Skip to content

Crisi economico - finanziaria e aiuti alle imprese nel diritto europeo

Gli interventi statali: una panoramica

Per far fronte ad una crisi finanziaria senza precedenti nella storia dell’Unione Europea, gli Stati membri hanno messo in campo ingenti risorse pubbliche e predisposto programmi di sostegno alle imprese finanziarie variamente articolati.

Dai dati forniti dalla Commissione europea è possibile rendersi conto della grande portata che le misure di aiuti statali hanno avuto in questi ultimi due anni e mezzo. Secondo i dati riportati nello scoreboard della Commissione sono state approvate misure di sostegno per un ammontare di 4 mila miliardi e mezzo di euro, ovvero circa il 39% del PIL dell’UE.

L’importo effettivamente usato è stato però minore: si calcola infatti che per il 2009 esso sia stato di mille miliardi di euro, ovvero all’incirca il 9,3% del PIL europeo. Gli Stati che hanno previsto programmi di sostegno sono ventidue. Cinque Stati, precisamente: Bulgaria, Estonia, Malta, Repubblica Ceca e Romania non hanno approntato nessun tipo di misura, e ciò potrebbe spiegarsi con l’assenza in questi mercati di grandi gruppi bancari nazionali, poiché è su questi gruppi che la crisi dei mutui subprime si è fatta sentire con più forza.

La maggior parte delle risorse statali è stata adoperata per i regimi di garanzia (3.485,25 miliardi di euro, ovvero il 30% del PIL della UE per il 2009), il resto è stato utilizzato per misure di ricapitalizzazione (546,08 miliardi di euro, circa il 4,5% del PIL) e per le misure a sostegno delle attività deteriorate (401,79 miliardi di euro, ovvero il 3,3% del PIL). Come fanno alcuni autori, a seconda della portata dei programmi predisposti, gli Stati possono essere suddivisi cinque gruppi:

1) Paesi con misure di supporto con ammontare superiore al 100% del loro PIL (Irlanda).
2) Paesi che hanno impegnato circa il 20-30% del loro PIL per il sostegno (Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Regno Unito).
3) Paesi che hanno previsto misure per un ammontare pari al 10% del loro PIL (Austria,Germania, Lettonia, Svezia).
4) Paesi che hanno impegnato il 5% del loro PIL (Danimarca, Francia, Grecia, Portogallo, Spagna, Slovenia, Ungheria).
5) Paesi che, pur avendo previsto programmi di sostegno, di fatto questi non sono stati usati o sono stati usati in misura marginale da parte delle imprese finanziarie (Cipro, Finlandia, Italia, Lituania, Polonia, Slovacchia).

E’ interessante osservare, come risulta dai dati della Commissione, che circa il 70% dell’ammontare degli aiuti approvati riguarda solo cinque Stati membri (Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito), ovvero i Paesi dove hanno la loro sede legale i gruppi bancari europei maggiormente significativi. Tra l’ottobre 2008 e l’ottobre 2010 sono state approvate più di 200 decisioni di cui 41 regimi generali, con il coinvolgimento di più di 40 istituzioni finanziarie.

A seconda del tipo di misure che gli Stati membri hanno approntato, si possono fare ulteriori classificazioni. Alcuni si sono concentrati solo su regimi di garanzia statale, come ad esempio la Danimarca e i Paesi Bassi; altri, come l’Italia e la Francia, hanno pensato anche a regimi di ricapitalizzazione; altri ancora, come Germania, Austria e Regno Unito, hanno previsto programmi di sostegno che combinano le varie misure possibili. Il modo in cui la Commissione ha affrontato la crisi finanziaria può essere diviso in tre fasi.

Una prima fase, che parte dal 2007 e arriva fino a settembre 2008, nella quale la Commissione si è rifiutata di utilizzare l’art. 107, par. 3, lett. b) ed ha trattato una serie di casi riguardanti singole istituzioni bancarie come salvataggi ad hoc, ancorando il suo giudizio alle R&R Guidelines a alla loro base normativa, ovvero l’art. 107, par. 3, lett. c). I casi in questione riguardano banche quali Northern Rock, SachsenLB, Rosklide, Bradford&Bingley, Hypo Real Estate.

Una seconda fase inizia nel momento in cui la Commissione, su pressione dei governi degli Stati membri, ha progettato un nuovo quadro di regole più rispondenti alla situazione di crisi in atto nel mondo finanziario. La Commissione ha adottato quindi per la prima volta una decisione sulla base dell’art. 107, par. 3, lett. b) in occasione dell’approvazione della misura danese di garanzia a favore dei depositi bancari.

Il regime danese non si discosta dalle R&R Guidelines, ma è degno di nota perché contiene una serie di impegni che la Danimarca sottomette al vaglio della Commissione, come quello di limitare il volume di bilancio dell’impresa beneficiaria, impegni che fungeranno da punto di riferimento per le decisioni future.

Dopo l’approvazione delle quattro Comunicazioni riguardanti il settore bancario, la Commissione ha concentrato la sua attenzione sui piani di ristrutturazione che le sono stati notificati e su come preparare l’exit strategy dall’aiuto statale in maniera coordinata. Nel periodo che va da ottobre 2008 a febbraio 2009, la Commissione ha adottato i regimi generali che quasi tutti gli Stati membri le hanno notificano, e lo ha fatto utilizzando una procedura accelerata, secondo un modello che è stato definito clearn now and assess later. Se si guarda la data di notifica della misura e la data di approvazione, si può constatare facilmente come spesso il tempo che la Commissione dedica alla valutazione delle misure sia compreso tra le ventiquattro e le trentasei ore.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Crisi economico - finanziaria e aiuti alle imprese nel diritto europeo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizia Paolini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Emanuela Pistoia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aiuti di stato
concorrenza
commissione europea
diritto dell'unione europea
mercato interno
ristrutturazioni
dexia
tfue
regolamento 659/99
art. 107 tfue
tratto sul funzionamento dell'unione europea
banche transfrontaliere
istituzioni finanziarie
grave turbamento nell'economia di uno stato membro
ricapitalizzazioni
misure di asset relief
misure di liquidità
comunicazione sul settore bancario
orientamenti sul salvataggio e la ristrutturazione
imprese in difficoltà
art. 107, par. 3, let. b) tfue
ing
art. 87 tce
aiuti compatibili con il trattato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi