Skip to content

Libia: pendolo tra tradizione e modernità

Gheddafi: un nomade al potere

La monarchia di re Idris finisce l’1 Settembre 1969. Si tratta di una catastrofe annunciata, infatti, nel corso degli anni ’60, si rincorrevano numerosi voci e studi che, alla luce degli scarsi risultati del re, prevedevano che un gruppo di alti ufficiali avrebbe
preso il potere. Ciò avvenne, ma, a sorpresa, lo fecero i giovani ufficiali e capitani, il “Movimento degli Ufficiali Liberi”. La conquista del potere, come approfondirò in seguito, avvenne senza spargimenti di sangue; il popolo fu ricettivo a riguardo. A mio parere, questa forte ricettività, avvenne per la mancanza di un sentimento nazional-popolare che: da un lato rendeva il popolo quasi indifferente nei confronti di coloro che governavano, ma, dall’altro, lo rendeva ricettivo per l’avvento di leader carismatici.
Come fu, in effetti, Gheddafi.
Prima di parlare di come Gheddafi abbia conquistato il potere, dell’inizio e fine del regime, è utile tracciare un quadro della vita del futuro rais.
Molti hanno scritto della vita di Gheddafi e spesso anche lui ha parlato della sua storia narrando storie mirabolanti, per cui, bisogna capire cosa sia vero e cosa no. A grandi linee, è possibile tracciare un arco temporale, che va, dalla nascita fino al complotto per il colpo di stato.
“Io sono un beduino analfabeta, non so neppure che cosa siano gli arredi e le fogne… Io bevo l’acqua della pioggia e dei pozzi nelle mie mani congiunte. […] Un povero beduino sperduto, che non possiede neppure un certificato di nascita…”
Con queste parole Gheddafi si presentava nel suo libro, parole naturalmente esagerate ma che aiutano a capire la condizione vissuta da giovane dallo stesso rais. Muammar al-Gheddafi è nato, probabilmente, nel 1942, come da lui stesso rivelato, ma, non si sa il giorno preciso. Il tutto dovuto alla situazione, per cui, in Libia, fino al 1950, non sarà obbligatorio denunciare la nascita dei bambini e, precedentemente, pochi lo facevano. Gheddafi non sa nemmeno dove è nato con precisione, si sa solo che, è nato in condizioni di povertà quasi estrema, in una tenda di beduini da genitori avanti con gli anni: il padre è Mohamed Abdel Salam Abominiar e ha quasi sessanta anni; la madre, Aisha, anch’essa molto vecchia, è sfiancata da numerosi parti, con successive premature morti di buona parte dei figli. Rimarranno in vita solo Muammar e tre sorelle tutte più anziane di lui, mentre, moriranno ben quattro fratelli e altre due sorelle. Vive a Gars Bu Hadi, nasce italiano ma vi rimane ben poco, nel dicembre del 1942, vi è la battaglia di al-Alamein che determina la cacciata italiana. Cresce in un ambiente povero, dove si pratica un’agricoltura primitiva, per lui la tenda è il simbolo della vita semplice un luogo sano:
“La tenda è il simbolo della vita semplice. Io personalmente sono vissuto in tenda sin dall’inizio della mia vita e ancora oggi non sono riuscito ad abituarmi a vivere in luoghi lussuosi. Mi sento a mio perfetto agio soltanto nella tenda. La tenda è un luogo sano, al suo interno l’aria è condizionata in maniera naturale, non ha bisogno di mezzi artificiali.”

L’infanzia scorre tranquilla, ma è perennemente flagellata dalle morti dei parenti, per via, delle numerose battaglie che segneranno la memoria di Gheddafi e lo porteranno a identificare re Idris come un re fantoccio, mentre, le parole di Nasser dall’Egitto lo fomenteranno in un nazionalismo che manca in Libia. L’odio per l’Italia nasce per motivi del tutto personali, ossia, per le mine lasciate nei campi che hanno ucciso due cugini e che hanno colpito anche lui che si è salvato per miracolo. A Gars Bu Hadi vi era un fghih (insegnante di Corano) e Gheddafi seguirà con passione le sue lezioni, ma il padre, nel 1952, lo manda in una scuola vera a Sirte dove è preso in giro per le origini beduine e ciò lo porterà ad avvicinarsi a Dio. In città vivrà un’esperienza traumatica, la vede nemica dell’agricoltura e questo rappresenta la contraddizione libica tra città costiere ed entroterra. Gheddafi difenderà i “figli del deserto” con cui si identificherà sempre.
Finisce le scuole elementari in quattro anni anziché sei, trascorre le estati, durante il periodo scolastico, spostandosi con la famiglia in un lungo viaggio nel Fezzan per pascolare e raccogliere orzo. Nel 1956 rimane nella capitale del Fezzan, Sebha, dove frequenta la scuole medie inferiori che finisce in un anno. Per quattro anni frequenta il liceo, ma, re Idris e la sua polizia lo costringeranno ad abbandonare tutto. In quegli anni, segue la trasmissione radiofonica la “Voce degli Arabi”, sono gli anni ’50, sono gli anni, in cui, Nasser infiamma le piazze con il nazionalismo dopo l’invasione del Canale di Suez, rimane ammaliato da tutto ciò. La situazione creatasi, per lui, non fa parte dei colpi di coda delle ex colonie, così, dal 1957 al 1961, tutti i giorni, manifesta per qualcosa che lui considera giusto: per l’Algeria indipendente, contro gli esperimenti nucleari nel Sahara algerino, contro l’omicidio del leader congolese Patrice Lumumba etc.
Re Idris viene considerato da Gheddafi un collaborazionista dell’occidente; critica molte cose, tra cui, la rinuncia alla base di Wheelus Field a favore degli statunitensi, inoltre, si fa portavoce del discorso di Nasser per cui non è giusto che nell’intera Africa cinque milioni di bianchi governino su 200 milioni di africani. A questo punto, comincia il reclutamento da parte di Gheddafi di seguaci; organizza una manifestazione con i liceali per le vie di Sebha e sfugge per poco alla cattura da parte della polizia. Il gruppo “storico” di Sebha costituirà una parte del futuro Consiglio del Comando della Rivoluzione (CCR) ricordiamo: Abdessalam Jallud, Scerif Hussein, Mohamed al-Zawi, Hadi Fadl e Mohamed Khalil. Gheddafi è costretto a lasciare Sebha, ha sulle spalle un decreto che lo espelle dal liceo per cui si trasferisce in Tripolitania, precisamente, a Misurata dove frequenta il locale liceo.
In due anni aumenta il numero di compagni di lotta, seppur, non manifesta apertamente come in Fezzan, avendo capito, che, si può muovere meglio agendo nell’ombra e senza proteste quotidiane. Segue avidamente le rivoluzioni: si informa sulla “lunga marcia” di Mao Zedong, a Cuba simpatizza per Fidel Castro. Nasser rimane la sua ispirazione, lo si può considerare l’erede; da Nasser ricava molto: da un lato molti pensieri che costituiranno il futuro Libro Verde (come l’eliminazione delle classi e dello sfruttamento), ma,
anche, alcune avversioni (come quella contro Israele). Sogna il panarabismo; si ispira, tra gli altri, anche ad Alla al-Fassi, leader del partito Istiqlal, che ha lottato per l’indipendenza marocchina.
Finiti gli studi liceali, nel 1963, si iscrive insieme a Jallud, Omar al-Meheishi e Abdel Monein al-Huni all’Accademia militare di Bengasi all’interno della quale aumenta l’opera di propaganda, che, trasferisce, non solo all’ambito militare, ma, anche, a quello civile. Nel 1964 decide di scindere il movimento con un’ala militare, gli Ufficiali unionisti liberi, e un’ala civile, il Comitato popolare, tra le due ali non vi sarà alcun legame se non il solo Gheddafi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Libia: pendolo tra tradizione e modernità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Polizza
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Nicola Fiorita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
libia
corano
gheddafi
jamahiriyya
primavera araba
carta verde
rais

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi