esiti della riforma, Lunghini ha segnalato che i procedimenti per false comunicazioni sociali iscritti al 30 giugno 2002 erano 280, quelli nei dodici mesi successivi solo 32; di tali procedimenti, ben il 92% è stato definito con archiviazione o con sentenza di non luogo a procedere, mentre solo l'8% con sentenza di condanna o di assoluzione nel merito. Ovvio è che tra i pochissimi condannati per falso in bilancio non debbano annoverarsi coloro sulle cui esigenze è stata ritagliata la normativa del 2002.

Crespi, sulla stessa scia, ritiene anch'egli che si stia parlando in tale caso di una legge del caso singolo, e si rifà a ciò che era stato ricordato a proposito di un'altra «strategia legislativa mirata a soluzioni specifiche di casi e situazioni identificabili» che fa rivivere il ricordo delle invettive di Cicerone contro Verre e il suo editto: “se non avessi redatto questo editto a causa di una sola persona, l'avresti redatto con maggior precauzione”, “poiché con il tuo editto non hai voluto abbracciare la generalità dei casi ma la situazione di un'unica persona”; è proprio questo il diritto singolare che i romani, fin dalle XII tavole, hanno fatto di tutto per escludere: “privilegia ne inroganto”. I concetti appena esposti, prosegue l'autore, sono solo antichi scrupoli, espressione di una stirpe che sembrerebbe non aver mai avuto alcuna discendenza e li definisce in modo tragicomico “out of fashion”, «proprio come il delitto di false comunicazioni sociali, del quale se è lungi dall'essere fuori corso la commissione, ne è invece decisamente fuori moda la perseguibilità».

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le modificazioni del dolo nel tormentato percorso di tipizzazione del delitto di false comunicazioni sociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Parisi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Manfredi Giusino Parodi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dolo
falso in bilancio
berlusconi
elemento soggettivo
false comunicazioni sociali
decreto legislativo 61/2002
legge 69/2015
fraudolentemente
consapevolmente
art.2621 codice civile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi