Skip to content

Evoluzione degli impianti elettrici: dalla rivoluzione industriale alla domotica. Il caso dell'agenzia FDM De Matteo

Gli impianti elettrici all’interno delle abitazioni civili e la loro evoluzione

Prima di introdurre il concetto di domotica e di case intelligenti, le quali rappresentano l'ultima evoluzione tecnologica degli impianti elettrici civili, è bene prestare attenzione a come si progetta un impianto elettrico civile, soprattutto in relazione alle novità introdotte dalla normativa CEI 64-8 “Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua”, la quale costituisce il riferimento normativo per eseguire gli impianti elettrici a regola d'arte, come richiesto dalle leggi 186/68 e dal DM 37/08 sulla sicurezza negli impianti all'interno degli edifici. Inoltre si traccerà, come fatto per l'energia elettrica dalle centrali alle case, il percorso che compie invece l'energia elettrica all'interno dell'impianto elettrico civile una volta raccolta l'energia dall'esterno.
Il settore degli impianti elettrici è soggetto alle prescrizioni di numerose norme tecniche emanate da enti normativi sia nazionali che internazionali.
In funzione dello scopo che hanno, si possono avere documenti di normalizzazione, unificazione e armonizzazione.

«Per normalizzazione si intende l'insieme dei criteri generali in base ai quali devono essere progettati, costruiti e collaudati gli impianti, le macchine, le apparecchiature e i materiali elettrici, in modo che ne sia garantita l'efficienza e la sicurezza di funzionamento».

La compilazione di norme tecniche atte a normalizzare i prodotti costituisce l'attività di unificazione.
«L'unificazione elettrica serve a stabilire le caratteristiche dei materiali, delle macchine e degli apparecchi elettrici, per indurre una ristretta gamma di tipi costruttivi e di dimensioni, in modo da uniformare la più ampia commercializzazione dei prodotti».

L'intensificarsi degli scambi commerciali tra i vari paesi internazionali ha fatto nascere l'esigenza di uniformare le norme nazionali in modo tale da facilitare la comunicazione tra i paesi. Questo processo si definisce armonizzazione.

In Italia, ad esempio, il compito di uniformare e normalizzare nel settore elettrico ed elettronico è svolto dal CEI comitato elettrotecnico italiano.

In ambito mondiale opera l'IEC International Electrotechnical Commission la quale ha il compito di armonizzare le varie norme nazionali per renderle compatibili tra i diversi paesi.
A livello europeo, invece, i comitati nazionali sono raggruppati nel CENELC che sta per Comitato europeo di normazione elettrotecnica, il quale ha il compito di armonizzare le norme tra i paesi membri secondo il criterio del mutuo riconoscimento stabilito nell'ambito della CEI, «secondo il quale se un prodotto è ammesso in un paese deve essere ammesso anche negli altri stati e occorre eliminare tutto quello che ostacola tale riconoscimento».

Le altre principali norme impiegate nel settore elettrico-elettrotecnico per gli impianti civili e residenziali sono:

Dlgs 81/2008 testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro;

DM 37/08 decreto ministeriale recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici

CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua;

CEI-UNEL 35024/1 Cavi elettrici isolati con materiale elastomerico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua. Portate di corrente in regime permanente per posa in aria;

CEI-UNEL 35023 Cavi per energia isolati in gomma o con materiale termoplastico aventi grado di isolamento non superiore a 4. Cadute di tensione;

CEI 11-25 Correnti di cortocircuito nei sistemi trifase in corrente alternata. Parte 0: calcolo delle correnti.

Da quanto riscontrato finora risulta evidente che gli impianti elettrici sono soggetti a numerose normative che molto spesso possono generare anche confusione.

Definire che cos'è un impianto elettrico risulta un'impresa non facile in quanto può comprendere diversi fattori. Innanzitutto «si definisce impianto elettrico un insieme di componenti elettrici e meccanici destinati a realizzare una determinata funzione basata su fenomeni elettrici».
La definizione, come detto, risulta essere abbastanza ampia e per questo vanno distinti impianti di potenza, impianti di segnale, impianti a bassa, media e altra tensione, ecc. In questa sede ovviamente l'attenzione si concentra sugli impianti elettrici civili a bassa tensione.

L'impianto elettrico, quindi, è quel sistema di fili conduttori, di cavi e di accessori che hanno la funzione di portare l'elettricità all'interno delle nostre case. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Evoluzione degli impianti elettrici: dalla rivoluzione industriale alla domotica. Il caso dell'agenzia FDM De Matteo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Ariante
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze formative, psicologiche e della comunicazione
  Corso: Comunicazione Pubblica e D’impresa
  Relatore: Umberto Costantini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi