Skip to content

Paul Auster e Italo Calvino: tra Metafisica e Memoria

Funzione della scrittura: ordinare il caos

Scrivere, ovvero una questione di vita o di morte. Cominciare dalla fine e proseguire à rebours in cerca del bandolo della matassa; partire da un momento lapidario e definitivo (quale l’assunto iniziale si presenta), tanto puntuale e chiuso in sé, quanto aperta aleatoria inafferrabile si presenta la m ateria prima dello scrivere: l’immaginazione.
Scrivere è vestire i pensieri, affinché possano abitare il mondo nella maniera a loro più congeniale.

È dare una voce “grafica” alla loro assordante afasia. Ma soprattutto, scrivere è un’avventura, un’avventura dall’ignoto per l’ignoto, in cui l’avventura di una scrittura spesso coincide con la scrittura di un’avventura, in un’identificazione pressoché totale tra arte e vita («...il mio lavoro è me e io sono il mio lavoro» - P. Auster, Una menzogna quasi vera, p. 30). E in quest’avventura, che è il lungo ed affascinante viaggio della scrittura da «un mondo non scritto al mondo scritto», la parola “scrivere” assume la valenza di “partire”, nel duplice significato che questa racchiude in sé: partire, in quanto intraprendere un viaggio; e partire, in quanto “separare”, dividere l’unità (Io) in parti separate (io scrivente-io scritto).

«Partire sarà come morire», recita il verso di una nota canzone; e in quell’atto riassumere l’atavica separazione tra il qui-e-ora e il poi-là, condizione a cui il soggetto agente con tacita rassegnazione si rimette. Chi parte, nella canzone, è costretto a farlo nonostante il forte richiamo del suo noto qui-e-ora (la persona amata); ma l’urgenza, la necessità del suo partire, il richiamo del poi-là s’impone con tutta la forza che l’attrazione del non-noto sa esercitare sull’indole curiosa, disintegrando finanche l’ ultimo baluardo di resistenza (l’amore per un altro essere)

Il mio posto è in questa attività…Sempre nello sforzo del fare. In quel momento preciso io mi dimentico. Sono nel lavoro. (ivi, p. 39).
…non c’è stato giorno in cui non abbia lavorato, in qualsiasi luogo, in qualsiasi circostanza, su un tavolo o sulle ginocchia, in aereo o in una stanza d’albergo (E. Calvino, nota a Prima che tu dica pronto, p. 3).


È nel tragitto, sofferto e pieno d’insidie, che va da un ente all’altro, in quello strano luogo che è il «percorso della scrittura», che i fantasmi abitatori di un atemporale non-luogo acquistano dolorosa c orporeità, non già nella meta ultima (stesura finale, pubblicazione, etc.). Ma allora, se questo viaggio si prospetta così rischioso, se il piacere stesso del viaggio è a repentaglio, perché si decide di partire lo stesso? La risposta non dà adito a dubbi: «It’s an activity I seem to need in order to stay alive» (P. Auster, The Red Notebook, p. 116 ); «...era passione feroce, dolore a esistere – cosa se non questo poteva spingere… me a addentrarmi in un labirinto di muri e carta scritta?» (I. Calvino, La strada di San Giovanni, p. 16).
Il viaggio, inteso nel suo significato primo di trasferimento da un luogo ad un altro, è il contrassegno distintivo di tutte le opere di Auster; tutte, nessuna esclusa, trattano di spostamenti più o meno lunghi all’interno del continente americano (unica eccezione, In the Country of Last Things, dove lo spostamento iniziale avviene da un continente all’altro). E lo stesso vale per la più parte delle opere di Calvino, le quali laddove non siano puramente opere di carattere fantastico (Le Cosmicomiche, Ti con Zero, Le Città Invisibili, Il Castello dei Destini Incrociati, etc.), tuttavia si presentano come resoconti\cronache di viaggi compiuti dall’auto re stesso nei “quattro angoli” del mondo (Collezione di Sabbia, Sotto il Sole Giaguaro, Palomar).
Ma prima ancora di seguire le vicissitudini di questo o quel personaggio in giro per il mondo, ciò che conta in realtà è ripercorrerne le tappe attraverso il punto di vista privilegiato di colui dalla cui penna questo o quel personaggio ha preso le mosse, nel tentativo di dimostrare la funzione ordinatrice della scrittura alle prese con la molteplicità del reale.

Sono le peregrinazioni stilografiche sull’intonsa distesa bianca del foglio, attraverso fiocchi lazzi stanghette gobbe avvallamenti grafemici, isole semantiche, continenti sintattici; sono i fiumi d’inchiostro, le montagne di carta appallottolata, il mare delle possibilità scartate che si celano tra le righe degli universi narrativi in cui gravitano le storie che noi leggiamo, in qualità di possibilità realizzate, e affatto arbitrarie.
«The story I have to tell is rather complicated». Nei romanzi di Auster avviene spesso che colui che narra la storia sia anche colui che la storia la scrive: è così per Anna Blume (anche se dal «she wrote» iniziale si evince che qualcun altro stia mediando tra lei e noi), per Marco Stanley Fogg, per Walt (Mr Vertigo). Il caso di Quinn, più anomalo, è la sua storia scritta da sé medesimo, ma raccontataci da qualcuno che si palesa solo alla fine. La vicenda di Fanshawe, invece, è la ricostruzi one fatta da un “first-person narrator”, sedicente suo amico non meglio identificabile, dalle maglie della quale traspare anche (o soprattutto?!) la vita di quest’ultimo.

È un’elaborazione di questo espediente narrativo (sovrapporre fino a confondere i ruoli di narratore ed autore), l’opera di più ampio respiro Leviathan (1992), in cui colui che narra, Peter Aaron, si accinge a scrivere la biografia dell’amico scomparso Benjamin Sachs (scrittore lui stesso), in un intreccio che vedrà coinvolte, oltre alla propria, le vite di quanti gravitarono nell’orbita di Sachs. Ed è in questo atteggiamento che scopriamo Aaron sin dalle prime pagine

sitting at a green table, in the middle of the largest room, holding a pen in my hand (p. 9).

Di pari passo, ritroviamo questa tecnica anche in Calvino.
Dapprima questa sovrapposizione narratore/autore è presente a livello “subliminale”, limitandosi a sporadici interventi, quasi un far capolino dalle quinte della scena, come avviene ne “La forma dello spazio” (CC., p. 140):

quelle che potevano pure essere considerate linee rette unidimensionali erano simili in effetti a righe di scrittura corsiva tracciate su una pagina bianca da una penna che sposta parole e pezzi di frase da una riga all’altra..;

in una corrispondenza biunivoca tra scrittura e mondo

Mentre naturalmente le stesse righe anziché successioni di lettere e di parol e poss ono benissimo essere srotolate nel loro filo nero e tese in linee rette parallele che non significano a ltro che se st esse ne l l oro continuo scorrere senza incontrarsi mai (p. 141);

così come anche in “Morte” (TZ, p. 93):
[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Paul Auster e Italo Calvino: tra Metafisica e Memoria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rita Balestra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Ugo Rubeo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi