Skip to content

La crisi dei primi anni Settanta come punto di svolta del fenomeno migratorio in Europa

Gli stati maghrebini e l’emigrazione a scopo di ricongiungimento familiare

L’emigrazione familiare è un tipo di emigrazione che si sviluppo già dagli anni Sessanta, ma vide il suo sviluppo soltanto nei decenni successivi. Se da una parte questo nuovo tipo di emigrazione era complementare alla preoccupazione dei paesi di invio riguardo la tutela dei diritti economici e sociali dei propri connazionali negli stati di accoglienza, dall’altra parte l’emigrazione familiare si opponeva all’obiettivo di favorire le migrazioni di ritorno, priorità prevalentemente algerina come si è visto nel paragrafo 2.1.

Nel caso dell’Algeria, Adler spiega come le autorità del paese nordafricano fossero contrarie alle misure adottate dal governo francese volte a bloccare l’immigrazione familiare, ma allo stesso tempo si preoccupavano delle conseguenze legate a questo tipo di emigrazione, come ad esempio il distacco degli emigranti dal paese d’origine e una inferiore quantità di denaro inviata da questi in patria.

Uno dei fattori che favorì il ricongiungimento familiare, e quindi l’emigrazione familiare, fu la mancanza di attrattività delle misure e delle politiche dei paesi di accoglienza volte a favorire il ritorno degli immigrati nei propri paesi d’origine. Per questo motivo la maggior parte degli immigrati maghrebini in Europa decisero di restarvi per un lungo periodo e, in alcuni casi, anche permanentemente. Questo nuovo tipo di emigrazione modificò profondamente i flussi migratori diretti verso l’Europa, in quanto chi emigrava negli anni Settanta erano prevalentemente donne e giovani, rispettivamente mogli e figli degli emigrati che si erano stabiliti in Europa.

Gli emigrati che beneficiarono del ricongiungimento familiare furono quelli che da tempo risiedevano e lavoravano stabilmente e regolarmente nel paese di accoglienza, i quali ricevevano un reddito sufficiente, vivevano in condizioni dignitose e potevano percepire sussidi familiari che, a causa dell’elevato numero di figli, potevano essere superiori a un normale salario. Il ricongiungimento familiare favoriva tanto le donne quanto i giovani figli degli immigrati: vivendo in Europa, le prime avevano maggiori opportunità di trovare un lavoro e di migliorare le condizioni economiche della famiglia, mentre i figli avrebbero potuto usufruire di un’istruzione migliore rispetto a quella impartita nel paese d’origine.

Tuttavia, non tutti gli immigrati maghrebini poterono beneficiare del ricongiungimento familiare, a causa del mancato rispetto dei requisiti: molti non vivevano in alloggi adeguati, non avevano un impiego stabile o erano disoccupati da tempo. Nonostante la presenza di queste situazioni, l’emigrazione familiare ebbe un impatto considerevole sull’emigrazione maghrebina, in particolar modo a partire dagli anni Settanta. Per dare un’idea sui numeri fatti registrare dal ricongiungimento familiare, si può ricordare il caso dei marocchini in Francia, dove l’emigrazione familiare ne vide inizialmente coinvolti 32.000 tra il 1963 e il 1971, per poi arrivare a una cifra superiore a 235.000 tra il 1972 e il 1990, registrando una media annua di 12.400 persone.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La crisi dei primi anni Settanta come punto di svolta del fenomeno migratorio in Europa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Longo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Interfacoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere, Scienze Politiche e Sociali
  Corso: Scienze Linguistiche per le Relazioni Internazionali
  Relatore: Antonio Zotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi