Skip to content

Lo Standard HIPERLAN 2: Prestazioni attuali e sviluppi futuri

HiperLAN 2: strati di rete

Lo standard Hiperlan 2 ai fini di garantire una produzione su larga scala dei dispositivi presenta una bassa standardizzazione nello strato di convergenza (ad eccezione di qualche funzionalità) definendo più specificamente l’interfaccia radio: strato data link e strato fisico.
[...]

Lo strato fisico si basa sul sistema OFDM e supporta diversi schemi di modulazione a seconda della qualità del canale, tale QoS è gestito dal MAC, in Tabella 4.1 vediamo i vari livelli di modulazione a diversi rate di codice e i corrispondenti throughput nominali :
[...]

Il livello Datalink è suddiviso a sua volta in tre sottolivelli :
1) Il RDL (Radio Link Control) che gestisce possibili Handover e quindi tutte le informazioni di controllo necessarie tra l’AP (AccessPoint) e i dispositivi terminali.
2) EC (Error Control) che si occupa della rivelazione ed eventuale correzione di errori adottando protocolli ARQ (Automatic Repeat Request).
3) Strato MAC che vediamo in seguito.

Strato Mac

Il protocollo usato nel MAC di HiperLAN 2 come accennato pocanzi si basa sul TDMA (Time Division Multiple Access) dinamico in un sistema full duplex TDD (Time Division Diplexer). In particolare la comunicazione da AP (Access Point) a MT (Mobile Terminal) è detta downlink, quella da MT ad AP invece uplink.
I dati del MAC sono disposti in trame della durata di 2 ms come in Figura 4.2:[...]

All’interno della trama sono disposti dati di diverso tipo, ad essi ci si riferisce come canali di trasporto ed indicati mediante un acronimo di tre lettere.
Come si può osservare dalla figura possiamo individuare 4 fasi:
1) Fase Broadcast :
In questa fase l’AP invia una serie di informazioni di controllo in modalità broadcast ossia lo stesso messaggio a tutti gli utenti all’interno della cella (BCH).

Il canale FCH invece contiene una sequenza di informazioni IE (Information Element) suddivisi in blocchi da tre e protetti da 24 bit CRC.
Ciascun elemento contiene informazioni circa la composizione e la posizione di un treno PDU (Protocol Data Unit) in up/downlink all’interno della trama.
In altre parole il suo contenuto dipende dalla gestione delle risorse da parte dell’AP (scheduling).

Infine l’Access Feedback CHannel (ACH) porta in conto i tentativi di accesso al canale della precedente trama.
2) Fase Downlink (DL):
Consiste nello scambio di dati e informazioni di controllo dall’AP al MT.
Fase Uplink (UL) :
analogamente alla fase di down link ma da MT verso l’AP.
In ogni caso sia in down link che in uplink le informazioni di controllo sono trasportati dallo Short Trasport CHannel (SCH), quelli di tipo dati dal Long Trasport CHannel (LCH).

Al primo canale sono dedicati 9 byte , al secondo invece 54 byte.
4)Fase di accesso casuale (Random Access ) :
tramite il canale RCH (Random CHannel) un MT può inviare le dovute informazioni di controllo all’AP, in questa fase possono occorrere delle ritrasmissioni dovute a eventuali collisioni secondo l’algoritmo di back-off a finestra: dopo ogni collisione l’intervallo temporale aumenta esponenzialmente fino a un massimo di 256 segmenti.
Lo standard HiperLAN 2 è connection-oriented cioè è permessa la comunicazione una volta stabilita la connessione.
Inoltre ogni terminale è univocamente individuato da un indirizzo ID MAC assegnato.

Per richiedere una risorsa trasmissiva ad una AP vi sono due meccanismi:
1) Dinamico: il terminale effettua richiesta in un messaggio RR (Resource Request) indicando il numero di SCH e LCH per una specifica connessione oppure mediante azione di “polling” da parte dell’AP.
2) Quasi statico: la quantità di risorse è fissata, essa si basa sul (Fixed Capacity Agreement) FCA e viene pianificata in fase di setup di connessione .
Vi sono tuttavia strategie di modifica durante il lifetime di connessione come la procedura RLC esaminata in seguito.
In entrambi i casi l’AP deve rilasciare il permesso di connessione ad ogni frame.
A questo punto, esaminati nelle loro principali funzionalità i canali di trasporto, bisogna considerare che ad ognuno di essi per fissata modulazione e code rate corrisponde un ritardo. Riportiamo tali dati in Tabella 4.2:
[...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo Standard HIPERLAN 2: Prestazioni attuali e sviluppi futuri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Alborino
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle Telecomunicazioni
  Relatore: Davide Mattera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reti
wireless
antenne
banda larga
ingegneria delle telecomunicazioni
hiperlan
modulazione digitale
troughtput
lan, wan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi